[Cc-it] discussione pubblica

Max Mel mail a massimomelica.net
Gio 23 Ago 2007 04:46:32 EDT


La bozza di discussione pubblica in merito alla “Licenza Creative Commons
Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Italia” offre notevoli punti di
confronto e soprattutto di riflessione in merito alla “tutela della volontà
dell’autore” al fine di proteggere la propria opera.

Tra i vantaggi delle CC sicuramente possiamo affermare che rappresentano una
sfida culturale alla classica “tutela tradizionale dell’opera”, dall’altra
hanno lo svantaggio di essere importate da un sistema giuridico anglosassone
e per questo hanno la difficoltà di convivere con un il quadro normativo
italiano che ha posto la base alla piramide economica del “diritto
d’autore”.

La mia esperienza in campo legislativo mi impone di dover valutare ogni
parola che viene inserita in un testo, ma prima ancora, di dover fissare
bene gli obbiettivi che la stessa norma vuole raggiungere; pertanto proverò
a sottoporre al Vs. giudizio alcune semplici considerazioni rese dalla
difficoltà data dalla traduzione/adattamento dall’inglese all’italiano vuoi
sotto il profilo linguistico, vuoi sotto il profilo giuridico.

Inizio dal “cappello introduttivo” il quale credo che si possa sostituire in
“Premessa”, qui si legge: L’ASSOCIAZIONE CREATIVE COMMONS (DI SEGUITO
"CREATIVE COMMONS") NON È UNO STUDIO LEGALE E NON FORNISCE SERVIZI DI
CONSULENZA LEGALE. LA DISTRIBUZIONE DI QUESTO MODELLO DI CONTRATTO DI
LICENZA NON INSTAURA UN RAPPORTO AVVOCATO-CLIENTE. CREATIVE COMMONS FORNISCE
INFORMAZIONI DA CONSIDERARSI “COSI’ COME SONO”. CREATIVE COMMONS NON PRESTA
ALCUNA GARANZIA PER LE INFORMAZIONI FORNITE E SI ESIME DA OGNI
RESPONSABILITÀ PER I DANNI DERIVANTI DALL’USO DELLE STESSE.

Ritengo che lo stesso paragrafo possa essere inquadrato in tal senso:

“L’Associazione Creative Commons (di seguito Associazione) non è un Ente o
uno studio giuridico, pertanto non fornisce servizi di consulenza o tutela
legale. La distribuzione di questo modello di licenza non instaura alcun
vincolo etico-giuridico tra l’Associazione e gli aderenti alla licenza.
L’Associazione non presta alcuna garanzia per le informazioni rese che
pertanto sono recepite dagli aderenti su base libera e volontaria senza
costituire altresì alcun vincolo di responsabilità, anche solidale, per i
danni derivanti dall’adozione della Licenza Creative Commons
Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Italia”

Prima di andare avanti, chiedo il Vs. prezioso parere sulla sostituzione
nella sezione “definizioni” dei termini "Tu/Te" in “Beneficiario” (da
intendersi sempre a titolo gratuito) questa sostituzione semplificherebbe da
un lato la genericità di una traduzione dall'“inglese-italiano” dall’altra
faciliterebbe la lettura del testo sotto il profilo giuridico.

Temo che inquadrare al meglio i confini del testo, faciliti successivamente
l’adattamento, anche giuridico, della licenza nel nostro Paese facilitando
il compito degli operatori che adotteranno una CC.

Un cordiale saluto
Massimo Melica
www.massimomelica.it




Maggiori informazioni sulla lista cc-it