[Cc-it] riassumendo

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Mer 22 Ago 2007 20:34:48 EDT


grazie a un proxy, sono riuscito a scaricare il nuovo regolamento siae...
e non mi pare che ci sia niente di nuovo, facciamo comunque un quadro 
riassuntivo

le sanzioni sono ben specificate (art. 26 e ss.):
_all'associato che contravvenga a disposizioni statutarie o 
regolamentari sono inflitte le sanzioni seguenti, fatta salva ogni altra 
azione civile o penale: il richiamo, la pena pecuniaria, la radiazione_


certo che se si pretende di trovare scritto "il socio non può utilizzare 
le licenze creative commons altrimenti viene sanzionato"... :-)

ci si "accontenti" - come già ho detto - di ciò che dice l'art. 46: _"è 
vietato all'associato, quanto al territorio ed ai diritti per i quali la 
Società ha competenza in relazione al mandato conferitole, di rilasciare 
direttamente permessi di utilizzazione, anche se a titolo gratuito"_ 
(cioè, ad esempio, utilizzare le licenze creative commons)


il testo è sempre lo stesso là dove dice (art. 10) che l'iscritto ha 
_"l'obbligo di dichiarare tempestivamente tutte le opere destinate alla 
pubblica utilizzazione sulle quali abbia o acquisti diritti"_  (ne 
abbiamo già parlato tante volte)

quindi, tutto il repertorio destinato alla pubblica utilizzazione è 
oggetto del mandato siae

tuttavia, in base allo stesso articolo, _l'iscritto ha facoltà di 
limitare il mandato a determinati territori e di escludere uno o più 
diritti di utilizzazione economica_ (fermo restando quello che dice 
l'art. 11, già citato in altro post)

queste eccezioni, però, non spostano di una virgola il problema 
dell'incompatibilità tra licenza CC e mandato siae, perché:
a) _la licenza CC non prevede la concessione di diritti relativamente a 
un territorio determinato_
b) _il mandato siae non può riguardare opere determinate ma riguarda 
TUTTO il repertorio dell'iscritto_
c) _anche la licenza CC più restrittiva tratta praticamente tutti i 
diritti oggetto del mandato siae_

dunque:
a) non è possibile, ad esempio, utilizzare la licenza CC in piemonte e 
dare mandato alla siae nelle altre regioni
b) non è possibile licenziare sotto CC alcune opere e dare mandato alla 
siae relativamente a tutte le altre
c) o si dà mandato a siae o si utilizza la licenza CC


pertanto, l'iscritto alla siae forse oggi può utilizzare licenze open 
content compatibili con le suddette eccezioni, certamente non può 
utilizzare le licenze creative commons

ma attenzione:
altrettanto certo è il fatto che _se l'iscritto vuole rilasciare 
direttamente permessi di utilizzazione, per farlo deve valersi di 
un'eccezione che escluda il mandato siae_!

questo significa che, _quand'anche la licenza CC fosse una licenza 
compatibile con le suddette eccezioni, il licenziante non potrebbe 
riscuotere i compensi attraverso siae!_

cioè la compatibilità, laddove può esistere, esiste sulla base di 
un'esclusione reciproca tra licenza e mandato, non certo sulla base di 
una "convivenza" grezie alla quale sia possibile utilizzare una licenza 
libera e al tempo stesso riscuotere i compensi tramite siae (QUESTO E' 
CIO' CHE DICE LA LICENZA CC!)

viene davvero in mente l'aforisma epicureo:
"Non ho paura della morte. Quando c'è la morte non ci sono io, quando ci 
sono io non c'è la morte."



bye
nag



Maggiori informazioni sulla lista cc-it