[Cc-it] request for comments: le licenze CC 3.0 italiane

marco scialdone marcoscialdone a gmail.com
Lun 20 Ago 2007 15:45:49 EDT


Innanzitutto un saluto a tutti gli iscritti alla lista, essendo questo il
mio primo intervento.
Sul tema compatibilità tra iscrizione alla SIAE e licenze CC credo possa
essere di aiuto alla riflessione il testo dell'art. 11 "utilizzazioni
online" del Regolamento SIAE approvato in data 13 giugno 2007 -
http://www.siae.it/view.asp?pdf=BG_Normativa_Regolamentogenerale13-6-07.pdf

*Art. 11  - Utilizzazioni "on line"*
**
*1. L'associato ha la facoltà di escludere dal mandato i diritti di
riproduzione e comunicazione al pubblico limitatamente alle utilizzazioni su
reti telematiche e di telefonia mobile limitatamente alle utilizzazioni su
reti telematiche e di telefonia mobile o analoghe forme di fruizione delle
opere distintamente per:*
*a. utilizzazioni interattive;*
*b. utilizzazioni non interattive.*
*2. Tale facoltà deve essere esercitata, tramite predisposizione ed inoltro
di apposito modulo predisposto dalla Società, all'atto dell'associazione o
con un preavviso di almeno novanta giorni prima della scadenza di ogni
periodo annuale di durata del rapporto associativo a quello di presentazione
della richiesta. Il Consiglio di Amministrazione, sentita la competente
Commissione di Sezione, può, con propria delibera, dettare ulteriori norme
relativo all'esercizio delle citate facoltà.*
*3. Le categorie di utilizzazione di cui al comma 1 potranno essere
periodicamente aggiornate dall'Assemblea su proposta del Consiglio di
Amministrazione in relazione all'evoluzione del mercato delle utilizzazioni
"on line", dandone idonea comunicazione agli associati.*


Ciò detto sono perfettamente d'accordo sulla poca chiarezza dell'espressione
utilizzata nella bozza di licenza, che, per come scritta, sembra coniugare
due ipotesi antitetiche.


Marco Scialdone


On 20/08/07, Nicola A. Grossi <k2 a larivoluzione.it> wrote:
>
> Marco Ciurcina ha scritto:
>
> >Il Tuesday 07 August 2007 20:21:05 Nicola A. Grossi ha scritto:
> >
> >
> >>continuo a non capire come possa il licenziante
> >>riservarsi il diritto di riscuotere compensi attraverso la Siae, dal
> >>momento che, se riscuote compensi attraverso la Siae, significa che il
> >>licenziante è iscritto alla Siae, ma se è iscritto alla Siae, allora non
> >>può utilizzare una licenza CC
> >>("E' altresì vietato all'iscritto di rilasciare direttamente permessi di
> >>utilizzazione, anche se a titolo gratuito")
> >>
> >>
> >che sanzione è prevista per l'iscritto SIAE che:
> >a) rilascia un'opera sotto licenza CC dopo essersi iscritto alla SIAE
> >b) ha rilasciato un'opera sotto licenza CC prima di iscriversi alla SIAE
> ?
> >
> >
> non sono la SIAE (quindi si tratta di domande che dovresti rivolgere a
> detta società), però ti posso dire quello che so:
>
> a) per l'iscritto che rilascia un'opera sotto licenza libera (e quindi
> la rende disponibile al pubblico), dopo essersi iscritto alla SIAE, è
> prevista una sanzione amministrativa (confermata telefonicamente e dal
> vario importo, a seconda dell'entità della violazione)... e ci si arriva
> anche a logica, perché non ha senso porre un divieto all'iscritto (vedi
> regolamento) se non è prevista anche una sanzione
>
> b) l'iscritto che invece ha rilasciato un'opera sotto licenza libera,
> prima di iscriversi alla SIAE, _DEVE_ comunque comunicare tale
> repertorio licenziato alla SIAE, repertorio che sarà quindi anch'esso
> oggetto del mandato SIAE (pertanto, le sanzioni, se non ci sono per
> l'iscritto, ci saranno pur sempre per chi utilizza quel repertorio)
>
>
> >>Quand'anche, attraverso interpretazione, si desse un senso a quanto
> >>scritto a tal proposito nella licenza, tutti i possibili
> >>
> >>
> >quali ?
> >
> >
> da quel testo si evince chiaramente che chi è iscritto alla siae (ossia
> chi può percepire compensi tramite SIAE: vedi licenza) può utilizzare
> una licenza CC
>
> è così? direi proprio di no
>
>
> >>e pericolosi
> >>
> >>
> >perchè pericolosi ?
> >
> >
>
> perché un iscritto alla siae non DEVE utilizzare una licenza libera ed è
> pericoloso fare credere al licenziante che possa farlo
> (dico "fare credere" perché la licenza è già scritta e immagino che chi
> la utilizza la legga e la interpreti)
>
>
> a triste chiosa, racconto un piccolo aneddoto (anche perché abbiamo poco
> materiale e si deve andare anche un po' per esperienze dirette): qualche
> settimana fa su PI esce un articolo che mi colpisce e lì per lì mi
> rallegra;
> l'articolo di PI parlava di un musicista, iscritto alla siae, che
> utilizzava le CC
>
> mi dico: "oh, che bello, ma allora si può fare!"
>
> lo contatto per saperne di più... parliamo un po', lui non mi crede e
> pensa addirittura che si tratti di uno scherzo
>
> si informa... e come va a finire?
>
> va a finire che il musicista zitto zitto ritira tutto il repertorio
> sotto CC e mi offre una cena (per la mancata perdita, diciamo)
>
>
> saluti,
> n.a.g.
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



-- 
Marco
scialdone.blogspot.com
www.computerlaw.it
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20070820/9f8cda11/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it