[Cc-it] Domanda a Deborah De Angelis su "Casa Pannella" (II parte)

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Mar 28 Nov 2006 19:11:23 EST


Divido in due la risposta: *là si discute se l'opera abbia carattere 
creativo* (non so come De Angelis possa dire che *il montaggio non è 
creativo* ma al tempo stesso riconosca allo stesso la *protezione* *ex 
art. 4 LDA* - che riguarda appunto le *elaborazioni di carattere 
creativo* - ma sono certo che De Angelis me lo spiegherà), *e poi, 
spero, si discuterà sul concetto di parodia* [sempre con sentenze alla 
mano, visto che è un concetto elaborato dalla giurisprudenza e non 
trattato nella più volte richiamata LDA], *qui parliamo, invece, delle 
libere utilizzazioni ai sensi di legge*).

De Angelis ha scritto:

> nel caso di specie, grazie al rilascio dei filmati sotto licenza  
> Creative Commons.Attribution 2.5., il consenso era stato fornito a  
> monte, al momento della comunicazione e messa a disposizione 
> dell'opera  sul sito di radio radicale, l'unica cosa da rispettare 
> erano le  restrizioni imposte dalla licenza all'art 4. lett. a) e b).


Condizioni che devono essere rispettate dal licenziatario, certamente. 
Ma Daw, nel momento in cui ha ricevuto la diffida non era licenziatario.
In quel momento Daw aveva semplicemente indicato la fonte "Radio 
Radicale", non aveva fatto alcun riferimento alla licenza.
In questo momento Daw è licenziatario, prima non lo era. Era invece un 
"libero utilizzatore" ex art.70 LDA.


>
> Al limite, il montaggio del filmato potrebbe essere qualificato come  
> satira politica al fine di suscitare ilarità (discutibile) nei  
> confronti del pubblico.

Vorrei capire se il "discutibile" ha una base giuridica o se si basa su 
un giudizio di valore personale.
Vorrei anche capire perché di questa "eventualità", se non ricordo male, 
non ha parlato nell'intervista a Radio Radicale.

> In tal caso si applica  la norma di cui all'art. 70, ultimo comma, LdA.
> Le restrizioni di cui all'art. 4) della licenza CC non fanno che  
> rafforzare il disposto di legge e non si pongono contro la legge.

*La legge non richiede l'URI*, comunque certamente c'è un rafforzamento 
(benché in senso restrittivo) e non delle pretese contro la legge
(anche perché non credo che possano "esistere" licenze contra ius).



>
>  Il contratto (nel caso di specie la licenza CC), una volta che è 
> stato  conlcuso, ai sensi dell'art. 1372 c.c., ha forza di legge tra 
> le parti.


Certamente: se Daw era licenziatario doveva indicare l'URI. Ma Daw non 
era tale, per cui *vorrei capire perché un "libero utilizzatore" deve 
indicare l'URI* (l'oggetto della diffida era proprio l'indicazione 
dell'URI).


>
>
>
>
> Infine ritengo che in un sistema che promuove la libertà dei 
> contenuti,  come quello delle licenze CC,
> sia opportuno che i comportamenti dei fruitori siano ispirati all'  
> osservanza delle regole, qualsiasi sia la loro fonte (legale, 
> pattizia,  etica e deontologia).
>
>
>
In linea generale sono d'accordo ma quello che questa vicenda dovrebbe 
insegnare secondo me non è l'indebito rispetto delle licenze mediante 
diffida,
bensì la possibilità di utilizzare liberamente e nel rispetto di certe 
condizioni le opere altrui. E' un principio di libertà molto importante.
Questo insegnao anche le CC:
*"2. Libere utilizzazioni.* La presente Licenza non intende in alcun 
modo ridurre, limitare o restringere alcun diritto di libera 
utilizzazione o l'operare della regola dell'esaurimento del diritto o 
altre limitazioni dei diritti esclusivi sull'Opera derivanti dalla legge 
sul diritto d'autore o da altre leggi applicabili."




Saluti,
n.a.g.

-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061129/be37ee76/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it