[Cc-it] Domanda a Barbara De Angelis su "Casa Panealla"

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Ven 17 Nov 2006 06:25:05 EST


Ho ascoltato la sua intervista:
http://www.radioradicale.it/schede/view/id=211114/intervista-a-deborah-de-angelis-avvocato-su-vicenda-daw-radioradicale-it-e-creative-commons

Vorrei capire perché nell'intervista lei non fa alcun riferimento né al 
concetto di parodia né a quello di satira, che come lei ben sa non sono
tipizzati nella LDA (perché fare riferimento, quindi, alla LDA?) ma 
elaborati dottrinalmente e soprattutto giurisprudenzialmente, in 
sentenze che, ovviamente, non fondano il diritto di satira su quanto 
scritto nella LDA (non vi si parla), ma sui principi costituzionali.

Quand'anche volessimo in via analogica estrarre dal diritto di critica 
il diritto di satira e quindi basarci soltanto su quello che dice la LDA,
le chiedo: Daw aveva inserito la fonte, come a lui richiesto. Non aveva 
invece inserito l'URI (che soltanto la licenza richiede).

Nell'intervista, però, lei non dice che la diffida riguarda 
esclusivamente l'inserimento dell'URI.

Ora, se noi siamo qui per un amore verso la libertà (di espressione 
innanzitutto), se le stesse licenze rappresentano un modo per aprire i 
contenuti alla condivisione (tanto che al loro stesso interno dichiarano 
di non voler porre alcun limite non solo ad ogni norma che estenda la 
libertà), non è forse paradossale e grottesco che proprio da Creative 
Commons Italia arrivi ripetutamente un invito (diretto o indiretto) al 
rispetto (per di più non necessario) di condizioni restrittive?

La diffida (se proprio non si può fare a meno di mandarla) andrebbe 
mandata a Studio Aperto (che non ha citato alcuna fonte) o a tutti 
coloro che hanno inserito la bestemmia della Bonino sic et simpliciter 
su YouTube...

Io confesso di essere molto perlplesso e confuso. Spero che lei possa 
illuminarmi, grazie.


Saluti,
n.a.g.





Maggiori informazioni sulla lista cc-it