[Cc-it] "Casa Pannella": spiego a De Martin cos'è la parodia

Michele michelinux a soccio.it
Gio 16 Nov 2006 07:18:57 EST


A questo punto deduco di essere stato io quello a vedere il filmato
sbagliato.
Nel filmato che ho visto io c'erano solo degli spezzoni relativi a radio
radicale, montati in modo da sottolineare degli animati scambi di
opinioni avvenuti tra esponenti del relativo partito. Appunto una
sottolineatura, nulla di deformante (esempio Guerre Stellari e Balle
Spaziali).
Comunque le discussioni su cosa sia parodia e cosa sia satira esulano
dall'argomento di questa lista.
Saluti, Michele.

Il giorno gio, 16/11/2006 alle 12.32 +0100, Nicola A. Grossi ha scritto:

> Michele ha scritto: 
> 
> > Forse Nicola A. Grossi non ha visto il filmato in questione visto
> > che, a quanto pare, non è più disponibile.
> 
> Forse lei non sa che il filmato è disponibilissimo. Ma il fatto che
> lei possa pensare che io parli di una cosa che non ho visto
> già la dice lunga sui suoi intenti apologetici. Comunqne, si accomodi:
> immagino che mi darà modo di spiegare meglio cos'è una parodia.
> 
> 
> 
> > Viene chiamato parodia, ma in realtà è solo un montaggio di spezzoni
> > tratti dai filmati originali.
> 
> Beh, caro signore, forse stiamo parlando di due filmati diversi.
> Quello di cui parlo io si intitola "Casa Pannella" ed è la parodia di
> "Casa Vianello".
> Però, se ho ben capito, lei vuole scindere gli spezzoni di Radio
> Radicale dal resto del filmato (compreso il costante sottofondo
> musicale che accompagna gli spezzoni), fare finta che ogni elemento
> diverso da quegli spezzoni non esiste e dire che non si tratta di una
> parodia ma di un "montaggio di spezzoni tratti dai filmati originali".
> 
> Io faccio un po' fatica a seguirla, però, la voglio seguire.
> Parliamo allora di quel montaggio.
> Le pare un montaggio casuale, un montaggio di tipo giornalistico... ?
> No, niente di tutto questo. Gli spezzoni sono montati ad arte (perché
> la satira è un'arte espressione del libero pensiero: lo sa?
> lo sa che la satira non trova fondamento nelle libere utilizzazioni ex
> LDA, ma direttamente nell'art. 21 della Costituzione?), in modo tale
> da STRAVOLGERE il loro significato e dare vita ad un'opera autonoma.
> 
> 
> "Il fenomeno della
> parodia - peraltro in sé non normativamente definito ma
> di antica e costante tradizione - si esplica secondo canoni
> o schemi non predefiniti e implica un ineliminabile
> carattere di parassitismo rispetto all’opera parodiata, nel
> senso che essa trova fondamento proprio nella preesistenza
> di un’opera di riferimento cui operare ripetuti rimandi
> in chiave deformante. Sul piano della tutela del
> diritto d’autore - profilo peraltro non trattato nel presente
> procedimento cautelare, ma nell’ambito del quale si
> registrano i maggiori approfondimenti sul punto e che
> appare rilevante in sé al fine di dare conto in via generale
> della possibile tutela assicurata dall’ordinamento - è
> ormai opinione generalmente condivisa quella che attribuisce
> all’opera parodistica la natura di opera autonoma,
> in quanto implicante comunque una (seppur modesta)
> attività creativa, e dunque una protezione ai sensi degli
> artt. 1 e 2 L.A. in quanto dotata di propria autonoma individualità.
> Essa evidentemente sfugge alla necessità di
> un preventivo consenso da parte dell’autore dell’opera
> originaria o comunque del soggetto cui essa risulta indirizzata,
> consenso che difficilmente sarebbe concesso - in
> ragione del rapporto di radicale antinomia e di rovesciamento
> concettuale che la parodia riveste rispetto all’opera
> di derivazione o al soggetto coinvolto - e la cui mancanza
> determinerebbe un’intollerabile compressione di
> una forma espressiva direttamente e storicamente ricollegabile
> all’esercizio del diritto di critica e di manifestazione
> del pensiero."
> 
> Queste sono le parole di un giudice. Se vuole possiamo aggingere
> quelle di chi giuridicamente studia il fenomeno della satira e della
> parodia.
> 
> Nel nostro caso l'opera originaria è quella tutelata con licenza
> Creative Commons: giusto?
> Bene: qualcuno l'ha DEFORMATA, STRAVOLTA e ne ha fatto una parodia.
> Ma attenzione: la parodia non nasce dal semplice stravolgimento, ma da
> uno stravolgimento a fine satirico.
> Quella manipolazione altro non è che una parodia dell'opera originale
> proprio perché ne utilizza frammenti e li ricompone a fine satirico:
> la Bonino bestemmia e Capezzone dice "dio santo!"
> A lei sembra davvero un montaggio di spezzoni sic et simpliciter?
> 
> Dove sta scritto che non si può fare la parodia di un video montandone
> ad arte pezzi dello stesso e mischiandoli con quelli
> di un altro video?
> Il suo ragionamento è simile a questo: noi non siamo uomini ma
> mammiferi con 4 arti, due superiori e due inferiori.
> 
> 
> 
> > Una parodia avrebbe dovuto includere degli attori impersonanti i
> > vari personaggi. 
> 
> Questo avviene sin dalla presentazione iniziale (l'ha vista?), ma non
> è certamente un elemento necessario perché si possa parlare di
> parodia.
> Pensi al recente caso dell'Associazione Investici e Trenitalia s.p.a.:
> c'erano "personaggi impersonati"? Non mi pare proprio. Eppure di
> parodia si trattava.
> 
> 
> 
> Saluti,
> n.a.g.
> 
> 
> > 
> > 
> > 
> > Il 14/11/06, Nicola A. Grossi <k2 a larivoluzione.it> ha scritto: 
> > 
> >         Caro De Martin,
> >         lei ha commentato il caso "Casa Pannella" invocando il
> >         rispetto della
> >         licenza Creative Commons.
> >         
> >         
> >         Io credo che lei, soprattutto per la carica che ricopre,
> >         quella di Public
> >         Lead di Creative Commons Italia (lo dico a chi non lo
> >         sapesse), debba 
> >         assolutamente venire a conoscenza di una cosa molto
> >         importante che ignora o
> >         che vuole ignorare: il concetto di parodia.
> >         
> >         Non starò qui a tediarla con normative, giurisprudenza, tesi
> >         di laurea,
> >         saggi... ma sarò diretto. 
> >         
> >         *La parodia*, quale tecnica utilizzata per raggiungere
> >         l'effetto satirico,
> >         pur trovando fondamento nella pree­sistenza di un'opera di
> >         riferimento,
> >         *gode di natura autonoma e sfugge pertanto alla necessità
> >         del consenso 
> >         dell'autore dell'opera parodiata.*
> >         
> >         
> >         Dunque, non ha senso invocare il rispetto della licenza
> >         Creative Commons
> >         perché la parodia integra una fattispecie di libera
> >         utilizzazione che opera
> >         anche in stato di full-copyright (come vede gli autori di
> >         "Casa Vianello" 
> >         non hanno diffidato nessuno, eppure "Casa Vianello" non è
> >         rilasciata con
> >         licenza Creative Commons).
> >         
> >         E com'è possibile, De Mcrtin, che nemmeno i recenti e noti
> >         casi di
> >         Berbardini e i manifesti di Berlusconi oppure di
> >         Autistici/Inventati e 
> >         Trenitalia l'abbiano spinta ad una più profonda riflessione?
> >         
> >         
> >         Si esprima per favore, ci dica che si tratta di un equivoco,
> >         perché non
> >         credo ai miei occhi, non la ritengo capace di un simile
> >         autogol.
> >         
> >         
> >         
> >         Saluti,
> >         n.a.g.
> >         
> >         _______________________________________________
> >         Cc-it mailing list
> >         Cc-it a lists.ibiblio.org 
> >         http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> > 
> > 
> > 
> > 
> > ____________________________________________________________________
> > 
> > _______________________________________________
> > Cc-it mailing list
> > Cc-it a lists.ibiblio.org
> > http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> >   
> 
> 
> 
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061116/a386f0ac/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it