[Cc-it] "Casa Pannella": spiego a De Martin cos'è la parodia

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Gio 16 Nov 2006 06:32:40 EST


Michele ha scritto:

> Forse Nicola A. Grossi non ha visto il filmato in questione visto che, 
> a quanto pare, non è più disponibile.

Forse lei non sa che il filmato è disponibilissimo. Ma il fatto che lei 
possa pensare che io parli di una cosa che non ho visto
già la dice lunga sui suoi intenti apologetici. Comunqne, si accomodi: 
immagino che mi darà modo di spiegare meglio cos'è una parodia.


> Viene chiamato parodia, ma in realtà è solo un montaggio di spezzoni 
> tratti dai filmati originali.

Beh, caro signore, forse stiamo parlando di due filmati diversi.
Quello di cui parlo io si intitola "Casa Pannella" ed è la parodia di 
"Casa Vianello".
Però, se ho ben capito, lei vuole scindere gli spezzoni di Radio 
Radicale dal resto del filmato (compreso il costante sottofondo musicale 
che accompagna gli spezzoni), fare finta che ogni elemento diverso da 
quegli spezzoni non esiste e dire che non si tratta di una parodia ma di 
un "montaggio di spezzoni tratti dai filmati originali".

Io faccio un po' fatica a seguirla, però, la voglio seguire.
Parliamo allora di quel montaggio.
Le pare un montaggio casuale, un montaggio di tipo giornalistico... ?
No, niente di tutto questo. Gli spezzoni sono montati *ad arte* (perché 
la satira è un'arte espressione del libero pensiero: lo sa?
lo sa che la satira non trova fondamento nelle libere utilizzazioni ex 
LDA, ma direttamente nell'art. 21 della Costituzione?), *in modo tale da 
STRAVOLGERE il loro significato e dare vita ad un'opera autonoma*.


"Il fenomeno della
parodia - peraltro in sé non normativamente definito ma
di antica e costante tradizione - si esplica secondo *canoni
o schemi non predefiniti* e implica un ineliminabile
carattere di parassitismo rispetto all'opera parodiata, nel
senso che *essa trova fondamento proprio nella preesistenza
di un'opera di riferimento cui operare ripetuti rimandi
in chiave deformante*. Sul piano della tutela del
diritto d'autore - profilo peraltro non trattato nel presente
procedimento cautelare, ma nell'ambito del quale si
registrano i maggiori approfondimenti sul punto e che
appare rilevante in sé al fine di dare conto in via generale
della possibile tutela assicurata dall'ordinamento -* è
ormai opinione generalmente condivisa quella che attribuisce
all'opera parodistica la natura di opera autonoma,
in quanto implicante comunque una (seppur modesta)
attività creativa, e dunque una protezione ai sensi degli
artt. 1 e 2 L.A. in quanto dotata di propria autonoma individualità*.
*Essa evidentemente sfugge alla necessità di
un preventivo consenso da parte dell'autore dell'opera
originaria o comunque del soggetto cui essa risulta indirizzata,
consenso che difficilmente sarebbe concesso - in
ragione del rapporto di radicale antinomia e di rovesciamento
concettuale che la parodia riveste rispetto all'opera
di derivazione o al soggetto coinvolto - e la cui mancanza
determinerebbe un'intollerabile compressione di
una forma espressiva direttamente e storicamente ricollegabile
all'esercizio del diritto di critica e di manifestazione
del pensiero.*"

Queste sono le parole di un giudice. Se vuole possiamo aggingere quelle 
di chi giuridicamente studia il fenomeno della satira e della parodia.

Nel nostro caso l'opera originaria è quella tutelata con licenza 
Creative Commons: giusto?
Bene: qualcuno l'ha *DEFORMATA, STRAVOLTA* e ne ha fatto una *parodia*.
Ma attenzione: la parodia non nasce dal semplice stravolgimento, ma da 
uno stravolgimento a fine satirico.
*Quella manipolazione altro non è che una parodia dell'opera originale 
proprio perché ne utilizza frammenti e li ricompone a fine satirico:
*la Bonino bestemmia e Capezzone dice "dio santo!"
A lei sembra davvero un montaggio di spezzoni sic et simpliciter?

*Dove sta scritto che non si può fare la parodia di un video montandone 
ad arte pezzi dello stesso e mischiandoli con quelli
di un altro video?
*Il suo ragionamento è simile a questo: noi non siamo uomini ma 
mammiferi con 4 arti, due superiori e due inferiori.


> Una parodia avrebbe dovuto includere degli attori impersonanti i vari 
> personaggi. 

Questo avviene sin dalla presentazione iniziale (l'ha vista?), ma non è 
certamente un elemento necessario perché si possa parlare di parodia.
Pensi al recente caso dell'Associazione Investici e Trenitalia s.p.a.: 
c'erano "personaggi impersonati"? Non mi pare proprio. Eppure di parodia 
si trattava.



Saluti,
n.a.g.

>
>
> Il 14/11/06, *Nicola A. Grossi* <k2 a larivoluzione.it 
> <mailto:k2 a larivoluzione.it>> ha scritto:
>
>     Caro De Martin,
>     lei ha commentato il caso "Casa Pannella" invocando il rispetto della
>     licenza Creative Commons.
>
>
>     Io credo che lei, soprattutto per la carica che ricopre, quella di
>     Public
>     Lead di Creative Commons Italia (lo dico a chi non lo sapesse), debba
>     assolutamente venire a conoscenza di una cosa molto importante che
>     ignora o
>     che vuole ignorare: il concetto di parodia.
>
>     Non starò qui a tediarla con normative, giurisprudenza, tesi di
>     laurea,
>     saggi... ma sarò diretto.
>
>     *La parodia*, quale tecnica utilizzata per raggiungere l'effetto
>     satirico,
>     pur trovando fondamento nella pree­sistenza di un'opera di
>     riferimento,
>     *gode di natura autonoma e sfugge pertanto alla necessità del
>     consenso
>     dell'autore dell'opera parodiata.*
>
>
>     Dunque, non ha senso invocare il rispetto della licenza Creative
>     Commons
>     perché la parodia integra una fattispecie di libera utilizzazione
>     che opera
>     anche in stato di full-copyright (come vede gli autori di "Casa
>     Vianello"
>     non hanno diffidato nessuno, eppure "Casa Vianello" non è
>     rilasciata con
>     licenza Creative Commons).
>
>     E com'è possibile, De Mcrtin, che nemmeno i recenti e noti casi di
>     Berbardini e i manifesti di Berlusconi oppure di
>     Autistici/Inventati e
>     Trenitalia l'abbiano spinta ad una più profonda riflessione?
>
>
>     Si esprima per favore, ci dica che si tratta di un equivoco,
>     perché non
>     credo ai miei occhi, non la ritengo capace di un simile autogol.
>
>
>
>     Saluti,
>     n.a.g.
>
>     _______________________________________________
>     Cc-it mailing list
>     Cc-it a lists.ibiblio.org <mailto:Cc-it a lists.ibiblio.org>
>     http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
>
>------------------------------------------------------------------------
>
>_______________________________________________
>Cc-it mailing list
>Cc-it a lists.ibiblio.org
>http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>  
>

-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061116/d89641a2/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it