[Cc-it] Significato e flessibilita' delle licenze Creative Commons

Federico Falcetti federico.falcetti a gmail.com
Sab 11 Nov 2006 19:50:28 EST


Il 11/11/06, Andrea Glorioso <andrea a digitalpolicy.it> ha scritto:
>
> On Fri, Nov 10, 2006 at 12:21:46PM +0100, Federico Falcetti wrote:
>
>
> Naturalmente, operando a livello delle licenze "generiche" (tra breve
> note come "unported") si pongono meno problemi di coordinamento; a quel
> punto, pero`, scegliere il livello di dettaglio corretto diventa ancora
> piu` complicato, perche` non e` piu` possibile far riferimento ad un
> singolo ordinamento nazionale.  Supponiamo che l'ordinamento X riconosca
> esplicitamente un diritto alfa che nell'ordinamento Y e` ricompreso in una
> categoria piu` generale: le licenze "generiche" o "unported" dovrebbero
> riconoscere "alfa" come permesso atomico?  E nel momento dell'adattamento,
> come dovrebbero comportarsi quelle giurisdizioni in cui alfa non sussiste
> come diritto autonomo?


A me questa sembra più una riflessione filosofica che legale.
Io credo - ma non sono un legale per cui è possibile che mi sbagli - che i
così detti diritti di utilizzazione economica siano gli stessi in tutti i
paesi che hanno ratificato la celeberrima Convenzione di Ginevra (si tratta
di moltissimi paesi... forse tutti i paesi del mondo o quasi tutti i paesi
del mondo).
Per cui non vedo proprio quali problemi "atomici" potrebbero sorgere dallo
scomporre i diritti indicati in quella Convenzione (che sono gli stessi cui
fanno riferimento la licenza e i vari ordinamenti nazionali).




>
>
> > Allora mi chedo: in questo caso se un documento mi dice che posso
> esercitare
> > un diritto e un documento mi vieta di esercitarlo quale documento vale?
> > Io temo che il licenziatario potrebbe sempre far vedere la licenza
> creative
> > commons che dice che poteva tradurre.
>
> Non se Lei segnala in maniera chiara che la Sua opera *non* e` soggetta
> alla particolare disciplina dellicenza Creative Commons da Lei scelta,
> ma alla disciplina risultante dall'unione della licenza con le
> Sue aggiunte particolari.


Più o meno credo di capire cosa intende dire ma non sarei all'altezza di
tradurlo in un testo legale.



Noti - e mi scuso se insisto su questo punto - che Lei *non* puo`
> continuare a chiamare il risultato di cio` una licenza Creative Commons.
>
> Sussiste forse un problema formale e sostanziale relativo al modo in cui
> i potenziali licenziatari potrebbero essere indotti a credere che
> l'opera e` soggetta soltanto alla licenza - per esempio perche`, vedendo
> l'icona delle licenze CC, non prestano attenzione al resto - ma non
> essendo un giurista non mi azzardo ad approfondire l'argomento.



Sì, noto anche io che nel correggere si apre un numero indeterminato di
problematiche.



> Altrimenti, scusi, tutte le licenze diventano revocabili: basta scrivere
> un
> > documento a parte in cui si dice che i diritti concessi non sono
> concessi.
> > Dico una bestialità?
>
> Questo non renderebbe le licenze revocabili: Lei semplicemente non
> concede alcuno dei diritti che Le sono riconosciuti dalla legge.  Viene
> da chiedersi perche` dovrebbe fare una cosa del genere, pero`.



A meno che Lei non intenda scrivere un documento "a parte" (a parte in che
> senso?) *dopo* aver rilasciato l'opera, ma non credo che il diritto civile
> permetta questo tipo di dinamiche, almeno non in generale.




A me pare che se correggo la licenza in un punto solo si creano dei problemi
interni perché in un punto la licenza dirà il contrario di quello che c'è
scritto in più punti.

Non sono in grado di correggerla complessivamente.

Anche se la correggessi (anche solo in un punto) non sarei comunque sicuro
che altri capirebbero che non è una licenza "derivata".

Se invece aggiungo un altro documento si aprono altri problemi perché
chiunque potrebbe dire:
"non hai letto l'altro documento allegato nel quale non ti concedo quello
che ti concedo nella licenza".

Veramente out of my limits.

Comunque ho risolto il problema, ringrazio lei e tutti gli intervenuti.


Un cordiale saluto,
Federico Falcetti
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061112/c340af63/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it