[Cc-it] Significato e flessibilita' delle licenze Creative Commons

Federico Falcetti federico.falcetti a gmail.com
Ven 10 Nov 2006 06:21:46 EST


Il 10/11/06, Andrea Glorioso <andrea a digitalpolicy.it> ha scritto:
>
> On Fri, Nov 10, 2006 at 02:01:58AM +0100, Federico Falcetti wrote:
>
>
>
> > No, apre ai singoli permessi generici che già sono elencati in licenza
> alla
> > voce "opera derivata".
> > Non mi pare proprio che nella licenza si parli di transcoding o di
> lingua
> > bulgara.
>
> La definizione di "Opera Derivata" nelle CCPL 2.5 italiane comprende
> l'importante espressione "ogni altra forma in cui l'Opera possa essere
> riproposta, trasformata o adattata".  Il transcoding vi e` ricompreso.


Vi è ricopmpreso perché è un'attività che vi rientra, come milioni di altre
attività, ma non è menzionato. Io dicevo di ragionare per tipi di permessi
generici (riproposizione, trasformazione, adattamento... ) non per le
singole attività di riproposizione, trasformazione e adattamento.
Mi scuso se non riesco a farmi ben capire, ma è questo che sto cercando di
dirle.



> Comunque, la mia domanda e`: ha senso creare dei "moduli" delle licenze
> per
> le singole tipologie di opere derivate (ovvero "una traduzione, un
> arrangiamento musicale, un adattamento teatrale, narrativo,
> cinematografico, una registrazione di suoni, una riproduzione d'arte,
> un digesto, una sintesi") ignorande quel "ogni altra forma", tenendo
> presente che l'elenco di cui sopra non e` inteso come esaustivo?


Ho fatto riferimento alla legge sul diritto d'autore e poi, a titolo
esemplificativo ho detto che GROSSO MODO l'elenco è quello riportato alla
voce "opere derivate".
Nella legge sul diritto d'autore si trovano tutti i diritti d'autore e
relativa spiegazione. Il diritto transcoding non c'è.
Comunque io non volevo parlare di transcoding, abbia pazienza, ma di
traduzioni.
Nel mio caso consentire l'esercizio di tutti i diritti tranne il diritto di
traduzione (presente nella legge; non c'è invece il diritto di traduzione in
lingua bulgara) è ciò che mi interessa (e vedo che interessa anche ad
altri).
Allora dico: intanto si potrebbe trovare un modo di venire incontro a questa
esigenza.
Oppure si può spiegare alle persone come fare per personalizzare la licenza
(e la ringrazio molto per le sue spiegazioni).
Ed è su questo ultimo punto che ora, col suo permesso, io mi concentrerei,
perché ho provato e ho dei dubbi che lì per lì non avevo.

Mi spiego subito.

Le persone conoscono le creative commons come licenze standard, come faccio
a essere sicuro che se la personalizzo poi altri non vadano a leggersi
quell'articoletto in cui c'è scritto che le traduzioni non sono consentite?
Cosa potrei fare per evitare ciò? Personalizzo anche il commons deed?
Oppure titolo la licenza "Attribuzione - No Traduzione"??
E poi siamo sicuri che inserire un articoletto che vieta una cosa mentre in
tutto il resto della licenza  quella cosa è concessa non crei qualche dubbio
a livello interpretativo in chi la legge se non addirittura qualche problema
di coordinamento a livello giuridico?



Leggo oltre nella sua mail che lei traccia la linea tra "diritti" e
> "attivita` che rientrano nell'ambito dell'esercizio di un diritto".  Mi
> sfugge in che modo un diritto possa interessarci in senso astratto,
> ovvero senza tenere in considerazioni le particolari attivita` concrete
> che "rientrano nell'ambito" di quel diritto, e perche` si dovrebbe dare
> piu` importanza agli uni piuttosto che alle altre.



Per una questione di organizzazione, perché  a livello di scomposizione più
generale (scomposizione dei permessi generali) possiamo muoverci (certamente
non accontenteremo tutti gli abitanti del pianeta ma ne accontenteremo molti
di più, me compreso) senza il problema di dire "perché questa attività sì e
quella attività no?", mentre al livello di scomposizione "infinitesimale" di
cui lei parla il problema, ovviamente, si pone.
"Perché le traduzioni in spagnolo sì e le traduzioni in bulgaro no?":
non vedo la necessità di fare questo salto di livello.
Data la possibilità di consentire o meno le traduzioni una ragionevole
flessibilità è garantita, non c'è bisogno di scendere di livello.
A me questo sembra logico ma magari mi sfugge qualcosa.



Il riferimento alla particolare lingua di traduzione nasce dalla
> riflessione, forse errata ma credo plausibile, che una volta aperte le
> porte alla scomposizione dei permessi e delle autorizzazioni ci sara`
> sempre chi vuole scomporre a livelli via via piu` dettagliati.



Può darsi, ma a quel punto quelle persone lei può metterle di fronte al suo
ragionamento
("Perché le traduzioni in spagnolo sì e le traduzioni in bulgaro no?").
Se invece lei mette di fronte me al suo ragionamento io le rispondo che la
scomposizione generale di cui parlo si può fare senza i problemi di cui lei
parla, problemi che invece si pongono soltanto a livello inferiore.



> Perché il diritto di traduzione è un diritto d'autore che sta nella legge
> > sul diritto d'autore.
> > Il transcoding non è un diritto ma una attività che rientra nell'ambito
> > dell'esercizio di un diritto.
> > Lei parla di singole, infinite attività che possono essere compiute
> > all'interno dell'esercizio di un diritto, io invece parlo di singoli
> diritti
> > d'autore (in particolare dei diritti di elaborazione, traduzione,
> > modificazione ecc. ... che poi sono elencati grosso modo alla voce
> "opera
> > derivata" e che comunque si trovano anche nella legge sul diritto
> d'autore).
>
> Ora capisco meglio la sua posizione.  Mi pare che altri, in passato,
> abbiano espresso posizioni analoghe.  Anche se una modifica del genere
> dovrebbe comunque tener conto dell'esistenza di un'ecosistema di altre
> licenze CC; avremmo dunque delle CCPL italiane in cui i diritti sono
> scomposti piu` finemente di quanto non lo siano le CCPL francesi, sud
> coreane o quant'altro.


Ma io vedo che si parte dalle licenze americane che poi vengono tradotte.
Non credo che le varie sedi periferiche possano mettersi a fare ognuna le
proprie licenze.
Tutto parte da Creative Commons centrale, non è così?
Se si parte da lì quali problemi di coordinamento potrebbero porsi?
Ci sono licenze Creative Commons che, ad esempio, non sono mai state
tradotte in altre lingue: questo non ha causato un problema di
coordinamento.



Credo che le licenze Copyzero X prevedano questo tipo di scomposizione
> "a grana fine".  Le puo` vedere qui:
>
>   http://www.costozero.org/wai/licenza.html


Ah, molto bene, grazie molte per l'informazione.



>
> > E questo articolo  deve essere inserito all'interno della licenza
> Creative
> > Commons?
> > In quale punto esattamente? Grazie mille.
>
> No, deve tenerlo al di fuori della licenza, una nota a parte.  Oppure se
> vuole puo` inserirlo all'interno della licenza, nel punto che
> preferisce, ma a questo punto non puo` chiamare la licenza "Licenza
> Creative Commons".



La nota a parte credo che tornerebbe meglio, però secondo me è un errore
e le spiego perché secondo me lo è.
Ha presente la possibilità di utilizzare più licenze?
Se io licenziante uso una licenza che permette di fare X e Z  e vieta di
fare Y e una licenza che permette di fare Y e vieta di fare X e Z, il
risultato - così almeno mi è stato spiegato - è che il licenziatario delle
due licenze potrà fare X, Y e Z.

Allora mi chedo: in questo caso se un documento mi dice che posso esercitare
un diritto e un documento mi vieta di esercitarlo quale documento vale?
Io temo che il licenziatario potrebbe sempre far vedere la licenza creative
commons che dice che poteva tradurre.

Altrimenti, scusi, tutte le licenze diventano revocabili: basta scrivere un
documento a parte in cui si dice che i diritti concessi non sono concessi.
Dico una bestialità?


Un cordiale saluto,
Federico Falcetti
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061110/251ce7e3/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it