[Cc-it] Significato e flessibilita' delle licenze Creative Commons

Andrea Glorioso andrea a digitalpolicy.it
Ven 10 Nov 2006 04:16:52 EST


On Fri, Nov 10, 2006 at 02:01:58AM +0100, Federico Falcetti wrote:

> Al di là di questo, il mio problema non è quello del fruitore, ma quello
> dell'autore:
> la mia esigenza è quella di dare la possibilità a tutti di sviluppare il 
> mio
> lavoro, autorizzando soltanto le traduzioni.

Il modo che io e altri Le abbiamo suggerito mi pare il piu` adatto,
stante l'attuale stato delle licenze CC, che non credo cambieranno nel
senso da Lei auspicato nel prossimo futuro - il che naturalmente non
significa che non cambieranno affatto; solo che ogni modifica alle
licenze CC "generiche" (ora note come "unported") implica una necessita`
di aggiornamento per tutti i paesi in cui e` stato effettuato un
adattamento delle licenze.  C'e` quindi - fortunatamente - una certa
inerzia da tenere in considerazione.

> No, apre ai singoli permessi generici che già sono elencati in licenza alla
> voce "opera derivata".
> Non mi pare proprio che nella licenza si parli di transcoding o di lingua
> bulgara.

La definizione di "Opera Derivata" nelle CCPL 2.5 italiane comprende
l'importante espressione "ogni altra forma in cui l'Opera possa essere
riproposta, trasformata o adattata".  Il transcoding vi e` ricompreso.
Per alcuni autori, per esempio i VJ, l'utilizzo di un codec o di un
altro nella realizzazione della propria opera e` molto importante; per
loro la trasformazione da un codec a un altro ha lo stesso impatto che
per uno scrittore puo` avere la traduzione della propria opera in
un'altra lingua.

Comunque, la mia domanda e`: ha senso creare dei "moduli" delle licenze per 
le singole tipologie di opere derivate (ovvero "una traduzione, un
arrangiamento musicale, un adattamento teatrale, narrativo,
cinematografico, una registrazione di suoni, una riproduzione d'arte, 
un digesto, una sintesi") ignorande quel "ogni altra forma", tenendo
presente che l'elenco di cui sopra non e` inteso come esaustivo?

Leggo oltre nella sua mail che lei traccia la linea tra "diritti" e
"attivita` che rientrano nell'ambito dell'esercizio di un diritto".  Mi
sfugge in che modo un diritto possa interessarci in senso astratto,
ovvero senza tenere in considerazioni le particolari attivita` concrete
che "rientrano nell'ambito" di quel diritto, e perche` si dovrebbe dare
piu` importanza agli uni piuttosto che alle altre.

Il riferimento alla particolare lingua di traduzione nasce dalla
riflessione, forse errata ma credo plausibile, che una volta aperte le
porte alla scomposizione dei permessi e delle autorizzazioni ci sara`
sempre chi vuole scomporre a livelli via via piu` dettagliati.

> Perché il diritto di traduzione è un diritto d'autore che sta nella legge
> sul diritto d'autore.
> Il transcoding non è un diritto ma una attività che rientra nell'ambito
> dell'esercizio di un diritto.
> Lei parla di singole, infinite attività che possono essere compiute
> all'interno dell'esercizio di un diritto, io invece parlo di singoli diritti
> d'autore (in particolare dei diritti di elaborazione, traduzione,
> modificazione ecc. ... che poi sono elencati grosso modo alla voce "opera
> derivata" e che comunque si trovano anche nella legge sul diritto d'autore).

Ora capisco meglio la sua posizione.  Mi pare che altri, in passato,
abbiano espresso posizioni analoghe.  Anche se una modifica del genere
dovrebbe comunque tener conto dell'esistenza di un'ecosistema di altre
licenze CC; avremmo dunque delle CCPL italiane in cui i diritti sono
scomposti piu` finemente di quanto non lo siano le CCPL francesi, sud
coreane o quant'altro.

Credo che le licenze Copyzero X prevedano questo tipo di scomposizione
"a grana fine".  Le puo` vedere qui:

  http://www.costozero.org/wai/licenza.html 

> Spero di essere stato sufficientemente chiaro.

Si`, grazie.

> Nel mio caso sarebbe il contrario.
> Cioè:
> "Nonostante quanto indicato nella Licenza <tipo e versione
> della licenza CC, che comunque contenga il modulo ND>, il
> titolare dei diritti NON permette esplicitamente la traduzione in lingue
> differenti dall'italiano di quest'opera".

Immagino Lei volesse scrivere "<tipo e versione della licenza CC, che
comunque non contenga il modulo ND>".  La presenza del modulo ND
impedisce gia` la traduzione dell'opera.

> E questo articolo  deve essere inserito all'interno della licenza Creative
> Commons?
> In quale punto esattamente? Grazie mille.

No, deve tenerlo al di fuori della licenza, una nota a parte.  Oppure se
vuole puo` inserirlo all'interno della licenza, nel punto che
preferisce, ma a questo punto non puo` chiamare la licenza "Licenza
Creative Commons".

Saluti,

-- 
      Andrea Glorioso || http://people.digitalpolicy.it/sama/cv/
          M: +39 348 921 4379	     F: +39 051 930 31 133
       "Truth is a relationship between a theory and the world;
       beauty is a relationship between a theory and the mind."
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale è stato rimosso....
Nome:        non disponibile
Tipo:        application/pgp-signature
Dimensione:  191 bytes
Descrizione: Digital signature
Url:         http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061110/119ca1b4/attachment.bin 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it