[Cc-it] Significato e flessibilita' delle licenze Creative Commons

Federico Falcetti federico.falcetti a gmail.com
Gio 9 Nov 2006 20:01:58 EST


Il 10/11/06, Andrea Glorioso <andrea a digitalpolicy.it> ha scritto:
Premetto che non sono interessato a questioni di tipo filosofico o
sociologico.


Personalmente credo che scomporre il permesso di effettuare una
> traduzione dalla piu` generale clausola ND potrebbe non essere una
> cattiva idea; al tempo stesso, il piu` delle volte basta una semplice
> richiesta al titolare dei diritti.


Che il più delle volte basti una richiesta per avere una risposta o per
ricevere un "sì" (senza richieste di compensi) non corrisponde alle mie
esperienze personali.
Al di là di questo, il mio problema non è quello del fruitore, ma quello
dell'autore:
la mia esigenza è quella di dare la possibilità a tutti di sviluppare il mio
lavoro, autorizzando soltanto le traduzioni.


> Credo che per aumentare in modo non ridicolo la flessibilità basterebbe
> > scomporre i permessi generici (quelli elencati nella stessa licenza),
> senza
> > parlare necessariamente di transcoding o di lingua bulgara.
>
> Ma scomporre il permesso di "creare opere derivate" apre potenzialmente
> le porte ad innumerevoli combinazioni, ivi incluse quelle da me
> indicate.


No, apre ai singoli permessi generici che già sono elencati in licenza alla
voce "opera derivata".
Non mi pare proprio che nella licenza si parli di transcoding o di lingua
bulgara.



Chi decide l'atomicita` degli elementi risultanti dalla
> scomposizione?  Chi decide che l'atto della traduzione e` importante, ma
> quello del transcoding no?



Perché il diritto di traduzione è un diritto d'autore che sta nella legge
sul diritto d'autore.
Il transcoding non è un diritto ma una attività che rientra nell'ambito
dell'esercizio di un diritto.
Lei parla di singole, infinite attività che possono essere compiute
all'interno dell'esercizio di un diritto, io invece parlo di singoli diritti
d'autore (in particolare dei diritti di elaborazione, traduzione,
modificazione ecc. ... che poi sono elencati grosso modo alla voce "opera
derivata" e che comunque si trovano anche nella legge sul diritto d'autore).

Spero di essere stato sufficientemente chiaro.



>
>
> > >Rimane comunque la possibilita`, gia` segnalata, di "modificare" una
> > >licenza CC con delle condizioni aggiuntive.  Uso le virgolette perche`
> > >e` sempre molto importante segnalare che tali condizioni aggiuntive non
> > >fanno parte della licenza CC in se`.
> >
> >
> > Ecco, questo è il punto.
> > Nel caso da me indicato come bisognerebbe procedere? Grazie mille a chi
> > risponderà.
>
> Non sono certo di ricordare il caso concreto che Lei ha indicato, ma un
> semplice "Nonostante quanto indicato nella Licenza <tipo e versione
> della licenza CC, che comunque contenga il modulo ND>, il
> titolare dei diritti permette esplicitamente la traduzione in lingue
> differenti dall'italiano di quest'opera" dovrebbe essere sufficiente.



Nel mio caso sarebbe il contrario.
Cioè:
"Nonostante quanto indicato nella Licenza <tipo e versione
della licenza CC, che comunque contenga il modulo ND>, il
titolare dei diritti NON permette esplicitamente la traduzione in lingue
differenti dall'italiano di quest'opera".

E questo articolo  deve essere inserito all'interno della licenza Creative
Commons?
In quale punto esattamente? Grazie mille.


Un cordiale saluto,
Federico Falcetti
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061110/44032b52/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it