[Cc-it] Significato e flessibilita' delle licenze Creative Commons

Andrea Glorioso andrea a digitalpolicy.it
Gio 9 Nov 2006 19:16:17 EST


>>>>> "Federico" == Federico Falcetti <federico.falcetti a gmail.com> writes:

    > Appunto per questo chiedevo se dal semplice immettere in rete un
    > contenuto non possa desumersi una volontà implicita di permesso
    > di copia.  Una volontà come dire... giuridicamente rilevante.

Direi non piu` di quanto si possa desumere tale volonta` implicita dal
dare un libro in semplice visione a qualcuno, visto che la tecnologia
per copiare tale libro e` alla portata di tutti - non per questo chi
riceve il libro ha il permesso di riprodurlo.

L'insieme    di reti  noto  come   Internet  non  rende la  situazione
intrinsecamente   differente; il fatto che   la   copia [1] sia   piu`
semplice    puo` produrre e  produce,  a  mio  avviso, delle rilevanti
dinamiche socio-politiche  e successivamente  giuridiche a  livello di
diritto positivo - non necessariamente  nella direzione di assecondare
le prime, beninteso.

Ma da cio` non credo si possa desumere che  chiunque metta un'opera su
Internet rinunci   al diritto  esclusivo  di  autorizzare   o meno  la
riproduzione della propria opera.   Anche perche`, in effetti, per una
parte consistente di titolari di diritti d''autore cio` non avviene.

Saluti,

--
      Andrea Glorioso || http://people.digitalpolicy.it/sama/cv/
          M: +39 348 921 4379	     F: +39 051 930 31 133
       "Truth is a relationship between a theory and the world;
       beauty is a relationship between a theory and the mind."

[1] In questo contesto, quando  parlo di "copia" e "riproduzione", non
    mi  riferisco a quei    particolari  fenomeni transitori  come  il
    caching a livello  locale o  meno, o  l'atto di copia  che avviene
    quando un  aggregato di bit  passa  dalla memoria della scheda  di
    rete a quella di massa a quella della scheda video; tali atti sono
    considerati   di volta in volta  "mere  conduit" o "caching" dalla
    direttiva 2000/31/CE (implementata  tramite il decreto legislativo
    70 del 2003).

    Anche la famigerata direttiva 2001/29/CE (la EUCD o European Union
    Copyright  Directive) si  richiama alla  direttiva  2000/31/CE nel
    considerando 16  ed   e`  ancora  piu`  esplicita  in materia  nel
    considerando 33  ("Si  dovrebbe prevedere un'eccezione  al diritto
    esclusivo   di   riproduzione    per consentire  taluni    atti di
    riproduzione  temporanea,   che  sono riproduzioni  transitorie  o
    accessorie, le quali formano parte  integrante ed essenziale di un
    procedimento  tecnologico   e    effettuate  all'unico   scopo  di
    consentire  la  trasmissione  efficace    in rete tra   terzi  con
    l'intervento di   un   intermediario  o l'utilizzo  legittimo   di
    un'opera o   di altri  materiali.   Gli  atti  di riproduzione  in
    questione non  dovrebbero   avere  un   proprio  valore  economico
    distinto.   Per quanto siano   soddisfatte queste condizioni, tale
    eccezione include atti che facilitano  la navigazione in rete e la
    realizzazione di copie "cache", compresi  gli atti che  facilitano
    l'effettivo  funzionamento  dei  sistemi  di  trasmissione, purché
    l'intermediario non modifichi le  informazioni e  non interferisca
    con  l'uso  lecito  di    tecnologia ampiamente   riconosciuta   e
    utilizzata  nel   settore per   ottenere  dati  sull'impiego delle
    informazioni.   L'utilizzo è   da   considerare   legittimo   se è
    autorizzato  dal   titolare  del diritto  o  non è  limitato dalla
    legge.").
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale è stato rimosso....
Nome:        non disponibile
Tipo:        application/pgp-signature
Dimensione:  191 bytes
Descrizione: non disponibile
Url:         http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061110/78a8256e/attachment.bin 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it