[Cc-it] Significato e flessibilita' delle licenze Creative Commons

Andrea Glorioso andrea a digitalpolicy.it
Gio 9 Nov 2006 19:02:12 EST


A scanso di equivoci, vorrei precisare che - pur collaborando con il
gruppo di lavoro di Creative Commons Italia - in questa sede non sto
parlando a nome di Creative Commons (Italia o altro).

On Fri, Nov 10, 2006 at 12:42:44AM +0100, Federico Falcetti wrote:

> Per il semplice fatto che la flessibilità non coincide necessariamente con
> l'assenza di senso pratico o di buon senso.

Il "senso pratico" e il "buon senso" sono concetti altamente flessibili
a loro volta.  

Deve considerare che Creative Commons si trova, volente o
nolente (ma piu` che altro volente) a gestire un numero di utilizzatori
delle proprie licenze molto piu` elevate di quanto solitamente avviene.

Le assicuro che cio` che Lei ritiene assurdo - come vietare la
traduzione in lingua bulgara, o turca o quant'altro - verrebbe
plausibilmente considerato come assolutamente necessario da altri.

Personalmente credo che scomporre il permesso di effettuare una
traduzione dalla piu` generale clausola ND potrebbe non essere una
cattiva idea; al tempo stesso, il piu` delle volte basta una semplice
richiesta al titolare dei diritti.  La maggior parte degli scritti
presenti sul sito della Free Software Foundation hanno una semplice nota
di licenza "Verbatim copying is allowed", il che in linea teorica
impedisce la traduzione.  Ciononostante, una buona parte di tali documenti 
sono stati tradotti.

> Credo che per aumentare in modo non ridicolo la flessibilità basterebbe
> scomporre i permessi generici (quelli elencati nella stessa licenza), senza
> parlare necessariamente di transcoding o di lingua bulgara.

Ma scomporre il permesso di "creare opere derivate" apre potenzialmente
le porte ad innumerevoli combinazioni, ivi incluse quelle da me
indicate.  Chi decide l'atomicita` degli elementi risultanti dalla
scomposizione?  Chi decide che l'atto della traduzione e` importante, ma
quello del transcoding no?

> Ma forse non ho colto il senso del suo ragionamento o, più probabilmente,
> della sua battuta.

Non era una battuta, Le assicuro che La leggo con molta serieta`.

> >Rimane comunque la possibilita`, gia` segnalata, di "modificare" una
> >licenza CC con delle condizioni aggiuntive.  Uso le virgolette perche`
> >e` sempre molto importante segnalare che tali condizioni aggiuntive non
> >fanno parte della licenza CC in se`.
> 
> 
> Ecco, questo è il punto.
> Nel caso da me indicato come bisognerebbe procedere? Grazie mille a chi
> risponderà.

Non sono certo di ricordare il caso concreto che Lei ha indicato, ma un
semplice "Nonostante quanto indicato nella Licenza <tipo e versione
della licenza CC, che comunque contenga il modulo ND>, il
titolare dei diritti permette esplicitamente la traduzione in lingue
differenti dall'italiano di quest'opera" dovrebbe essere sufficiente.

Non essendo pero` ne` avvocato ne` giurista, lascio che siano questi
ultimi a proporre una versione piu` corretta.

Saluti,

-- 
      Andrea Glorioso || http://people.digitalpolicy.it/sama/cv/
          M: +39 348 921 4379	     F: +39 051 930 31 133
       "Truth is a relationship between a theory and the world;
       beauty is a relationship between a theory and the mind."
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale è stato rimosso....
Nome:        non disponibile
Tipo:        application/pgp-signature
Dimensione:  191 bytes
Descrizione: Digital signature
Url:         http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061110/21d3b27f/attachment.bin 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it