[Cc-it] Significato e flessibilita' delle licenze Creative Commons

Andrea Glorioso andrea a digitalpolicy.it
Gio 9 Nov 2006 18:07:36 EST


On Thu, Nov 09, 2006 at 11:40:59PM +0100, Federico Falcetti wrote:

> Capisco e la ringrazio, ma chi non è un giurista come fa a stendere un
> documento del genere?
> Io, ad esempio, non saprei proprio da che parte cominciare per scrivere un
> testo legale decente.
> Le licenze Creative Commons sono una manna dal cielo proprio per chi non è
> un legale (e bisogna ringraziare molto anche chi le ha tradotte).
> Per quanto riguarda la filosofia alla base delle CC a me pare che Creative
> Commons parli proprio di flessibilità. Rendere le licenze ancora più
> flessibili (ammesso che esista un modo) secondo me andrebbe nella direzione
> della filosofia alla base delle licenze stesse.
> Dico una bestialità?

No, ma c'e` un limite superato il quale la flessibilita` diventa
difficile da gestire per gli autori e i fruitori - che, nella "visione
del mondo" di CC, sono spesso autori essi stessi.

Molte persone hanno gia` difficolta` a capire le 6 licenze di base di
Creative Commons; un'ipotetica opzione "NT"/"TP" (Non
traduzione/Traduzione permessa) creerebbe uno scenario di questo tipo:

CCPL BY
CCPL BY-NT
CCPL BY-NC
CCPL BY-NC-NT
CCPL BY-ND
CCPL BY-ND-TP
CCPL BY-SA
CCPL BY-SA-NT
CCPL BY-NC-ND
CCPL BY-NC-ND-TP
CCPL BY-NC-SA
CCPL BY-NC-SA-NT

Per un totale di 12 licenze.  Aggiungiamo il fatto che a questo punto
diventerebbe difficile per CC non aggiungere la possibilita` di generare
delle sotto-opzioni "NT"/"TP" a seconda della lingua di riferimento -
per esempio, magari io come autore non voglio che la mia opera sia
tradotta in bulgaro, perche` ho dei particolari problemi con la storia,
la civilta` e la cultura bulgare.

Il discorso poi si farebbe ancora piu` complicato una volta che si
considerasse che la traduzione e` solo uno dei possibili atti che creano
"opere derivate".  Perche` non aggiungere anche delle opzioni che
permettano o vietino il transcoding di file audio/video, o che ne
permettano o vietino la modifica solo se quest'ultima è applicata a meno
della meta` (o un numero arbitrario?), e cosi' via?

Uno degli obbiettivi di Creative Commons e` sempre stato la semplicita`;
anche se e` un obbiettivo molto difficile da raggiungere, perche` la
materia sottostante - sia dal punto di vista meramente legale che per
quanto riguarda le pratiche sociali di cui discutiamo - e`
innegabilmente complicato, sia per limiti e idiosincrasie di chi redige 
le licenze o di chi le interpreta.

Rimane comunque la possibilita`, gia` segnalata, di "modificare" una
licenza CC con delle condizioni aggiuntive.  Uso le virgolette perche`
e` sempre molto importante segnalare che tali condizioni aggiuntive non
fanno parte della licenza CC in se`.

Saluti,

-- 
      Andrea Glorioso || http://people.digitalpolicy.it/sama/cv/
          M: +39 348 921 4379	     F: +39 051 930 31 133
       "Truth is a relationship between a theory and the world;
       beauty is a relationship between a theory and the mind."
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale è stato rimosso....
Nome:        non disponibile
Tipo:        application/pgp-signature
Dimensione:  191 bytes
Descrizione: Digital signature
Url:         http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061110/ffc1c7c2/attachment.bin 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it