[Cc-it] Significato e flessibilita' delle licenze Creative Commons

Federico Falcetti federico.falcetti a gmail.com
Gio 9 Nov 2006 17:40:59 EST


Il 09/11/06, Antonio Bonanno <antonio a etz.it> ha scritto:
>
> Federico Falcetti ha scritto:
> > Ho letto i primi capitoli del libro di Aliprandi e non c'è nulla che
> > risponda alla mia seconda domanda (di cui lei non parla, quindi
> > immagino che stia rispondendo soltanto alla prima).
> > Attendo risposta anche per quella, grazie.
> >
> >
> > Un cordiale saluto,
> > Federico Falcetti
>
>
> E' molto semplice: le licenze Creative Commons sono MODELLI. Non
> pretendono di essere esaustive, corrispondono ad un modello di gestione
> di diritto d'autore che viene adottato dac chi convide la filosofia alla
> base delle licenze. Esistono anche delle conseguenze di altro tipo, date
> dal vantaggio di usare uno schema di licenze. Per chi volesse una
> licenza più specifica, può semplicemente fare un elenco degli usi
> dell'opera che vuole permettere in deroga alle tutele offerte dalla
> legge per sul diritto d'autore (quindi, possono solo riguardare i
> diritti disponbili)
>


Capisco e la ringrazio, ma chi non è un giurista come fa a stendere un
documento del genere?
Io, ad esempio, non saprei proprio da che parte cominciare per scrivere un
testo legale decente.
Le licenze Creative Commons sono una manna dal cielo proprio per chi non è
un legale (e bisogna ringraziare molto anche chi le ha tradotte).
Per quanto riguarda la filosofia alla base delle CC a me pare che Creative
Commons parli proprio di flessibilità. Rendere le licenze ancora più
flessibili (ammesso che esista un modo) secondo me andrebbe nella direzione
della filosofia alla base delle licenze stesse.
Dico una bestialità?


Un cordiale saluto,
Federico Falcetti
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061109/97d8b292/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it