[Cc-it] Significato e flessibilita' delle licenze Creative Commons

info@copyleft-italia.it iuriswebmaster a libero.it
Gio 9 Nov 2006 13:54:50 EST


Flame a parte...
Vediamo se ho inquadrto il discorso...
Si sta dicendo che le licenze copyleft non aggiungono nulla a quella che è già una prassi diffusa.
Ok, verissimo. Qualcuno ha detto sapientemente che "Creative Commons ha dato un nome a ciò che già esisteva."
Tutte cose belle e interessanti... per studi di tipo sociologico e filosofico.
Ma qui si parla di licenze e di diritto. E nell'attuale sistema giuridico il concetto è: "se trovi un'opera creativa, sei tenuto ad informarti su chi ne detiene i diritti e su cosa vuole farne. Se non riesci ad avere tali informazioni, NON PUOI FARE NULLA che non sia stato espressamente concesso!!!"
Ecco che qui entrano in gioco le licenze copyleft: documeni con cui chi detiene i diritti su un'opera comunica ai fruitori della stessa cosa possono farci. Non mi sembra una cosa irrilevante giuridicamente e così poco innovativa (anche a livello sociologico-culturale).

Tuttavia, mi accorgo di trovarmi ancora una volta a parafrasare su questa lista ciò che è già stato detto/scritto/pubblicato altrove (si veda in ordine di rilevanza: il filmato DIVENTA CREATIVO, la pagina COS'E' CREATIVE COMMONS, la brochure informativa che c'è alla pagina "Press Kit", il mio libro linkato dalla pagina "Aspetti legali").
Non lo dico polemicamente, però vorrei evitare che questa lista diventi un distributore automatico di informazioni che si possono tranquillamente e facilmente trovare sul sito ufficiale di CC... e tantomeno un'occasione di accendere flames su argomenti che non meritano flame, a mio modesto avviso.

Un caro saluto, Simone Aliprandi
http://www.copyleft-italia.it/ 


------------------------------------------------------
Nuovo MOTOROLA MOTOKRZR K1. Superficie a specchio, fotocamera da 2 Megapixel e lettore MP3 integrato.Clicca e vinci !
http://click.libero.it/motorola9nov





Maggiori informazioni sulla lista cc-it