[Cc-it] Significato e flessibilità delle licenze Creative Commons

Federico Falcetti federico.falcetti a gmail.com
Gio 9 Nov 2006 08:47:30 EST


Il 09/11/06, heba ry <mat_gl a msn.com> ha scritto:
>
>
>
> "Federico Falcetti" wrote:
> >
> >
> >Ma copiare un file non significa tenerlo vita natural durante sul proprio
> >pc.
> >Significa appunto copiare. Sbaglio?
> >
> >
>
> mah...è lei che ha parlato di file temporanei, io le ho solo spiegato;
> però
> sa sembrerebbe che non ne capisca molto di queste cose...ò.ò


Ho parlato di copia nella cartella dei file temporanei, che è la cartella
nella quale vengono scaricate le pagine che si frequentano quando si naviga
in rete.

Il fatto che un file sia temporaneo o che possa un giorno venire cancellato
non significa assolutamente che la copia del file non sia avvenuta.

Quindi mentre si nagiva si copia: questo è il concetto.

Penso di essere stato chiaro sul punto. Spero in una risposta da parte di
persone che ne capiscono più di me.







>
> >
> >Non ho mai detto questo.
> >
>
>
> mah...è sempre lei che ha criticato la flessibilità di CC in riguardo alla
> licenza non commerciale-non derivata, definendola come licenza che non da
> tutti i permessi, ma mi pare più libera di una semplice licenza sul
> copyright. Però, ripeto aspetto i giuristi...



E questo cosa c'entra con quello che mi ha attribuito prima?

Lei prima ha detto:
"la licenza che ha citato non mi pare che contempli il fatto che i lavori
non
possano girare liberamente in rete".

Io non ho mai detto che le licenze Creative Commons non danno la possibilità
di far girare liberamente le opere in rete.
Ho fatto un discorso ben più articolato.


Può rileggersi le mie parole:

*"Le licenze Creative Commons sono licenze flessibili che si adattano alle
varie esigenze.
Però a me sembra che tra le licenze "Non opere derivate" e le licenze non
"Non opere derivate" non ci sia una graduazione, ossia flessibilità, ma un
bel salto.

Mi spiego meglio: ci sono un sacco di situazioni nelle quali un artista
vorrebbe permettere sulla propria opera soltanto ALCUNE attività creative,
non TUTTE.

Vi faccio un esempio (che poi è la discussione dalla quale hanno preso vita
le mie riflessioni):
un amico ricercatore vorrebbe permettere ad altre persone di sviluppare la
sua ricerca, ma vorrebbe riservarsi la possibilità di autorizzarne le
traduzioni (questo perché, conoscendo soltanto l'inglese, teme che possano
essere fatte pessime traduzioni,  attraverso le quali i fruitori stranieri
potrebbero farsi un'idea sbagliata del suo operato).

Credo che situazioni come questa siano abbastanza frequenti.
A me pare che non esista alcuna licenza Creative Commons in grado di venire
incontro ad esigenze come queste.

E' così?

Se è così, non potrebbe essere una buona idea quella di trovare il modo di
avere una reale flessibilità, un modo per evitare che si passi dal concedere
TUTTI i "permessi creativi" al concedere NESSUN "permesso creativo"?

Credo che se fosse possibile ottenere una tale flessibilità le "creazioni
comuni" (che certamente non possono essere figlie delle licenze "Non opere
derivate") aumenterebbero notevolmente."

Come vede ho parlato dei "permessi creativi" cioè delle varie possibilità di
modificare l'originale.
Le  licenze Creative Commons a me pare che non abbiano mezzi termini a tal
proposito: o permettono tutte queste possibilità o le vitano tutte.
*
Attendo anche io una risposta da parte di giuristi, grazie.



Un cordiale saluto,
Federico Falcetti
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20061109/c9f71c6e/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it