[Cc-it] Significato e flessibilità delle licenze Creative Commons

heba ry mat_gl a msn.com
Gio 9 Nov 2006 07:23:13 EST


premesso che non parlo a nome di CC, ma solo da utilizzatrice:

"Federico Falcetti" wrote:

>
>Salve a tutti,

buongiorno a lei...^^

>
>Prima riflessione.
>La licenza Creative Commons di gran lunga più diffusa è la *licenza
>"Attribuzione
>- Non commerciale - Non opere derivate".*
>La domanda che mi faccio e che vi faccio è: nella pratica che differenza 
>c'è
>tra una licenza del genere e la volontà desumibile dal semplice fatto di
>immettere un contenuto in rete?
>
>Mi spiego meglio con un esempio: se pubblico in rete uno scritto non è 
>forse
>implicito che lo faccio perché altri possano vederlo?

utilizzo una licenza con attribuzione Non Commerciale - Non opere derivate.
Ho inserito i miei lavori in rete, ciò non significa che non siano 
scaricabili o copiabili o non possano essere visti, chiunque può entrare nel 
mio blog e leggere.

>E come fanno a vederlo se non lo scaricano nella cartella dei file
>temporanei?

penso ci sia un po' di confuzione...=_='...

quando si visualizza un articolo o una pagina html, viene caricata nella 
cartella /tmp dei file temporanei che possono essere eliminati 
tranquillamente anche dopo la chiusura della pagina stessa, dipende dalle 
impostazioni del web-browser o della connessione, cioè non è indispensabile 
che risiedano vita natural durante in tale cartella per poterli leggere.
Nel momento in cui lei scarica perchè il lavoro è un pdf o perchè lo copia 
incolla, il documento verrà salvato sul pc e quindi la cartella dei 
temporanei può tranquillamente essere svuotata senza incappare in pericoli 
di non visualizzazione dei file scaricati.

>
>E se pubblico un contenuto su Internet, come faccio a non immaginare che
>questo contenuto possa girare liberamente in rete e magari anche fuori 
>dalla
>rete?
>

la licenza che ha citato non mi pare che contempli il fatto che i lavori non 
possano girare liberamente in rete, però se qualche giurista vuole 
intervenire è un bel grazie.

>Tenuto conto anche del fair use, mi sembra che la licenza *"Attribuzione -
>Non commerciale - Non opere derivate" non faccia altro che
>meglio descrivere una situazione già esistente da quando esiste Internet.
>

diciamo che la regola così che sia ben chiaro ciò che si può fare e ciò che 
non è permesso fare con i propri lavori, anche qui se qualche giurista può 
intervenire...

>
>Vi faccio un esempio (che poi è la discussione dalla quale hanno preso vita
>le mie riflessioni):
>un amico ricercatore vorrebbe permettere ad altre persone di sviluppare la
>sua ricerca, ma vorrebbe riservarsi la possibilità di autorizzarne le
>traduzioni (questo perché, conoscendo soltanto l'inglese, teme che possano
>essere fatte pessime traduzioni,  attraverso le quali i fruitori stranieri
>potrebbero farsi un'idea sbagliata del suo operato).
>

di solito in internet vige una regola:

prima di tradurre un qualsiasi lavoro è sempre meglio chiedere il permesso.
Soprattutto se si parla di lavori tecnici, perchè tali lavori possono essere 
modificati e per cui ci deve essere un contatto con l'autore reale ed il 
traduttore, in modo che si avvisino a vicenda dei vari 
cambiamenti...(cambiamenti nel sito delle traduzioni per esempio o 
cambiamenti di contenuti)


per il resto lascio rispondere gli esperti delle CC che mi paiono più 
adeguati di me per dare certe spiegazioni.

buona giornata a tutti e scusate l'intromissione.

--
"In internet il saper leggere equivale al saper ascoltare nella realtà.
Chi sa ascoltare possiede le chiavi di molte porte."
Rashna
Micaela Gallerini

_________________________________________________________________
Lo sai che cosa è successo oggi? http://notizie.msn.it/msn/




Maggiori informazioni sulla lista cc-it