[Cc-it] C d h viralità vs persistenza

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Lun 22 Maggio 2006 11:50:51 EDT


info a copyleft-italia.it ha scritto:

>Come sempre faccion otare nei miei scritti, io sono più un osservatore del fenomeno che un attivista.
>A presto, Simone Aliprandi
>http://www.copyleft-italia.it/
>  
>
E io che l'ho conosciuto aggiungo che è un signor osservatore, cortese e 
umile (nel senso che sebbene
sia padrone della materia è disponsto ad imparare da tutti, dal giurista 
al musicista pazzo):
qualità che oggi come oggi non pagano molto (meglio "leccare" e "mordere").

Quindi, evitiamo il FUD (quando c'è davvero, però) ed evitiamo anche la 
demagogia.

Tutto questo non lo dico per difendere Aliprandi, che non ha bisogno di 
essere difeso da nessuno, ma
perché è giusto dare a Cesare quel che è di Previti e soprattuto perché 
spero che Aliprandi mi regali
il suo nuovo libro (come ha già fatto con l'altro).

E ora dico qualcosa sulla questione, altrimenti mi si potrebbe dire, a 
ragione, "ok però evitiamo anche gli OT":
"virale" è nel mondo open un termine "figo" e che "fa figo" quindi non 
mi preoccuprei più di tanto da un punto di vista
mass mediatico (spesso si parla di "rivoluzione virale"... vedi le 
peripezie di Berardi e compagni belli).
Piuttosto, da un punto di vista propagandistico, andrei in televisione 
vestito bene: capisco che era caldo Rubini,
ma a RAI TRE, tu Maffulli e l'altro sembravate 3 turisti alle maldive. E 
poi cosa voleva dire il girnalista quando ha detto che sei un fissato??
Non mi è mica parso tanto carino quel finalino lì. Mi sembrava un po' 
una presa per i fondelli. :-/


Saluti,
n.a.g.




Maggiori informazioni sulla lista cc-it