[Cc-it] cosa NON Ŕ Creative Commons

Andrea Glorioso andrea a digitalpolicy.it
Gio 4 Maggio 2006 06:16:41 EDT


Salve,

premettendo  che non  sono avvocato  e non parlo   a nome di  Creative
Commons:

>>>>> "farsil" == farsil  <farsil a tiscali.it> writes:

    > Ok, CC Ŕ tutto in evoluzione, ma allora, per capirci , cerchiamo
    > di dircelo in soldoni, please.

    > Pongo il mio caso personale, e mi piacerebbe avere delle
    > risposte non "teoriche" ma pratiche.

Se vuoi   delle risposte   pratiche,  devi consultare   un  avvocato e
discutere con lui del caso concreto, c'e` poco da fare.  Lo dico senza
voler  essere  rude o  maleducato,  ma nel contesto  di questa mailing
listqualsiasi risposta sara` sempre e comunque abbastanza teorica.

    > Ho  pronte diciamo 14 canzoni composte  ed eseguite e registrate
    > da  me medesimo.  Non  lo  faccio  per  mestiere,  ma non  suono
    > neanche da  ieri. diciamo che   sono carine.  Non  sono iscritto
    > alla Siae.   Le vorrei pubblicare  sotto CC, perchŔ ne condivido
    > "la  filosofia".  Diciamo cheun bel  giorno le pubblico come mp3
    > sul  web con   l'utilizzo  dei wizard cc,  come   by-nc-nd.  Che
    > bello.  Qualcuno scarica le  canzoni,  le duplica , le  usa. che
    > bello. Ho lasciato alcune possibilitÓ aperte grazie alle CC.  Un
    > giorno per˛ arriva un Tizio che fa di mestiere il musicista e me
    > le copia, in tutto o in parte, registrando  il tutto sotto Siae.
    > E ci fa pure i soldi, magari .  In  questa situazione, che penso
    > sia estremamante reale, COSA succede ? In cosa mi aiutano le CC?

    > Posso in un tribunale dimostrare che sono mie e non del tizio ? 
    > O ne scaturirebbe un ginepraio giuridico senza nessuna certezza.

Dimostrare che un'opera e` tua (o meno) non ha niente a che vedere con
le licenze CC o con qualsiasi licenza di  diritto d'autore [1] - 

Cio` che ti tutela e`, in ultima istanza, la legge - in particolare la
legge 633/41 (e successivi emendamenti) sul diritto d'autore e diritti
connessi,  e il `corpus'  che  regola i  rapporti contrattuali  tra le
parti.

So che ci sono  dei servizi che ti permettono  di apporre delle  firme
digitali, che possono fungere anche da marca temporale, e che quindi -
grazie alle nuove norme sul  documento elettronico, ad oggi pero` poco
"testate"  in tribunale - possono  essere utili per  dimostrare che tu
sei autore dell'opera X, creata in data Y.

L'associazione Costozero ha implementato un servizio simile, ma non so
quale sia il profilo specifico dei certificati che vengono rilasciati:

  http://www.costozero.org/wai/copyzero.html
  http://www.costozero.org/wai/u2.html
  
Tutto questo, pero`, non  ha niente a che vedere  con le licenze CC, o
con altri tipi di licenze di diritto d'autore.

    > QUali tutele ho ? Quali sono, e come posso farle valere, i miei
    > "some rights riserved" ? Laprte che ho liberato, ok, ma qualla
    > che ho tenuto per me , per es, la paternitÓ ?

    > O le CC non mi servono a nulla e avrei le stese possibilitÓ in
    > tribunale che avendole messe per esempio in publicDOmain ?

Non sono sicuro di aver capito questa domanda.

Spero che queste prime risposte possano esserti utili.

Ciao,

--
Andrea Glorioso		andrea a digitalpolicy.it
                        +39 348 921 4379

[1] Anche se, in effetti, se la  controparte firma un contratto in cui
    c'e`   scritto  che l'opera    X  e`  dell'autore Y,  cio`   avra`
    plausibilmente un certo valore per il giudice.
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale Ŕ stato rimosso....
Nome:        non disponibile
Tipo:        application/pgp-signature
Dimensione:  189 bytes
Descrizione: non disponibile
Url:         http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20060504/96f28789/attachment.bin 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it