[Cc-it] Copyright su edizioni musicali (spartiti)

Andrea Glorioso andrea a digitalpolicy.it
Mer 21 Giu 2006 07:16:56 EDT


Gentile Alessandro,

premettendo che  non sono ne` avvocato  ne` giurista e quanto segue e`
la mia interpretazione personale della  questione, e aggiungendo anche
(senza  volonta`    di polemica) che queste  domande    sono del tutto
"ortogonali"  a Creative  Commons,  nel   senso che  riguardano   piu`
genericamente  le norme sul  diritto d'autore   e non una  particolare
modalita` di gestione quali sono le licenze CC, cerco di rispondere al
meglio delle mie conoscenze.

>>>>> "Kunst" == Kunst der Fuge </ OnClassical" <info a onclassical.com>> writes:

    > Da qualche giorno  ho iniziato a fare  un'opera  di scanning dei
    > miei vecchi(ssimi) libri spartiti di inizio secolo scorso quando
    > non di   fine '800. L'intenzione sarebbe    quella, oltre che di
    > preservarle    in  formato digitale   per   scopi personali,  di
    > pubblicarle in rete. Ho molte informazioni riguardo al copyright
    > e al  suo decadere   negli  anni però richiederei   una maggiore
    > sicurezza in merito alle seguenti:

    > Dati per  assodati    i diritti  d'autore  (sui compositori    e
    > trascrittori)

    > - Dopo  quanti anni un'edizione  diventa  di pubblico dominio in
    > Italia e all'estero?

Premetto che parlo di diritti di sfruttamento economico.

In seguito all'approvazione  della Direttiva 93/98/EEC del 29  Ottobre
1993, tutti  gli Stati Membro dell'UE  devono  proteggere i diritti di
sfruttamento  economico dei titolari  di diritti d'autore per settanta
(70) anni dopo la  relativa morte, o per   settanta (70) anni  dopo la
prima messa a disposizione legale al pubblico  dell'opera, nel caso di
opere anonime o pseudonime.

Ai sensi della Convenzione di Berna, tutti  gli Stati Membro (che sono
naturalmente un  sovrainsieme  degli Stati Membro dell'UE)  devono, ai
sensi dell'art.  7, garantire una tutela di almeno cinquanta (50) anni
dalla morte dell'autore.

Gli accordi TRIPS confermano quanto  gia` stabilito dalla  Convenzione
di Berna (50 anni dalla morte).

Se poi vuoi sapere la normativa stato per stato, posso solo suggerirti
il CLEA (Collection of Laws for Electronic Access) della WIPO:

  http://www.wipo.int/clea/en/index.jsp

Sono certo che altri su questa lista sapranno indicarti altri database
simili.

    > - Di che nazionalità dovrebbe essere quest'edizione (esempio
    > Peters e B&H oppure edizioni italiane o americane).

Non ho capito la domanda.

    > - A proposito di edizioni russe: è vero che il copyright ha una
    > minor durata?

Non conosco la legge Russa, mi limito a riportare - con tutti i `se' e
i `ma' del caso - un estratto da Wikipedia:

  « Russian copyrights generally expire in 70 years after the death of
    the author. Items by  authors  who died  prior to 1953  are public
    domain, because the expiration term was 50  years before 2004, and
    this change  of the  term  wasn't  retroactive, according  to  Law
    72-FZ, 2004 (in Russian), article 2, part 3).

    If an  item was not published  during author's life, its copyright
    expire in 70 years after its first lawful publication (if the item
    wasn't   moved into PD  before).     This gives maximum term   for
    unpublished or posthumously published  works of 140 (if the author
    died after 1953) or 120 years (if the author died before 1953, AND
    his work was published before 2003).

    If an  item was published anonymously   or pseudonymously, and its
    author  remains unknown, its copyright expires   in 70 years after
    its first lawful publication.  If the author is discovered,  usual
    rule applies. »

Mi pare di aver capito  che la normativa russa  e`  ancora in fase  di
rielaborazione, pero`  non mi e`  chiaro se le eventuali  modifiche si
riferiscono solo al campo  della proprieta` industriale o si estendono
anche al copyright/diritto d'autore.

    > - Se il copyright per l'Italia è cessato sono autorizzato
    > comunque a pubblicare in rete?

Il copyright/diritto   d'autore   e` eminentemente  nazionale, dunque,
tenendo conto che non conosco tutti i fatti e assumendo 

(a) che  tutto cio`  che potrebbe  in linea  di principio impedire  la
    pubblicazione sia, appunto, un  diritto di  sfruttamento economico
    di un autore, e

(b) che la  tua  pubblicazione in rete   non sia considerata come  una
    distribuzione, riproduzione  o  messa  a disposizione  anche verso
    altri paesi in cui i  diritti di  sfruttamento economico non  sono
    ancora spirati

credo di si`.

Naturalmente il  punto   (b) e`  alquanto complicato   e  va a toccare
questioni  (tra le altre)  relative al diritto privato internazionale.
Mi spiace, ma non ho la preparazione - e, detta con franchezza, non ho
il tempo :) - per risponderti accuratamente su questo punto.

Spero comunque di esserti stato utile.

Ciao,

--
Andrea Glorioso		andrea a digitalpolicy.it
                        +39 348 921 4379
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale è stato rimosso....
Nome:        non disponibile
Tipo:        application/pgp-signature
Dimensione:  189 bytes
Descrizione: non disponibile
Url:         http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20060621/a53cdd15/attachment.bin 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it