[Cc-it] Problema su Wikimedia Commons

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Sab 23 Dic 2006 09:53:36 EST


marcello900 ha scritto:

 > La ringrazio per le spiegazioni che finalmente hanno fatto chiarezza 
su alcuni dubbi che avevamo.
 > L'unica cosa che non capisco è se quando ci consiglia di fare finta 
di nulla sta facendo ironia oppure parla sul serio.
 > Nel caso in cui stesse parlando sul serio, potrebbe spiegare meglio 
perché fare finta di nulla sarebbe la soluzione migliore? Grazie.

Queste licenze si basano su un concetto che nel diritto si chiama 
"intuitus personae" e che per semplicità possiamo tradurre con "fiducia".

La "fiducia" negata dal trusted computing e dalle TPM, la fiducia su cui 
invece si basano le licenze open content.

Se, come qualcuno sembra auspicare, noi mettiamo mano al codice civile e 
alle leggi speciali per addivenire, ogni volta che ci troviamo di fronte 
ai problemi in oggetto, a un'ermeneusi a nostro favore, capace di 
tranquillizzarci, annientiamo il concetto di "fiducia".
Lo facciamo implodere perché incominciamo a sollevare interrogativi come 
questo: come fa l'altro a dimostrare che è davvero un licenziatario?
Quali prove legali è in grado di produrre?
Se seguiamo questo iter, perdiamo davvero di vista quel rapporto 
fiduciario che dovrebbe legare, sulla base di una "comunione d'intenti 
creativi" - chiamiamola così - "ccplicenziante" e "ccplicenziatari".

Inserire degli avvisi, a mio modo di vedere, crea "panico", le dure 
reazioni di cui sopra (in pratica l'annullamento della licenza o la sua 
richiesta di nullità), forse anche confusione e litigi... e 
sostanzialmente non risolve nulla. Può sembrare paradossale, ma è meglio 
lasciare le cose così come stanno (se preferisce, è ironia della sorte, 
non del sottoscritto).

E' sempre parlando di fiducia, sebbene in altra accezzione, che dovremmo 
rivalutare il caso, traendone qualche spunto per la riflessione.
Io devo potermi fidare di CC.org: quando si adotta la politica dell'URI 
e si mettono a disposizione pagine web contenenti codici legali,
occorre un grande senso di responsabilità, un dovere innanzitutto 
morale, capace di alzare il livello di attenzione a un punto tale da 
ridurre al minimo la possibilità di errore.
Questo si può fare in molti modi: ad esempio, CC.org, dopo avere messo 
on-line le licenze italiane ma prima di averle rese pubbliche, avrebbe 
potuto richiedere un controllo da parte di CC.it.

Purtroppo, questa serietà non sempre è presente e quando manca si vede 
(ci sono molte traduzioni: io non posso escludere che esistano altri 
errori in altre licenze nazionali).

Bisognerebbe incominciare a capire che quando si fa un servizio (anche 
gratuito) rivolto alle persone, bisogna prestare la massima cura onde 
evitare
che queste, fidandosi di noi, perdano la fiducia negli altri: la catena 
della fiducia non deve avere anelli deboli.


Saluti,
n.a.g.


p.s.

Ah, a proposito di anelli deboli:
http://www.creativecommons.it/Licenze

Non c'è un legal code con un indirizzo giusto (vediamo quanto ci mettono 
a correggere).



Maggiori informazioni sulla lista cc-it