[Cc-it] help

info@copyleft-italia.it iuriswebmaster a libero.it
Mer 19 Apr 2006 16:02:28 EDT


> Premetto, ed ? assai probabile che mi sbagli, che io vorrei >
> evitare per principio di registrare il documentario sotto Siae,
> e ho inteso CC come una possibile alternativa. Il punto ?
>  dunque > il seguente: io avevo inteso le varie licenze CC come
> un > alternativa alla registrazione SIAE,

grave errore! purtroppo abbastanza diffuso.
sono due cose completamente diverse.
detta in soldoni... "la SIAE serve per chiudere, le licenze Creative Commons servono per aprire." (non è proprio così semplice, però era per rendere il concetto)

> invece mi pare di
> capire > che tali licenze funzionino solo in un'ottica di siti
> web che > ospitano l'opera e che garantiscono il rispetto delle
> licenze CC > scelte dal detentore del diritto d'autore. 

no. altro errore molto grave. le licenze Creative Commons funzionano come dei contratti fra l'autore dell'opera e l'utente della stessa. il respetto delle stessa non è garantito da nessuno, se non dalla giustizia ordinaria. nel senso che se qualcuno non rispetta la sua licenza, lei come autore (e quindi detentore dei diritti) può chiamarlo in causa di fronte ad un giudice. Creative Commons non fa altro che occuparsi di redigere il testo delle licenze e monitorarne la diffusione.
e non c'entra niente il legame con i siti web. il discorso del codice html è solo per rendere la licenza visibile ai motori di ricerca.

> In
> effetti la mia > intenzione era quella di assegnare detta
> licenza sotto forma di > scrittura all'interno dell'opera, sul
> packaging del dvd, e, una > volta sul web, sul sito. Ma mi
> chiedo...basta mettere la scritta > e il simbolo per vedere
>   viva tale tutela?

come ormai da tempo si dice:
LA LICENZA COPYLEFT NON *TUTELA* UN'OPERA
E' LA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE A TUTELARLA
**********************************************
la licenza al massimo fa il contrario:
consente alcuni usi liberi dell'opera.

> In questo senso > parlavo di registrazione:
> avere la mia opera accreditata presso > CC, come un'opera
> registrata Siae segue la sua trafila > burocratica.

Ora mi sento di invitarla a fare una riflessione: è sicuro che sia davvero una licenza Creative Commons quello di cui ha bisogno?

Gli equivoci concettuali che sono emersi dalla sua mail non sono tuttavia nuovi e dipendono dal fatto che si tratta di un fenomeno relativamente nuovo, su cui c'è ancora bisogno di informazione.
E' infatti appena uscita una mia intervista su LinuxMagazine in cui mi è stato chiesto di fare chiarezza proprio su alcuni punti salienti.
Spero che possa trovarvi qualche cosa di utile:
http://www.copyleft-italia.it/documenti/interv-linuxmag.htm
E poi può provare a leggersi questo saggio riassuntivo:
http://www.copyleft-italia.it/documenti/copyleft-in-breve.htm

In bocca al lupo.
Simone Aliprandi - www.copyleft-italia.it






Maggiori informazioni sulla lista cc-it