[Cc-it] come revocare una licenza (creative commons e non)

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Mer 26 Ott 2005 12:28:34 EDT


Faccio riferimento a questo messaggio:
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2005-October/003387.html 

Sull'articolo si scrive:
http://www.liberacultura.it/index.php?p=45
[..]
Qualcuno si lamenta del fatto che se un autore diffonde qualcosa sotto una 
licenza Creative Commons, questa non può essere revocata. Proprio così. 
L’autore non può più revocarne i termini. È proprio questo il punto.
[..] 

Quel qualcuno a suo tempo, con tutta probabilità, era poco informato.
(o forse, più semplicemente, voleva far "baccano") 

****Ogni licenza in quanto "permesso" può essere revocata in qualsiasi 
momento.**** 

Ergo:
1) L'autore può scegliere di revocare una determinata licenza da una 
determinata data in poi.
Non ha nessun impedimento e non deve addurre nessuna motivazione per farlo. 

(Non a caso qualche tempo fa abbiamo anche appurato che un autore può 
licenziare un'opera con una o più licenze..e queste licenze possono anche 
essere incompatibili tra loro)
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2005-October/003376.html 

2) Per quanto concerne i permessi agli utenti che prima di tale data, 
rispettando i termini della licenza stessa, hanno 
copiato/riprodotto/modificato l'opera, il discorso potrebbe sembrare più 
complesso.
**Ma l'autore può sempre e comunque revocare i permessi anche a questi 
ultimi.**
E' sufficiente che comunichi la sua volontà agli interessati. 

Può farlo senza addurre motivazioni ma se occorresse potrebbe farlo anche 
sostenendo che l'utilizzo da parte dell'utente costituisce "pregiudizio del 
suo onore e della sua reputazione."
Poichè è facoltà dell'autore stabilire cosa costituisca il "suo onore e la 
sua reputazione" l'utente non potrà che prender atto della richiesta 
dell'autore. 

Non solo: **** tra le motivazioni che costituiscono "pregiudizio all'onore e 
alla reputazione dell'autore" potrebbe essere inclusa benissimo la licenza 
stessa.***
L'autore potrebbe sostenere, ad esempio, che le Creative Commons non gli 
piacciono più e non intende più accomunare tale marchio alla sua opera.
E' libero di farlo come è stato libero quando ha scelto di adottarle.
(Potrebbe anche spiegare perchè le creative commons non gli piacciono 
più...ma ovviamente stiamo facendo solo degli esempi e non è certo il caso 
di soffermarsi ora su questo punto) 


Concludo:
Che libertà sarebbe mai quella libertà che ci permette di effettuare una 
scelta ma ci impedisce poi di cambiare tale scelta una volta effettuata?
Sarà **forse** una libertà valida per il copyright statunitense (e ribadisco 
**forse** poichè ho seri dubbi anche a riguardo) ma **sicuramente** non lo è 
per il diritto d'autore italiano.
(come non lo è, banalmente, per il "buon senso") 

Non lo è "checchè" ne dica l'autore del pezzo tradotto da Parrella, non lo è 
"checchè" si scriva nelle licenze creative commons. 

Nota: ho volutamente tralasciato le motivazioni "tecniche" che l'autore 
potrebbe addurre.
Non ultima la validità di un semplice link ipertestuale a una pagina web sul 
quale la licenza è caricata.
...si provi ad esempio a dimostrare che quella pagina è **sempre online** e 
**sempre raggiungibile** dal licenziatario :-) 


Un saluto
Danilo Moi 





Maggiori informazioni sulla lista cc-it