[Cc-it] disclaimer fuorvianti

Thomas Margoni thomas.margoni a gmail.com
Lun 10 Ott 2005 21:32:17 EDT


<berny a cybermesa.com> wrote:[...]

> per cui fatemi capire come funziona la storia tra autore ed editore:


non ho assolutamente questo ardire, solo qualche riflessione personale e
totalmente digiuna di diritto delle sucessioni...


solo l'autore vivo e vegeto puo' licenziare le sue opere sotto CC o
> simili?


Questo non lo ho mail letto in nessuna licenza cc

se e' defunto e non ha specificato alcunche' nel testamento,


Generalmente sono gli eredi a decidere. Perchè gli eredi *ereditano* il
patrimonio del defunto.
Lo possono ereditare in presenza di testamento oppure in assenza. Il secondo
caso è quello più semplice perchè -per semplificare al massimo- tutto va a
moglie e figli (o marito e figlie). Nel caso di testamento possono esservi
altri beneficiari del patrimonio, oppure su esso possono esservi apposte
delle condizioni, etc. ma questo è un caso statisticamente meno frequente.

Quello che è obbligatorio considerare è che viene ereditato solo il
patrimonio che era nella titolarità del defunto. Questo significa che nella
maggior parte dei casi di artisti i diritti di sfruttamento economico non ci
sono perchè sono già stati ceduti (situazione classica nella musica per
esempio). Ma non è affatto detto. Pensa ad un pittore che diventa famoso
dopo la sua morte.

Nel caso più complesso, ossia dove vi sia dualismo di soggetti (eredi e
titolari di diritti economici) gli eredi hanno solo il diritto di veder
mantenuto l'onore e l'integrità dell'opera (e la paternità di essa = diritti
morali). Tutti gli altri diritti (nella più radicale e frequente delle
situazioni) sono stati ceduti.
I figli dei beatles (suppongo che ne abbiano) non possono licenziare con -ad
esempio- cc le canzoni dei beatles. Questa prerogativa è affidata a Michael
Jakson mi pare, credo sia ancora lui.


Se così non fosse, ossia se qualcuno scopre in soffitta una poesia del
proprio trisnonno e ritiene a ragione di esserne l'unico erede, ben potrà
rilascirla sotto creative commons o qualunque altra licenza di distribuzione
che gli possa venire in mente.

l'editore che in precedenza ne ha acquisito e/o gestisce i diritti
> (prassi tipica in italia, al contrario di quanto avviene in USA, se
> non erro)



non so, ma non credo che vi sia tale differenza, chi ne sa di più?

non ne puo' modificare la licenza? usandone, appunto, una
> 'aperta' magari per la sola versione elettronica?


Chi detiene i diritti può fare quello che vuole nel limite degli obblighi
che ha assunto precedentemente. Se concedo per 20 una licenza esclusiva a
qualcuno non posso dopo 15 anni licenziare ad altri, perchè incorro in
responsabilità contrattuale. Non so esattamente a cosa ti stai riferendo.

invece rispetto alla doppia/tripla/etc. licenza decisa dall'autore,
> mi pare giusto quanto scrive danilo:
>
> >Un autore può scegliere di licenziare la sua opera in un determinato
> ambito
> >con una determinata licenza e nel contempo adottarne un'altra in un
> ambito
> >differente.


Sì, si può dire anche così, ma questo è il motivo "sociale", "teleologico".
La ragione giuridica per cui si può rilasciare la stessa opera con, per
esempio, FDL e CCPL è perchè entrambe tra le loro clausole hanno la
previsione della non esclusività. Ossia il fatto che licenzio a tizio non mi
vieta in alcun modo di licenziare a caio. Lo posso fare sotto termini
differenti? Posso. Sta a Tizio o a Caio scgliere la licenza di cui vogliono
godere i termini. Non conosco giurisprudenza in merito ma è ormai una prassi
diffusa.

Inoltre non vedo la ragione per cui Tizio o Caio potrebbero lamentarsi di
una situazione a loro vantaggio (questa è una caratterisctica di queste
licenze, che offrono libertà e la libertà è un concetto che influisce sia
sul licenziante che sul licenziatario. Non vi è una contrapposizione di
posizioni come in una struttura contrattuale classica, bensì una comunione
di obiettivi. Tutto ciò rende statisticamente più difficile giungere a
quelle situazioni di conflitto che sfociano in tribunale.


Thomas
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20051010/d2950cb5/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it