[Cc-it] doppie licenze?!

info@copyleft-italia.it iuriswebmaster a libero.it
Lun 10 Ott 2005 13:05:24 EDT


Caspita, non ci avevo fatto caso.
Giuridicamente abominevole.

Cmq il fatto che il libro sia fuori catalogo non mi sembra sufficiente a giustificare tale distinzione. Chi può dire se un giorno il libro ritroverà nuova vita e verrà ristampato? E cosa si farà in quel caso? Boh, la cosa non mi quadra.
Come non mi quadra il concetto di DOPPIA LICENZA: per attribuire un diverso regime di licenza bisogna che si tratti di due opere sostanzialmente diverse.
Altrimenti nel caso di dovesse andare di fronte ad un giudice, a quale licenza si farà riferimento?
Caso di doppia licenza che mi rimane davvero oscuro è quello di questo documento che contemporaneamente è rilasciato sotto FDL e sotto CC by-sa: http://it.tldp.org/doc-it/intro-swlibero/
Qualcuno mi spiega il senso e l'utilità di questa scelta?
Sottolineo che il mio non è un tono sarcastico, ma realmente interrogativo. Vorrei davvero capire cosa potrebbe succedere nel caso di andase di fronte ad un giudice: la FDL e la CCPL, anche se esplicano gli stessi effetti a livello pratico, non sono proprio la stessa cosa a livello giuridico.
In conclusione rimango dell'idea che la licenza segue l'OPERA e non il FORMATO. E questo non lo dico io, lo dice la licenza stessa: "I diritti sopra descritti potranno essere esercitati con ogni mezzo di comunicazione e in tutti i formati." (art.3)
Un saluto a tutti.
Simone Aliprandi


> Ci? che invece sarebbe da segnalare ? questo tipo di operazione.
> http://www.liberacultura.it/index.php?p=19 
> 
> Non si puo' licenziare l'opera altrui.
> Tantomeno si puo' "consentire" di quest'opera la creazione di opere derivate.
> Solo Bukowski puo' licenziare una sua opera.
> ..nota tecnica: per licenziare un'opera l'autore deve essere, come minimo, 
> vivo. 
> 
> Un saluto
> Danilo Moi 





Maggiori informazioni sulla lista cc-it