[Cc-it] disclaimer fuorvianti

bernardo parrella berny a cybermesa.com
Lun 10 Ott 2005 10:02:06 EDT


in questo caso non ci sono differenze nei testi e il 
significato/valore dell'iniziativa e' spiegato nell'altro messaggio; 
ovvio che poi in caso di differenti versioni o analoghe situazioni, 
ha senso differenziare le licenze...

come pure talvolta ha senso usare licenze differenziate per dare un 
minmo vantaggio di tempi e spazi alle versioni cartacee, vista la 
portata dei piccoli editori in un mercato italiano gia' ristretto e 
monopolizzato (cosa di cui si discute animatamente su cyber-rights, 
ad esempio, a margine di "elogio della pirateria")

--b.

===========================


>Faccio riferimento a questo messaggio di Aliprandi
>http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2005-October/003369.html
>
>Io credo invece sia perfettamente "lecito" licenziare la versione digitale
>di una determinata opera con una determinata licenza e la versione cartacea
>con un'altra licenza ancora.
>
>E' infatti molto probabile che la versione cartacea non sia identica a
>quella digitale.
>ex: la versione digitale di un'opera X non contiene Y capitoli che invece
>sono disponibili sul cartaceo.
>
>Ergo: l'autore o l'editore decidono di utilizzare una licenza "open content"
>per i contenuti in formato digitale ma non operano tale scelta per quelli
>che invece sono pubblicati sul cartaceo.
>
>Nella scelta di liberacultura.it non vedo quindi nulla di anomalo o
>"fuorviante".
>
>Un saluto
>Danilo Moi
>  ------------------------------------------------------------------
>Il mercante meditÚ sul potere ed escogitÚ la democrazia al fine di comprarsi
>i voti (D. Moi)
>
>
>_______________________________________________
>Cc-it mailing list
>Cc-it a lists.ibiblio.org
>http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it




Maggiori informazioni sulla lista cc-it