[Cc-it] problema copisterie

info@copyleft-italia.it iuriswebmaster a libero.it
Mar 22 Nov 2005 08:11:48 EST


Mi sento di sottoscrivere integralmente quanto espresso da Giovanni Ziccardi.
Purtroppo quando si parla di licenze Creative Commons in contesti non prettamente giuridici, c' il rischio di incorrere in equivoci concettuali che magari hai giuristi appaiono banali. Me ne accorgo quando faccio conferenze di presentazione di fronte a semplici curiosi e quindi a non-giuristi. Vorrei ogni volta dire: "prima di ascoltare la mia relazione, consiglierei a tutti gli astanti un corso di diritto industriale in pillole." Ipotesi ovviamente surreale. E questo  un aspetto che si  colto anche sabato alla giornata nazionale Creative Commons: buona parte delle domande del pubblico trovavano risposte nei primi capitoli di un manuale di diritto d'autore, pi che nelle esperienze dei relatori presenti.
Questo per dire che il preblema non  tanto nell'impostazione delle licenze, quanto nella mancanza di informazione presso soggetti che appunto non sono tenuti a conoscere questi aspetti giuridici (vedi le copisterie), ma sono -ahim- tenuti semplicemente all'osservanza di alcune norme di fondo. Consideriamo sempre che - pur con tutto l'interesse che il fenomeno copyleft desta in mabito accademico e culturale - trattasi di un fenomeno nuovo e emergente. Col tempo, quando il fenomeno sar sufficientemente diffuso, anche i nuovi gestori di copisterie sapranno discernere fra un libro con permesso di copia e uno con copyright tradizionale.
Il problema  comunque gi noto da tempo, quando esisteva ancora solo la licenza GNU FDL. E' per questo che  stato attivato il progetto GNUtemberg (www.gnutemberg.org): proprio per sensibilizzare e creare una rete di copisterie/stampatori "compiacenti" e - anzi - incentivati a distribuire materiale in copyleft.
Un saluto a tutti, Simone Aliprandi
http://www.copyleft-italia.it/




Maggiori informazioni sulla lista cc-it