[Cc-it] commercial? in pratica...

info@copyleft-italia.it iuriswebmaster a libero.it
Mar 31 Maggio 2005 09:23:57 EDT


Ancora un paio di cose riguardo gli ultimi post sul problema NON COMMERCIAL... dopo di che anch'io mi tiro un po' indietro confidando nell'intervento di qualcun'alro, magari uno dei giuristi che ha lavorato sul porting delle licenze... sempre se hanno tempo e voglia di farlo, ovviamente.

La diagnosi di Antonio è davvero interessante e piena di argomentazioni basate sui principi fondamentali dei contratti, fra cui - in effetti - rileva anche l'ingrediente della malafede. Quindi lo ringrazio per gli spunti che ha fornito.
Il problema a mio avviso è però più pratico: dobbiamo metterci nella testa di un giudice che non sa minimamente cosa sia il fenomeno delle licenze opencontent e che debba solo dirimere la controversia su due soggetti in causa. E purtroppo è molto probabile che il giudice di primo grado in questione (sarebbe diverso se si trattase di un Corte di Cassazione che invece ha proprio il compito di "dare un indirizzo giurisprudenziale") piuttosto che dare un'interpretazione pionieristica basata sui principi cardine del diritto privato e del diritto d'autore, preferisca prendere le norme e le pronunce giurisprudenziali che secondo lui calzano di più al caso e usarle come riferimento. Non conoscendo - per mia ignoranza- alcuna sentenza in fatto di "attività commerciale" [anzi, se qualcuno ne conosce qualcuna recente, si faccia avanti], ritorno al mio riferimento alla normativa fiscale in fatto di enti non commerciali. E in tal caso è alto il rischio che rilevi più lo scopo dell'iniziativa che la compagine commerciale del soggetto che si è attivato.
Un altro GARBUGLIO DA AZZECCARE potrebbe essere: ma l'imprenditore in questione può documentare di aver "promesso" la devoluzione in beneficienza prima che il progetto sia stato attivato? E' una cosa non da poco. Un conto è fare i furbi e poi riparare dando il 51% in beneficienza; un conto è mettere in piedi un progetto fin dall'inizio mirato alla beneficienza. Questo potrebbe essere un punto su cui far leva per la questione malafede.

Ad Antonio vorrei dire che osservare la discussione su problemi simili sul sito di Creative Commons USA può essere molto utile a livello teorico ma meno utile a livello pratico, poichè i contesti giuridici sono molto diversi. Già sono diversi dal punto di vista contrattuale e del copyright; figuriamoci in un caso in cui rileva anche la normativa fiscale.

Infine vorrei dire al Sig. Renato una cosa fondamentale sull'approcio verso questa lista:
QUESTA E' UNA LISTA DI DISCUSSIONE. Quindi appunto non esistono gerarchie fra i "relatori".
[ma questo a mio avviso non mi sembra che sia stato fatto pesare più di tanto.]
E inoltre non è possibile che in questa lista emerga una "posizione ufficiale di Creative Commons Italia" (e probabilmente nemmeno in altre sedi) per il semplice fatto che ...
attualmente NON ESISTE Creative Commons Italia...
attenzione, non fraintendetemi: intendo che non esiste un vero e proprio ente "Creative Commons Italia", ma esistono dei soggetti (le cosiddette "affiliate institution") a cui la Creative Commons USA (che invece esiste formalmente) ha delegato l'attivazione di un PROGETTO Creative Commons italiano di cui è referente J.C. De Martin il quale a sua volta fa capo a C. Asschenfeldt (coordinatrice iCommons).
E comunque se anche un giorno esistesse un parere UNANIME di TUTTI i progetti Creative Commons del MONDO, con tutti i crismi formali possibili, non avrebbe nessun valore legale, poichè il giudice dovrà giudicare semplicemente il testo della licenza, che è l'unico documento a vincolare le parti. Tutto il resto può avere sì una certa rilevanza sociale/culturale/solidale ma ricordiamoci che i soggetti che andranno di fronte al giudice saranno sempre due: il licenziante e il licenziatario.

Basta, poi divento noioso, lo so.  ;-)
Vi ringrazio dell'attenzione.
Un saluto a tutti. Simone Aliprandi



____________________________________________________________
Navighi a 4 MEGA e i primi 3 mesi sono GRATIS. 
Scegli Libero Adsl Flat senza limiti su http://www.libero.it





Maggiori informazioni sulla lista cc-it