[Cc-it] commercial?

Antonio Bonanno antonio a etz.it
Lun 30 Maggio 2005 19:53:01 EDT


> "Tu non puoi esercitare alcuno dei diritti a Te concessi al 
> precedente punto 3 in una maniera tale che sia 
> prevalentemente intesa o diretta al perseguimento di un 
> vantaggio commerciale o di un compenso monetario privato".
> 
> __"Intesa o diretta"__: come fai a dire che non è preso in 
> considerazione lo __scopo__ del soggetto che esercita i diritti? :o) 

Non è particolarmente difficile: come ho detto prima, il fatto che lo scopo
sia la beneficienza, non toglie che l'attività sia prevalentemente
commerciale. Un'iniziativa commerciale con una destinazione al 100% ad una
ONLUS è comunque un'iniziativa commerciale.

> Infatti non può: è tutto regolare. :o)

Tutto cosa?

> E questo prova la malafede? Questo prova solo quello che hai 
> detto: e quello che hai detto non credo che sia un reato... o lo è?

Ehm... Reato nella violazione di una licenza, che si può configurare come
atto unilaterale o contratto, quale è una licenza Creative Commons? Forse è
il caso che ti chiarisci un po' le idee, e poi se vuoi parliamo di cos'è la
malafede. Violare le licenze Creative Commons non è reato.

> Ma scusa ma non è vero. :o) Di che stiamo discutendo allora? 
> "Tu non puoi esercitare alcuno dei diritti a Te concessi al 
> precedente punto 3 in una maniera tale che sia 
> prevalentemente intesa o diretta al perseguimento di un 
> vantaggio commerciale o di un compenso monetario privato".
> 
> Se l'esercizio del diritto non è prevalentemente inteso o 
> diretto al perseguimento del compenso monetario privato, 
> allora è __consentito___. Altrimenti non ha senso usare quel 
> maledetto avverbio.

Mi spieghi perché la vendita è un esercizio dei diritti di cui al punto 3
che non ha come scopo prevalente quello di ottenere una compensazione
monetaria privata?

> Hai ragione, però i "dubbi" andrebbero fugati perché nel 
> dubbio chi se la sente di rischiare? 

Lo spirito delle licenze Creative Commons è la condivisione: il rischio c'è,
dappertutto, neanche la SIAE è una tutela sicura. La scelta della licenza
Creative Commons non è una mera scelta di convenienza. In questa fase le
certezze sono ben poche, vista la quasi completa assenza di giurisprudenza:
è un contratto (o come diceva qualcuno ad iLaw, un atto unilaterale), un
atto soggetto ad interpretazione, anche relazionato alle contingenze. Per
questo la malafede, sempre secondo me, può avere un suo rilievo nella storia
che ci racconti.

> Ma noi, come avrai visto, ringraziamo ogni volta tutti quelli 
> che esprimono i loro pareri; 
> però un conto è se un parere arriva da uno come me, un conto 
> è se arriva da un esperto di diritto d'autore, un conto è se 
> arriva da Creative Commons Italia. Credo che su questo siamo 
> d'accordo.

Guarda, la soluzione è semplice: vai da un avvocato esperto di IP, paga, e
avrai la tua consulenza autorevole, senza "se" e senza "forse". :)
Probabilmente non ti cambierà niente nella pratica, ma può darsi che aumenti
la tua tranquillità. Come ti ho già detto, anche nella lista di CC.org (il
sito di Creative Commons centrale), la discussione è durata parecchi post e
parecchi giorni, senza giungere ad una vera e propria conclusione.

Buonanotte,

Antonio





Maggiori informazioni sulla lista cc-it