[Cc-it] commercial?

global.sound a email.it global.sound a email.it
Lun 30 Maggio 2005 16:24:42 EDT


Antonio Bonanno:

> Secondo me stiamo andando troppo oltre: 

Secondo me, invece, ci stiamo attenendo strettamente a quello che dice la
licenza. :o/


un'attività commerciale può avere
> come scopo la beneficienza o il finanziamento di attività no-profit (nelle
> quali rientrano anche le ONLUS), rimanendo comunque un'attività
commerciale.

Ok. E quindi?




> Inoltre, a mio parere, quello su cui ha valenza il "prevalentemente" non è
> lo scopo sociale, ma la natura della singola attività che ha ad oggetto
> l'opera coperta da licenza CreativeCommons: il legalcode parla infatti di
> "esercitare I diritti a te concessi dal punto 3 in modo da...": la
> limitazione è quindi sul singolo esercizio, e non sugli scopi del soggetto
> che li esercita. Il fatto che chi vende abbia scopi prevalentemente non
> commerciali non è quindi rilevante.


"Tu non puoi esercitare alcuno dei diritti a Te concessi al precedente punto
3 in una maniera tale che sia prevalentemente intesa o diretta al
perseguimento di un vantaggio commerciale o di un compenso monetario
privato".

__"Intesa o diretta"__: come fai a dire che non è preso in considerazione lo
__scopo__ del soggetto che esercita i diritti? :o) 




> Ma ipotizziamo che lo sia, e torniamo alla storia raccontata da Renato.

Eh, sarà meglio. :o)


> 
> Si profilano due possibilità:
> 
> 1) la vendita è compiuta dalla ONLUS;
> 2) la vendita è compiuta dal soggetto o da un'azienda privata di cui il
> soggetto è titolare:
> 
> Per l'ipotesi sub 1), come fa poi la ONLUS a destinare il 49% ad un
soggetto
> privato? 

Infatti non può: è tutto regolare. :o)





Pagandolo per una prestazione che può essere quella della
> duplicazione del CD o la pubblicizzazione dell'evento collegato o
> quant'altro (che non sia la vendita del CD, sulla quale si veda l'ipotesi
> sub 2) ). In questo caso, se uniamo i dati in nostro possesso, la malafede
> potrebbe risultare accertabile anche in giudizio: vendita di CD musicale
> sotto una licenza CreativeCommons "by-nc", effettuata da una ONLUS il cui
> dirigente è a sua volta il proprietario di un'azienda o il soggetto che si
è
> occupato di fornire alla ONLUS prestazioni collegate alla vendita;

E questo prova la malafede? Questo prova solo quello che hai detto:
e quello che hai detto non credo che sia un reato... o lo è?


 una
> distribuzione di quote così "millimetrica" come 51% alla ONLUS e 49% al
> soggetto privato; non ho esperienza diretta in aula, ma penso sia
> sufficiente a instillare quantomeno il dubbio in un interprete mediamente
> accorto.

Ma dubbio di cosa? Se una persona opera alla luce del sole e nella legalità
(perché esercita diritti che il licenziante gli consente di esercitare), 
di cosa dovrebbe essere accusata? 



> 
> Per l'ipotesi sub 2), se la vendita è stata effettuata da un soggetto di
> diritto privato con scopi di profitto, si tratta di "compenso monetario
> privato". E il "compenso monetario privato" è uno tra gli scopi
> espressamente vietati dalla licenza by-nc, 


Ma scusa ma non è vero. :o) Di che stiamo discutendo allora?
"Tu non puoi esercitare alcuno dei diritti a Te concessi al precedente punto
3 in una maniera tale che sia prevalentemente intesa o diretta al
perseguimento di un vantaggio commerciale o di un compenso monetario
privato".

Se l'esercizio del diritto non è prevalentemente inteso o 
diretto al perseguimento del compenso monetario privato, allora è
__consentito___.
Altrimenti non ha senso usare quel maledetto avverbio.




e alla determinazione della
> natura del compenso monetario certo non contribuisce la successiva
> destinazione da parte del soggetto privato!
> 
> Detto questo, confermo quanto detto da Simone: una posizione ufficiale di
CC
> Italia non ha la qualità e le garanzie di una consulenza legale, per
> ammissione stessa degli ideatori di CC. Attendiamo comunque il parere di
> Juan Carlos sul merito, se vorrà pronunciarsi.


Hai ragione, però i "dubbi" andrebbero fugati perché nel dubbio chi
se la sente di rischiare? 




 Aggiungo inoltre che Renato
> non può certo pretendere un parere senza "forse" e senza "credo": non
> potendoci basare su sentenze, leggi o altre fonti più certe, quello che
> possiamo fare è esprimere le nostre opinioni, che certamente non
pretendiamo
> siano verità incontrovertibili. :)

Ma noi, come avrai visto, ringraziamo ogni volta tutti quelli che esprimono
i loro pareri; 
però un conto è se un parere arriva da uno come me, un conto è se arriva da
un esperto di diritto d'autore, un conto è se arriva da Creative Commons
Italia. Credo che su questo siamo d'accordo.


Renato 
 --
 Email.it, the professional e-mail, gratis per te: http://www.email.it/f
 
 Sponsor:
 Ab king pro l'unico attrezzo che ti permette di ottenere addominali piatti
e scolpiti in poche sedute.

 Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid=2844&d=20050530





Maggiori informazioni sulla lista cc-it