[Cc-it] Re: [Community] La non commercial è una fregatura?

pinna pinna a autistici.org
Lun 30 Maggio 2005 05:13:23 EDT


(premessa: non sono un avvocato)

global.sound a email.it, Sat, May 28, 2005 at 02:30:46PM +0200:
> Il tipo, infatti, non si era limitato a leggere, come i nostri amici, il
> Commons Deed (su cui c'è scritto che è vietato il fine commerciale punto e
> basta) ma si era letto bene anche la licenza intera e aveva scoperto che, in
> realtà, è vietato solo il fine ___prevalentemente___ commerciale. Non è
> vietato il fine commerciale se non è prevalente!

secondo me queste sono speculazioni linguistiche che un magistrato non
avvallerebbe. almeno su questa lista, inoltre, non si e' mai sentito 
parlare di "prevalenza" del fine commerciale e di una sua valutazione 
in termini percentuali (es.:49%-51%).


> Quindi il tipo che aveva fatto? 
> Si era venduto i cd: ___il 51% del ricavato lo aveva dato in beneficenza
> (tra l'altro a una onlus di cui era co-dirigente) e il 49% se lo era
> tenuto___! 
> E aveva tutta la documentazione (licenza compresa) che dimostrava la
> regolarità della sua operazione.

no: dimostrava quella che *secondo lui* e' un'operazione regolare. 
l'esistenza di molta documentazione non giustifica una sua cattiva
interpretazione. ora quel tipo rischia dei guai.


> I nostri amici, però, non si sono arresi e sono andati da un avvocato, ma
> l'avvocato, analizzata la situazione, gli ha sconsigliato di andare in causa
> perché con molta probabilità l'avrebbero persa (perché il tipo era 
> perfettamente in regola).

sempre che la vicenda sia vera, non credo che l'avvocato abbia reso un
grande favore ai tuoi amici. relativamente al "fine commerciale", perfino
la distribuzione gratuita viene inclusa in questa categoria nel caso 
in cui vi sia un ritorno in termini di immagine. cioe' anche un ritorno
non-economico (quindi non quantificabile) e' sufficiente a stabilire
l'esistenza di un fine commerciale. e a mio parere, questo vale a
maggior ragione se si incassa il 49% degli utili.



al di la' di questo, trovo che il problema maggiore e piu' serio sia un
altro: i tuoi amici, rinunciando a rivolgersi a questa o ad altre
comunita' in una situazione critica come quella in cui si sono trovati,
hanno scelto di mettersi in una posizione debole, di rinunciare al
potenziale aiuto di una serie di persone, gruppi e comunita' che
sicuramente appoggerebbero la loro causa.

vi invito a non avere fretta se volete fare le cose bene: attendete
ancora qualche giorno perche' non tutti gli iscritti alla lista
rispondono velocemente. inoltre credo che alcuni dettagli e riferimenti
in piu' (almeno quelli pubblici) aiuterebbero molto.


ciao
pinna



Maggiori informazioni sulla lista cc-it