[Cc-it] commercial?

info@copyleft-italia.it iuriswebmaster a libero.it
Dom 29 Maggio 2005 20:36:06 EDT


ecco in breve la mia diagnosi riguardo al caso della licenza non commercial.
il problema pare tutto racchiuso nell'avverbio "prevalentemente".
a mio avviso la normativa di riferimento può essere quella fiscale in materia di enti non commerciali e più precisamente il D.P.R. 917 del 1986 (Testo unico delle imposte sui redditi) in cui agli artt. 108 e seguenti si traccia (o almeno si cerca di tracciare) un confine fra attività commerciali e non commerciali e anche lì si usa l'avverbio "prevalentemente" (vedi art. 111bis, ad esempio).
Purtroppo la situazione non è chiara anche per altre attività, al di là del discorso di lucrare su diritti d'autore e di produzione fonografica. Io collaboro ad una piccola associazione culturale che spesso "vive" su quel confine, ad esempio quando si tratta di organizzare corsi a pagamento.
E - in generale - sulla base di come si è andato configurandosi il concetto di non-profit in Italia, penso che purtroppo quel 51 % in beneficienza (documentato) metta al sicuro il produttore in questione.
E a nulla rileverebbe invece la malafede in questo caso, sempre che -appunto- si riesca a provarla.
E' una bella gatta da pelare che si chiarirà solo quando qualcuno avrà il coraggio di sottoporre la questione ad un giudice. L'ideale sarebbe che ciò avvenise quando l'uso delle licenze copyleft sarà diventato una prassi così diffusa e un fenomeno socialmente non sottovalutabile, cosicchè il giudice in questione sia portato ad occuparsi in modo attento ed equilibrato del problema.
Il fatto che possano presto nascere delle nuove licenze ad hoc in cui il concetto sia meno equivoco, non risolve però la questione per coloro che hanno ormai pubblicato le loro opere con la "non-commercial". come ben saprete, le licenze una volta allegate ad un'opera e diffuse sono irrevocabili.

a coloro che invece chiedono che Creative Commons esprima la sua posizione ufficiale, devo far notare una cosa: come si legge nelle licenze e nei siti dei vari progetti, Creative Commons non fornisce servizi legali diretti e non esprime "posizioni ufficiali". Questa lista serve ad approfondire e sollevare questioni, ma bisogna ricordarsi che gli unici documenti "ufficiali" rilasciati da Creative Commons sono le licenze. Tutto il materiale annesso non ha valore di parere legale, bensì solo di materiale a scopo informativo. Nel sistema italiano esiste un albo professionale (quello degli avvocati) e solo i soggetti iscritti a questo albo sono autorizzati a svolgere attività di assistenza legale: io per primo non risulto ancora iscritto, purtroppo.
ciononostante spero che tali mie riflessioni siano potute risultare utili ai soggetti che hanno chiesto chiarimenti nonchè a tutti coloro che in lista si sono incuriositi alla questione.
e riguardo ad eventuali "posizioni ufficiali" passo la palla a Juan Carlos De MArtin se lui riterrà opportuno esprimersi a riguardo.

ciao a tutti (e scusate il sermone).
Simone Aliprandi - http://www.copyleft-italia.it/



____________________________________________________________
Navighi a 4 MEGA e i primi 3 mesi sono GRATIS. 
Scegli Libero Adsl Flat senza limiti su http://www.libero.it





Maggiori informazioni sulla lista cc-it