RE: [Cc-it] La non commercial è una fregatura?

Antonio Bonanno antonio a etz.it
Dom 29 Maggio 2005 09:53:53 EDT


Ciao Global Sound :)

La definizione di "uso non commerciale" è molto dibattuto anche sulla
mailing list di CreativeCommons.org: è anche per questo che si sta pensando
nelle versioni successive di CC di specificare meglio e creare diversi tipi
di "uso non commerciale", tra cui appunto un "non for profit" e un altro che
più o meno si può tradurre con "vietata la vendita". Leggendo la storia che
ci raccontate, in tutta sincerità, mi sembra che considerare quel tipo di
utilizzo non possa essere considerata "non commerciale". Per prima cosa,
appare abbastanza evidente una certa mala fede della persona che ha operato
in questo modo (e immagino che questa malafede in giudizio avrebbe un
qualche valore). In secondo luogo, "fini prevalentemente commerciali"
secondo me significa molto semplicemente "utilizzare il contributo
unicamente a scopi di vendita". Quindi un uso come quello descritto nella
vostra storia, almeno secondo me, è definibile come commerciale. Ha poco
valore vedere dove vanno a finire i soldi: la beneficienza non esclude il
fine commerciale, esclude unicamente il profitto.

Antonio

-----Original Message-----
From: cc-it-bounces a lists.ibiblio.org
[mailto:cc-it-bounces a lists.ibiblio.org] On Behalf Of global.sound a email.it
Sent: sabato 28 maggio 2005 14.31
To: cc-it a lists.ibiblio.org
Cc: community a creativecommons.it
Subject: [Cc-it] La non commercial è una fregatura?


Siamo un gruppo di Taranto dedito all'autoproduzione.
Vorremmo aprire un sito per far scaricare la nostra musica, rilasciandola
sotto licenza Creative Commons Non Commercial. Degli amici musicisti ci
hanno però sconsigliato di utilizzare la non commercial e ci hanno spiegato
perché. L'anno scorso avevano aperto un sito per far scaricare la loro
musica, rilasciandola sotto licenza Creative Commons Non Commercial. Tutto è
filato liscio fino a che, a febbraio, non hanno scoperto che un imprenditore
del luogo si era venduto dei cd, con tanto di bollino SIAE, su cui c'era
anche la loro musica! Allora i nostri amici hanno telefonato al tipo e gli
hanno detto che non aveva nessun diritto di farlo. Il tipo, però, molto
tranquillamente gli ha risposto che lui aveva tutto il diritto di farlo
perché la licenza glielo permetteva e che i nostri amici facevano bene a
leggersi i termini della licenza prima di utilizzarla.

Il fatto brutto è che il tipo aveva ragione! :-(

Il tipo, infatti, non si era limitato a leggere, come i nostri amici, il
Commons Deed (su cui c'è scritto che è vietato il fine commerciale punto e
basta) ma si era letto bene anche la licenza intera e aveva scoperto che, in
realtà, è vietato solo il fine ___prevalentemente___ commerciale. Non è
vietato il fine commerciale se non è prevalente! Quindi il tipo che aveva
fatto? 
Si era venduto i cd: ___il 51% del ricavato lo aveva dato in beneficenza
(tra l'altro a una onlus di cui era co-dirigente) e il 49% se lo era
tenuto___! 
E aveva tutta la documentazione (licenza compresa) che dimostrava la
regolarità della sua operazione.

I nostri amici, però, non si sono arresi e sono andati da un avvocato, ma
l'avvocato, analizzata la situazione, gli ha sconsigliato di andare in causa
perché con molta probabilità l'avrebbero persa (perché il tipo era 
perfettamente in regola).

Siccome ci apprestiamo ad andare on-line e vorremmo evitare una simile
esperienza, come possiamo fare per utilizzare una Creative Commons e al
tempo stesso stabilire che nessuno può far soldi con la nostra musica?


Grazie infinite per la risposta.


Renato



 
 --
 Email.it, the professional e-mail, gratis per te: http://www.email.it/f
 
 Sponsor:
 Libri e CD musicali nuovi con sconti dal 60 all'80%!
 Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid=814&d=20050528


_______________________________________________
Cc-it mailing list
Cc-it a lists.ibiblio.org http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it





Maggiori informazioni sulla lista cc-it