[Cc-it] formati trasparenti

Paolo Melchiorre paulox a libero.it
Ven 13 Maggio 2005 08:01:20 EDT


info a copyleft-italia.it ha scritto:

> Fra le licenze copyleft più diffuse l'unica a parlare esplicitmente di TRASPARENZA dei formati è la licenza FDL che obbliga l'autore che la adotta a lasciare sempre la diponibilità e la pubblica accessibilità di una copia in formato "libero".
> Le altre licenze opencontent non entrano nel merito di questa scelta, lasciando l'opzione all'autore.

... è quantomeno plausibile che, nel momento in cui l'autore pubblichi
in formato digitale un opera sotto licenza opencontent (pratica non
obbligatoria e per questo lodevole), la fornisca utilizzando, almeno
come alternativa, un formato aperto, così da non obbligare nessuno ad
utilizzare un programma non open per visualizzarlo (si sa che molti
programmi open interpretano formati non open quali .doc ma è altrettanto
vero che non essendo tali formati aperti l'interpretazione non avviene
quasi mai alla perfezione)

> Un simile dilemma si pone anche in ambito di opere musicali: si fa tanto parlare di "rilasciare canzoni in rete in formato mp3" senza considerare il fatto che si tratta di un formato proprietario: il suo corrispondente "libero" sarebbe l'OGG. La stessa cosa vale per il rapporto fra il JPG e il PNG in fatto di immagini bitmap. Io non sono un informatico e dunque non entro nelle differenze tecniche che ci possono essere.

Il dilemma mi pare che non si ponga, ho trovato molto materiale
opencontent in formati audio aperti ( .ogg [lossy] o .flac [lossless] )
e penso che sia la linea da seguire se si vuole veramente liberare
l'informazione.

Intrappolare informazioni opencontent in bit non open mi sembra un
grosso controsenso.

-- 
  _
|_)_.   |  _ \/
| (_||_||_(_)/\




Maggiori informazioni sulla lista cc-it