[Cc-it] Re: CC-Traduzioni (e altro?)

S*phz scarph a autistici.org
Gio 12 Maggio 2005 16:38:18 EDT


Absinth ha scritto:
> io sono MOLTO favorevole 
> ad ogni tipo di opera derivata che NON stravolge l'opera originale. 

volevo dire qualcosa in merito alla questione dello stravolgimento del 
messaggio di un'opera, dello stravolgimento del suo significato...
ma le cose che dico non hanno alcuna implicazione legale...viaggiano 
piuttosto su un altro binario: quello della filosofia del linguaggio e 
soprattutto ricadono nell'ambito della mia visione del mondo, che non 
puo' essere che parziale e situata.
Sono abbastanza convinto che mettere insieme delle parole contribuisca 
abbastanza poco alla costruzione di un significato.
A partire da Wittgenstein, passando per la filosofia francese 
poststrutturalista (Foucault, Deleuze, Guattari, Derrida) inerpicandosi 
per i labirinti della scienza della comunicazione (McLuhan, De Kerckove) 
oppure della psicologia (Vygotskij) o della lignuistica (Chomsky) in 
moltissimi hanno ragionato sul linguaggio, scritto e parlato, come 
qualcosa di molto lontano dalla trasmissione diretta di significati.
Per prendere un esempio a caso dalla lista, Deleuze ha parlato di 
collasso della catena significante e della scrittura come delirio,
oppure Foucault dice che si scrive soprattutto per non avere piu' un 
volto. La pretesa di avere un potere diretto sull'emissione di segni, 
simboli e significati appare una chimera. Il significato di un'opera 
passa attraverso il filtro psicologico, sociale, culturale del lettore 
che la intreccia con il suo immaginario, con le sue elaborazioni.
Non esiste corrispondenza biunivoca fra significante e significato.
Quindi, seguendo la traccia di questo nomadismo, anche la pretesa di 
stabilire un significato univoco per quanto riguarda la parola scritta 
e/o parlata appare niente piu' che una chimera.
Mi sembra quindi una chimera anche la pretesa di stabilire, attraverso 
la cristallizzazione del significato, un vincolo sulle opere derivate.
Ogni opera e' un'opera derivata, ogni opera e' un'ipertesto. Lo e' nel 
momento stesso in cui e' scritta o e' proferita. Lo e' nel momento 
stesso in cui entra in relazione con gli altri, con coloro a cui la 
parola e' diretta, ma anche nel momento in cui la relazione e' con noi 
stessi: il pensiero e' l'apoteosi del connessionismo e dell'ipertesto.
L'autore quindi non e' un in-dividuo ma un processo, eminentemente 
collettivo e impersonale, e l'opera una creatura instabile per 
definizione. Basta provare a leggere lo stesso libro a distanza di tempo 
per rendersi conto di quali e quante differenze si provano a livello 
emotivo, ma anche sul piano dei contenuti e dei significati, e che 
queste sono attivate dalla differenza di esperienze, di affetti, di 
percezioni, dai mutamenti intercorsi fra la prima e la seconda lettura. 
Un libro e' qualcosa che piu' rimane se stesso piu' cambia!
Quindi, detto cio', a mio modo di vedere erano veramente piu' fighe, a 
livello concettuale non a livello legale, le prime versioni delle 
licenze, dove per assurdo era possibile non includere l'attribuzione 
della paternita' (si lo so' che in Europa i diritti morali sono 
inalienabili ed e' quasi sempre un bene che sia cosi') e credo che la 
libera modifica, l'uso improprio, lo stravolgimento dell'esistente sia 
una caratteristica essenziale degli esseri viventi...come quando i 
castori utilizzano i tronchi di albero per costruire una diga...l'albero 
non nasce per diventare una diga (acc.....questi castori hacker!!! :-)
...e pensare che Chomsky dice che il linguaggio stesso nasce da una 
strana concatenazione di eventi casuale e rizomatica...ma d'altronde in 
natura non esiste un uso proprio...l'evoluzione stessa e' tutto 
un'improprio!!!
(scusate il delirio e l'off topic :-)
ciao
s*phz



Maggiori informazioni sulla lista cc-it