[Cc-it] Re: CC-Traduzioni (e altro?)

Absinth drink.absinth a email.it
Gio 12 Maggio 2005 11:39:55 EDT


Dunque, mi scuso per non aver risposto prima, e per il fatto che in 
generale seguo le email raramente (dovrò eliminare un pò di newsletter 
che non hanno più importanza, per me) comunque, io sono MOLTO favorevole 
ad ogni tipo di opera derivata che NON stravolge l'opera originale. In 
effetti, ho solo gettato la pietra nell'acqua ma senza spiegarmi bene nè 
valutare bene le possibilità offerte dai lavori derivati.
Un romanzo in genere riflette la volontà dell'autore di dare uno o più 
messaggi, di cui solitamente uno primeggia su tutti. Una stessa opera, 
rimaneggiata da chi non ne condivide pienamente le idee (e non è 
questione di destra o di sinistra, per non condividere le stesse idee 
basta ben poco) rischia di perdere il senso originale in una maniera che 
all'autore non piace. Per questo dicevo *ovviamente*. Ma si può definire 
meglio le opere derivate.
Ora, la mia paura non è avere un tornaconto o altro, credetemi non mi 
importa, sarei felicissimo se una volta che finirò e distribuirò il 
lavoro (Dio solo sa quando) potessi definire i permessi in questo senso 
usando quelli a disposizione (Spero per allora che siano attivi, o dovrò 
meglio definirli aggiungendo alcune righe scritte).
Parlo da scrittore inesperto e alle prime armi, ma comunque scrittore di 
romanzi, e visto che per ora siamo pochi, che anche gli altri dicano la 
loro.
Io vorrei avere a disposizione innanzitutto la proprietà di traduzione, 
senza alcuna modifica sostanziale;
per quanto riguarda le opere derivate, queste necessitano seriamente di 
migliore definizione, si dovrebbe poter scegliere tra vari generi di 
opere derivate (o poter stilare una lista) o poterli scegliere 
direttamente tutti (nel senso: "accetti qualunque genere di opera 
derivata o vuoi scegliere tra alcune di queste e/o aggiungerne altre?" o 
qualcosa di simile); ma questo non basterebbe comunque, si dovrebbe per 
ciascuna poter scegliere un "grado di libertà" del tipo "strettamente 
uguale - uguale nelle azioni, parole e sensi - uguale in ogni 
sottomessaggio incluso e nel senso generale - uguale nel senso finale - 
liberamente ispirato", spero si intenda il significato di queste voci 
che rifletterebbero semplicemente la volontà dell'autore.
Ad esempio io sceglierei qualunque opera derivata (libri inclusi) uguale 
in ogni sottomessaggio incluso e nel senso finale (se incluso). Ovvero: 
chiunque può fare fumetti, film, libri, fotografie, canzoni o 
quant'altro suggerisce la fantasia, e può aggiungerci altri 
sottomessaggi (rendere il senso generale diverso sarebbe uno 
stravolgimento dell'opera di partenza, quindi tanto vale che sia 
un'opera ex-novo - attenzione: ho detto il senso generale, il messaggio 
finale dell'opera), l'unica cosa che andrebbe rispettato è - appunto - 
che se si includono dei sottomessaggi presi dall'originale restino 
uguali nella sostanza, e che il messaggio primario ci sia e sia 
anch'esso uguale. Eventuali guadagni sono definiti dalla proprietà 
esistente apposita e da una eventuale discussione tra gli artisti 
interessati (non obbligatoria ma pur sempre una buona usanza).
Queste sono le mie idee, e per assicurarvi che sono in buona fede, ma 
faccio semplicemente un discorso secondo il mio modo di ragionare, vi 
aggiungo pure che io non intendo usare la proprietà che limita il 
guadagno da parte di terzi. Questo lo avevo già deciso ma credo sia 
utile precisarlo per quelli che possono, per i miei suggerimenti, farsi 
idee che non sono le mie.
Forse si potrebbe trovare il modo di prendere solo parte di una opera 
ripensandoci, in cui se non si vuole includere il messaggio primario 
(qualunque sia il motivo), possa essere usato uno o più sottomessaggi, 
perchè ritenuti quelli importanti da chi crea l'opera derivata. Dovrebbe 
comunque trattarsi di un'opera che sia fatta ad esempio per trattare 
meglio un tema, o che altro, ma non fatta per andare a cozzare con 
l'opera originaria, solo per completarla meglio. Se qualcuno vuole fare 
un'opera che sia critica rispetto ad un'altra opera faccia pure, ma 
almeno che usi farina del suo sacco.
Altra cosa, visto appunto che sono scrittore alle prime armi senza 
nessuna opera in attivo, io mi sento favorevole alla possibilità che 
qualcuno prenda il mio scritto e lo renda stilisticamente migliore, ma 
non solo stilisticamente se questo va a migliorare il lavoro ma senza 
rovinarlo.
Io sono convinto che il lavoro che sto svolgendo abbia grandi messaggi e 
potenziale da vendere, non sono sicuro invece di riuscire a renderlo al 
meglio, ma farò tutto quel che mi è possibile. Ora, se qualcuno con più 
esperienza in scrittura prendesse il mio libro e lo valutasse come lo 
valuto io, ma lo ritenesse grezzo (come lo reputo io :-| ), se ci 
lavorasse per renderlo un'opera uguale nella sostanza ma migliore nella 
forma, lo ringrazierei. Io stesso credo che è probabile che lavorerò ad 
una nuova versione in futuro, come avviene ad esempio nei software. Se 
questo significa migliorare quello che è l'opera, ma non modificarne il 
significato, ben venga!
In fatto di prequel e sequel, perchè vengano fatti ci vuole 
fondamentalmente una cosa: che l'opera originaria abbia avuto successo. 
Se un'opera ha successo in genere lo stesso autore ci va cauto nel 
pensare a prequel e sequel. Spesso (specie nei film) si sono viste opere 
che rispetto all'originale lasciavano l'amaro in bocca per le troppe 
aspettative. Se l'opera piace, per quanto migliorata da altri, proviene 
in genere da una idea geniale che solamente l'autore originario ha 
avuto, e questo lascia indissolubilmente la sua impronta, che si sente 
quando manca. Con questo intendo semplicemente dire: io non toglierei la 
libertà di fare prequel e sequel a chiunque, ma se questi provengono da 
una mente diversa difficilmente il lavoro piacerà, per il semplice fatto 
che ci si aspetta una impronta e si avverte invece una impronta diversa, 
che può essere anche geniale, ma viene quasi sempre accolta male perchè 
non era desiderata. Ci sono comunque stati alcuni casi di allievi che 
hanno superato il maestro, e questi li apprezzo, ci vuole coraggio e 
sicurezza per lavorare su lavori d'altri sapendo quel che la gente si 
aspetta e volendo addirittura stupirla.
In definitiva quindi son d'accordo sul promuovere queste libertà, e 
spero anche molti altri, ma va anche ricordato che la libertà comporta 
anche l'obbligo (morale) di rendersi più coscienti (in ogni cosa).
Bene, spero di essere stato più chiaro ora, son contento che si sia 
avviata una discussione al riguardo.
Saluti,
Oscar Lepore


Lorenzo De Tomasi ha scritto:

> Una singola mail per rispondere a due persone sullo stesso tema :-)
>
> Il giorno 26/apr/05, alle 18:42, iuriswebmaster a libero.it ha scritto:
>
>>> Essendo un romanzo, voglio ovviamente non dare la possibilit? di 
>>> modificarlo (No derivative work),
>>> ma al tempo stesso voglio permettere a chiunque di tradurlo, nel
>>> rispetto del testo.
>>
>
> Ciao Oscar :-)
> ti scrivo per chiederti per quale motivo pensi sia *ovvio* che per un 
> romanzo non venga data la possibilità di modifica (sostanziale e/o non 
> sostanziale).
> La mia non vuole essere una provocazione, ma un invito alla 
> riflessione, visto che ho un'opinione differente :-)
> Un romanzo, nell'elenco di categorie di opere stilato da Stallman 
> [trovi il saggio su Software Libero, Pensiero Libero pubblicato da 
> Stampa alternativa], potrebbe essere considerato un'opera opere 
> estetica o di intrattenimento ("dove tutto si riduce alle sensazioni 
> che si provano ammirando l’opera") e, in quanto tale, si potrebbe 
> pensare che concedere il diritto di modifica sia meno "utile" rispetto 
> a un'opera strumentale (ossia gli strumenti necessari per realizzare 
> un lavoro, come una macchina utensile, un programma di videoscrittura, 
> il risultato di un esperimento scientifico, una tesi di laurea, un 
> manuale didattico o di istruzioni).
>
> Permetterne la modifica (anche solo a fini non commerciali, come ha 
> fatto Cory Doctorow [ http://en.wikipedia.org/wiki/Cory_Doctorow ] con 
> Down and Out in the Magic Kingdom [ 
> http://en.wikipedia.org/wiki/Down_and_Out_in_the_Magic_Kingdom ][ 
> http://www.craphound.com/down/ ]) può però contribuire a incentivare 
> la diffusione dell'opera originale attraverso l'elaborazione e la 
> distribuzione di opere derivate (ad esempio una trasposizione a 
> fumetti, a cartoni animati o sotto forma di filmato, oppure altri 
> romanzi o racconti ambientati nello stesso "scenario", se non 
> addirittura un prequel o un sequel).
> A mio parere è anche interessante l'idea di un romanzo collaborativo 
> (ad esempio sviluppato su un wiki) o ramificato (a partire da un 
> determinato punto un altro autore inizia a svilupparne una versione 
> parallela all'originale). In Alto Adige Luisa Carrada ha recentemente 
> proposto "un progetto di romanzo open source, un esperimento di 
> scrittura collettiva in rete ambientato in Alto Adige, realizzato 
> dalla Provincia Autonoma di Bolzano in collaborazione con l'ensemble 
> narrativo Kai Zen. Chiunque può partecipare, inviando la sua proposta 
> di capitolo per continuare la storia, fino ad arrivare alla stesura e 
> pubblicazione di un vero romanzo". [Tratto da: 
> http://mestierediscrivere.splinder.com/ ]
>
> Mi piacerebbe poi capire se consideri il diritto di libera traduzione 
> alla pari di quello di libera trasposizione in tipologie di opere 
> differenti (filmato, fumetto, cartone animato…), ossia se li 
> concederesti allo stesso modo in cui permetteresti "a chiunque di 
> tradurlo, nel rispetto del testo".
> Tra gli esempi che ho fatto precedentemente c'è qualcosa che non 
> permetteresti mai nei confronti del romanzo che stai scrivendo e perché?
>
> Perdonami per questa sorta di interrogatorio, ma è un tema che mi 
> interessa particolarmente :-)
>
>
>> Non capisco come mai nessuno degli organi ufficiali Creative Commons 
>> ci abbia pensato. Non penso sia solo una questione di pigrizia e 
>> menefreghismo "perchè tanto loro parlano Inglese"... boh.
>
>
> Ciao Simone :-)
> vi segnalo che il problema è stato affrontato da Creative Commons 
> Corp, che aveva attivato un apoosito gruppo con relativa lista di 
> discussione per una futura licenza cc-translation [ 
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-translation ].
>
> [ http://creativecommons.org/discuss#translation ]
> Translation license
> Description: Discussion of a license that would allow translations of 
> a work into global languages.
> Project Lead: Heather Ford, Reuters Digital Vision Fellow at Stanford 
> University (http://www.hblog.org and http://reuters.stanford.edu)
>
> Spero contribuiate direttamente al suo sviluppo. Il wiki di 
> creativecommons.it è eventualmente a disposizione per creare un punto 
> di riferimento italiano sulla questione.
>
> Un abbraccio,
> Lorenzo
>
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it