[Cc-it] Fiera del libro - Conferenza su Copyleft

Valentino Stampone valentino.stampone a tin.it
Dom 8 Maggio 2005 08:56:11 EDT


Buongiorno a tutti,
grazie alla segnalazione del Dott.Aliprandi ieri mi sono recato alla 
Fiera del Libro per assistere alla conferenza "Copyleft - Copyright 
Conflitto e/o integrazione".
Riporto qui qualche annotazione a beneficio della lista.
Gli intervenuti sono stati l'editore Alberto Gaffi, lo scrittore Andrea 
Carraro e Tommaso Zanello (Piotta).
Ha condotto il dibattito l'editore Gaffi che ha fatto una breve 
introduzione sul concetto del copyleft in funzione della sua iniziativa 
di pubblicare in copyleft alcune opere tra le quali quella di Andrea 
Carraro, "Il branco".
Ha dichiarato di credere in questo nuovo modo di veicolare l'"opera" 
cercando di ripristinare la vera funzione dell'editore e cioè quella di 
aiutare il rapporto tra scrittore e lettore, evidenziando che l'editoria 
oggi molto spesso ha il potere, come sappiamo, di decretarne il successo 
o il fallimento a prescindere dalla qualità letteraria.
Il libro è comunque in vendita a prezzo accessibile a tutte le tasche e 
può essere acquistato una volta che il lettore ne ha scaricato una copia 
elettronica dal sito dell'editore stesso (ho personalmente scaricato il 
libro dal sito).
L'intervento di Andrea Carraro ha fatto luce sulle ragioni che lo hanno 
spinto a rendere il suo libro fruibile sotto licenza copyleft. Ha 
spiegato che il libro a 10 anni dalla sua prima pubblicazione era ormai 
introvabile e molti editori adducendo varie ragioni si sono rifiutati di 
ripubblicarlo. Carraro ha ricordato che del libro "Il branco" è uscito 
un film di Marco Risi che non ebbe molto seguito e uscendo quando ancora 
il libro non aveva ancora maturato una buona diffusione ne ha 
"strozzato" (termine usato da Carraro) la diffusione. Così ha deciso di 
restituire al libro la diffusione che si merita attraverso la rete.
L'intervento di Piotta invece ha spostato l'attenzione sul copyleft 
applicato a opere musicali.
Si è sottolineato che qui l'impresa potrebbe essere più difficile perchè 
allo sviluppo dell'opera contribuiscono più autori, i quali, non tutti 
possono essere disposti a cedere i propri diritti sull'opera. Allora 
l'esperimento di Piotta è quello di rendere frubile più facilmente i 
suoi testi attraverso la rete e lasciare che autori arricchiscano la sua 
opera con la veste musicale da loro proposta e mi sembra di aver capito 
che ci sia stato una specie di concorso che ha evidenziato l'esistenza 
di diversi autori con una vena creativa di tutto rispetto. Si è concluso 
con qualche domanda.
Ho avvicinato, alla conclusione della conferenza, l'editore Gaffi per 
chiedergli il biglietto da visita. Ho avuto l'impressione di un editore 
con le idee chiare riguardo alle modalità di fruizione delle opere 
digitali, per esempio, che l'opera tradizionale può convivere con quella 
digitale, nel senso che il piacere della lettura del libro (quello 
cartaceo) non scomparirà ma sarà affiancato da altre modalità, fermo 
restando che la cultura deve essere fruibile da tutti.
C'erano i ragazzi di Kronstadt che saluto, dai quali ho acquistato il 
libro di Simone Aliprandi e che sto leggendo con molto piacere.
Unica nota che non ho capito è la motivazione che ha spinto l'editore 
Gaffi a usare il formato word per i libri scaricabili dal sito.
Sinceramente un formato proprietario mal si accoppia con il concetto di 
copyleft (penso che ciò solleverebbe le ire di un'integralista come 
Richard Stallman!); ma forse siamo ancora all'inizio!
Grazie per la cortese attenzione, un cordiale saluto
Valentino Stampone




Maggiori informazioni sulla lista cc-it