[Cc-it] Re: proposta libro

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mar 29 Mar 2005 04:36:33 EST


Michele Mader Scrive: 

> Per questo motivo io apprezzerei più il fatto che sia possibile distribuirlo e che sia davvero troppo pretendere che l'autore lo pubblichi subito integralmente sul suo sito.

Non mi pare che nessuno abbia *preteso* alcunché. 


> Personalmente poi prima di chiedere copie omaggio all'autore, non trascurerei neppure il fatto che se i primi esperimenti di distribuzione con licenze CC dovessero essere negativi per l'editore, in futuro potrebbero non esserci più editori disponibili a distribuire materiale sotto CC. Pertanto inviterei tutti gli interessati a comprarsi il libro a prezzo pieno ed aspettare qualche settimana prima di distribuirlo gratuitamente in rete.
> Penso che sia meglio favorire dei compromessi per aumentare la diffusione di questo tipo di licenze, che sono comunque molto meglio della distribuzione tradizionale, piuttosto che volere tutto e subito per correre poi il rischio di non ottenere niente sul lungo termine.

In questo modo il nuovo modo di distribuzione sarebbe identico a quello 
tradizionale ma soltanto per un certo periodo di tempo: tanto quanto basta a 
fare soldi. Non so perché ma c'è qualcosa che non mi torna... una delle 
sfide lanciate da CC è quella di creare un sistema economico in grado di 
stare in piedi ma con il "Some rights reserved".
La sfida sta proprio nel dimostrare che benché un libro sia scaricabile da 
Internet, tuttavia esso viene venduto (e viene venduto anche perché sta su 
Internet).
E' chiaro che le CC non possono imporre ad un autore di mettere on-line le 
sue opere: sarebbe altamente liberticida.
Ma è anche chiaro (e il P2P ce lo insegna) che un contenuto (libero o non 
libero che sia) non sta "in gabbia" molto a lungo: allora, se proprio 
vogliamo continuare a fare economia, occorre cambiare mentalità e fare di 
vizio virtù. 

Inoltre, bisogna dire che, fatti i soldi, anche il metodo tradizionale 
diventa molto "all'avanguardia" perché i libri invenduti te li tirano 
dietro! :-D
Quindi, in fin dei conti, più che di un compromesso si tratterebbe di un 
paradosso.
Pertanto direi che, banalmente, Aliprandi è libero di non mettere on-line il 
libro e che gli altri sono liberi di comprarlo e di metterlo on-line:
se tutto questo si ritorcerà contro le Ccpl, significa che il sistema 
auspicato da CC non sta in piedi. Se, invece, sta in piedi: allora la sfida 
è vinta, ma è vinta davvero.
Allora diamoci la possibilità di cantare vittoria. 

 

Saluti, Nicola.
________________________________________ 

In ogni uomo alberga un fanciullino: peccato che sia un bastardo. :/) 

 - Bastardopedia - 

http://www.costozero.org/freebooks/bastardopedia.html 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it