[Cc-it] Re: ultimi chiarimenti

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Dom 27 Mar 2005 17:04:54 EST


iuriswebmaster a libero.it Scrive: 

> 
>> Quindi le ho chiesto se 50 copie a 9 euro andavano bene: mi sono limitato ad 
>> accettare la sua controproposta.
> 
> Io ho comunicato con il sig. Danilo Moi (il quale mi ha contattato per primo)
> in privato che il prezzo di 8-9 euro era OK.

Capisco, ma il Sig. Moi (che tra l'altro in questi giorni è fuori sede) non 
mi ha comunicato ciò e dunque non potevo saperlo. 


> In quel caso mi riferivo ad una manciata di copie (che ho io personalmente a casa).
> Se invece si parla di 50 copie (mi scuso ma sinceramente avevo capito che quella fosse una proposta sarcastica) devo tornare a chiedere all'editore poiche' non ne ho cosi' tante io sotto la mia "giurisdizione".
 

Ho fatto un conto approssimativo in base agli iscritti in lista (che sono 
ben più di 50) e ho pensato che utilizzando il wiki e facendo la dovuta 
promozione in un paio di mesi si potesse raggiungere quel numero.
Del resto, come lei stesso conferma, il libro sembra riscontrare molto 
interesse. 


> Ma penso che non ci siano problemi, dato che
> - come esposto alla pagina http://www.copyleft-italia.it/libro/ordina.htm -
> per acquisti così grossi lo sconto aumenta proporzionalmente al numero di copie
> o comunque si applica un prezzo forfettario.

Molto bene. 

 


>> E stavo proprio per aprire sul wiki una pagina per la lista degli acquirenti 
>> (come le ho detto in privato, avrei spinto molto per la vendita del suo 
>> libro e sono disposto a farlo anche adesso).
> 
> Grazie, buona idea. scusi ancora se ho frainteso il suo intento.

Si figuri, alla fine l'importante è capirsi. 

 

> Ne lancio un'altra (che poi è sullo stile dell'anteprima a FaLaCosaGiusta)
> fissiamo un prezzo di 9 euro di cui 8 euro per il libro e 1 euro per un'associazione no-profit
> che si occupa di sensibilizzazione su questi temi. oppure ad una ONLUS impegnata nel sociale.
> libera scelta ai membri della lista riguardo alla destinazione del contributo.
> poi per questioni di trasparenza verranno resi pubblici i termini della donazione.

Beh, la prima ONLUS che mi viene in mente è Liber Liber, ma a tal proposito 
bisognerebbe sentire Marco Calvo. 

 

>> > E cmq mi pare che si siano persi un pezzo: IL LIBRO E' GIA' SCARICABILE IN RETE, ma nella versione precedente - http://www.copyleft-italia.it/pubblicazioni - che tra l'altro non ? poi cos? diversa se non nell'aspetto grafico e nei titoli di alcuni paragrafi.

>> Beh... insomma, avendo i due indici davanti sembrerebbe che non sia proprio 
>> cos?. Fosse cos?, l'editore non le avrebbe chiesto di non mettere il libro 
>> su Internet. :-) 
 

> 1- gli indici sembrano molto diversi perche' - come ho detto - sono cambiati i titoli per rendere l'opera più accattivante asd un pubblico medio (diciamo meno "pappardella accademica" e piu' saggio giornalistico-divulgativo) ma i contenuti sono in gran parte identici. In concreto le parti del tutto nuove sono circa 5-6 paragrafi. E non un intero capitolo come si è detto negli atti preliminari del processo.

Torno a ripeterle che non c'è stato alcun processo.
Probabilmente si alludeva alla sezione B del capitolo quarto che riguarda da 
vicino anche Creative Commons Italia.
Personalmente sono particolarmente curioso di sapere cosa c'è scritto nei 
paragrafi "Firma digitale e timestamping", "Didattica libera", "Open 
Access", "Creative Commons Italia - Le licenze italiane e il problema del 
porting", "Creative Commons Italia - Particolari iniziative (in ambito 
italiano)"... E certamente non sono il solo ad avere questo tipo di 
curiosità. 

 


> 2- come ho già detto, l'editore in questione è una società di amici che non sanno nemmeno cosa voglia dire una licenza opencontent. non sanno cioe' che c'e' la possibilita' che qualcuno scannerizzi il libro senza alcuna violazione di diritti. mi hanno solo detto di aspettare un attimo e di vedere come si mette la questione della distribuzione. e purtroppo, ora come ora, l'unico canale per la distribuzione e' la rete e l'unico modo per recuperare un po' di spese e' la vendita diretta.

Ma certo: come ho detto e ripetuto più volte (anche a caratteri cubitali) mi 
sembra tutto più che lecito. 

 

> AICA (Ass. Italiana Informatica e Calcolo Automatico) ha dato un contributo consistente prenotando qualche centinaia di copie da distribuire gratuitamente ai soci dell'associazione.
> E' da li' che e' nata l'idea di quello che voi chiamate "sconto comitiva" come se fosse un eresia quando invece e' la normale prassi in fatto di editoria specializzata e indipendente.
 

No, nessuna eresia: perdoni la tautologia, ma lo "sconto comitiva" è "lo 
sconto comitiva". Si è parlato si "sconto comitiva", non si è parlato di 
"quell'eresia dello sconto comitiva". 

 


>> > Ma vedo che per alcuni membri di questa lista la pazienza e il rispetto per il lavoro altrui non sono valori condivisi. Mi rammarico per questo ma d'altronde so che molti altri hanno colto il senso delle mie scelte. Infatti queste persone hanno gentilmente chiesto una copia omaggio e gentilmente riceveranno una copia omaggio. 
>> 
>> Se le chiedo chi, lei non me lo dice per rispetto della privacy, giusto? :-) 
> 
> torna questo tono sarcastico che davero non capisco. 

Era una battuta per dire: visto che lei non intende più spedirmi il libro, 
se almeno mi dicesse a chi lo spedirà, potrei farmi dare una copia del libro 
da queste persone. Francamente non ci vedo nulla di offensivo, ma se anche 
in questo caso, si è sentito offeso, per l'ennesima volta torno a chiederle 
scusa (così come già ho fatto in privato). 


ad ogni modo, si tratta di 4-5 persone che mi hanno contattato gentilmente 
in privato chiedendomi NON "mi mandi una copia omaggio?" BENSI' "come posso 
avere una copia per farne una recensione?". è una sottile differenza che 
però ho apprezzato. 

Per quanto mi riguarda non si è trattato di un "mi mandi" ma di un "mi 
manderesti?" (ancora le davo, forse maleducatamente, il "tu" internettiano)
farcito di buona educazione. Però devo darle ragione quando dice che "come 
posso avere una copia per farne una recensione?" è ben più apprezabile. 

Speriamo davvero di esserci chiariti, Sig. Aliprandi.
Ma se ancora avesse dei dubbi, l'invito a rileggere tutti i miei post sul 
tema (magari in un'ottica diversa): e si renderà conto che tutto avrei 
voluto fare fuorché prendermi gioco di lei. 

 

Con immutata stima, Nicola.
________________________________________ 

In ogni uomo alberga un fanciullino: peccato che sia un bastardo. :/) 

 - Bastardopedia - 

http://www.costozero.org/freebooks/bastardopedia.html 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it