[Cc-it] Re: proposta libro

gallizio gallizio a gmail.com
Sab 26 Mar 2005 10:55:48 EST


Tombola!
era quello che molto chiaramente avevo inteso anch'io.

Attendiamo gesto concreto di autore et editore

in caso contrario penso che:
1) sarei costretto a bollare autore ed editore come fake CC
2) non vedro' mai il libro
3) ci dormirei ugualmente di notte 

saluti

gz


On Sat, 26 Mar 2005 16:54:01 +0100, Absinth <drink.absinth a email.it> wrote:
> Scusate la domanda, ma posso chiedere perchè questo libro è stato
> pubblicato con licenze creative commons se poi di fatto l'editore si sta
> tenendo parte delle libertà che questa licenza garantisce? L'autore
> potrebbe anche mettere il libro su web senza chiederlo all'editore,
> almeno teoricamente. Ci sono parecchi libri con questa licenza che
> circolano liberamente sul web e sono pubblicati da editori perfettamente
> a conoscenza di questo, ma vendono comunque, specie spinti dalla
> diffusione che la rete garantisce, no? Inoltre, se una persona sceglie
> di comprare il libro, dopo può anche scannerizzarlo e pubblicarlo sul
> web senza chiedere nulla all'autore, visto che questa è una libertà
> implicita della licenza (permessi d'autore di nome e di fatto si spera).
> Per come sta agendo l'editore non vedo (almeno da quanto ho letto
> finora) un atteggiamento differente da quello che avrebbe chi usa siae
> et similari (sempre che esista altro oltre la siae, non ne ho idea).
> Delucidatemi per favore se sbaglio in queste riflessioni, ma avendo ben
> chiara la filosofia libera del free software di cui le creative commons
> son figlie, mi sembra che il senso sia un pò travisato, e questo può
> essere sconveniente in un momento in cui la filosofia libera si affaccia
> per la prima volta seriamente al di fuori del mondo dell'informatica.
> Facciamo un buon esempio, tanto per citare un libro libero, "Codice
> Libero" di Richard Stallman (il padre della filosofia libera e del free
> software), viene venduto con prezzo se non sbaglio attorno ai 15-17 €,
> ma si trova facilmente sul web in versione integra. Il libro vende
> comunque parecchio, come tutti i libri liberi validi, questo perchè
> ovviamente la versione cartacea è più comoda, senza nulla togliere a chi
> preferisce dargli un'occhiata veloce sullo schermo del computer, se non
> leggerselo tutto senza spenderci dietro. Pensare che questo possa
> veramente influire sulle vendite è sbagliato, visto che la diffusione
> libera permette un pubblico molto più esteso. Editori che pubblicano
> libri liberi normalmente in forma cartacea e sul proprio sito ce ne
> sono, ottimo l'esempio di StampAlternativa (
> http://www.stampalternativa.it ) o Apogeo, o esiste anche la collana
> Stile Libero di Einaudi (ehm, ehm... della Mondadori, che sappiamo di
> chi è...).
> Lo stesso vale per la musica, se si segue fedelmente la filosofia si ha
> che un musicista produce il proprio album, e lo diffonde a macchia
> d'olio, ovviamente in rapporto alla qualità. Bene, se è decente,
> sicuramente nella zona in cui vive troverà qualche posto dove suonare,
> se è buono, anche oltre la propria zona, se è ottimo, qualcuno sarà così
> furbo da organizzare un tour italiano o più, in base alla fama
> raggiunta. Proprio come chi rilascia software libero gratuitamente e poi
> viene chiamato a fare assistenza e formazione in aziende in base alla
> qualità di questo (ovvero si paga il servizio di cui si è garantita la
> qualità in precedenza, finalmente).
> Nel campo dei film non saprei esattamente cosa aspettarmi, anche se
> ovviamente chi produce un film sicuramente qualcosa guadagna nel
> distribuirlo a pagamento ai cinema, visto che questi usano l'opera a
> fine di lucro.
> Io credo in queste linee guida per l'arte libera, e se producessi
> qualcosa sicuramente le seguirei e cercherei editori che non mi
> limitassero, a costo di sbatterci il naso e pubblicare tutto per conto
> mio su un sito, altrimenti mi sembrerebbe di essere solamente
> convogliato in un modello semi-standard adatto a un sistema
> capitalistico, dietro una facciata di novità ma senza nessuna vera
> rivoluzione.
> Spero in una maggiore coerenza da parte di chi vuole essere pioniere di
> questa arte libera, autore o editore che sia, perchè sarà di modello per
> i futuri artisti liberi e di importanza determinante per il successo di
> una filosofia che ha le potenzialità per cambiare una gran quantità di cose.
> 
> Absinth
> 
> creatives a attivista.com ha scritto:
> 
> > iuriswebmaster a libero.it Scrive:
> >
> >> SENTITE LA PROPOSTA:
> >> posso sentire l'editore e fare un prezzo speciale per gli iscritti
> >> alla lista Creative Commons.
> >> penso che non farà storie.
> >> oppure ancora meglio, per quelli che bazzicano in zona Torino posso
> >> fare >una spedizione a uno di loro di un tot di copie così si
> >> risparmiano anche >le spese postali. costui può anche incaricarsi di
> >> fare il pagamento così >facciamo un unico bonifico o un unico assegno.
> >
> >
> > Danilo Moi risponde:
> > Molto bene!
> > Grazie.
> > Comunicaci quando l'editore ti da l'ok, quanto paghiamo a copia e
> > quante copie dobbiamo prenotare.
> > Un saluto
> > Danilo Moi
> > danilomoi at creativecommons.it
> > ------------------------------------------------------------------
> > Il mercante meditò sul potere ed escogitò la democrazia al fine di
> > comprarsi i voti (D. Moi)
> > "Variante Alcide"
> > Il mercante meditò sulla democrazia ed escogitò il voto al fine di
> > comprarsi il potere. (N. Grossi)
> > _______________________________________________
> > Cc-it mailing list
> > Cc-it a lists.ibiblio.org
> > http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> >
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it