[Cc-it] Re: proposta libro

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Sab 26 Mar 2005 09:00:27 EST


Absinth Scrive: 

> Scusate la domanda, ma posso chiedere perchè questo libro è stato 
> pubblicato con licenze creative commons se poi di fatto l'editore si sta 
> tenendo parte delle libertà che questa licenza garantisce? L'autore 
> potrebbe anche mettere il libro su web senza chiederlo all'editore, almeno 
> teoricamente. Ci sono parecchi libri con questa licenza che circolano 
> liberamente sul web e sono pubblicati da editori perfettamente a 
> conoscenza di questo, ma vendono comunque, specie spinti dalla diffusione 
> che la rete garantisce, no? Inoltre, se una persona sceglie di comprare il 
> libro, dopo può anche scannerizzarlo e pubblicarlo sul web senza chiedere 
> nulla all'autore, visto che questa è una libertà implicita della licenza 
> (permessi d'autore di nome e di fatto si spera). Per come sta agendo 
> l'editore non vedo (almeno da quanto ho letto finora) un atteggiamento 
> differente da quello che avrebbe chi usa siae et similari (sempre che 
> esista altro oltre la siae, non ne ho idea).
> Delucidatemi per favore se sbaglio in queste riflessioni, ma avendo ben 
> chiara la filosofia libera del free software di cui le creative commons 
> son figlie, mi sembra che il senso sia un pò travisato, e questo può 
> essere sconveniente in un momento in cui la filosofia libera si affaccia 
> per la prima volta seriamente al di fuori del mondo dell'informatica.
> Facciamo un buon esempio, tanto per citare un libro libero, "Codice 
> Libero" di Richard Stallman (il padre della filosofia libera e del free 
> software), viene venduto con prezzo se non sbaglio attorno ai 15-17 €, ma 
> si trova facilmente sul web in versione integra. Il libro vende comunque 
> parecchio, come tutti i libri liberi validi, questo perchè ovviamente la 
> versione cartacea è più comoda, senza nulla togliere a chi preferisce 
> dargli un'occhiata veloce sullo schermo del computer, se non leggerselo 
> tutto senza spenderci dietro. Pensare che questo possa veramente influire 
> sulle vendite è sbagliato, visto che la diffusione libera permette un 
> pubblico molto più esteso. Editori che pubblicano libri liberi normalmente 
> in forma cartacea e sul proprio sito ce ne sono, ottimo l'esempio di 
> StampAlternativa ( http://www.stampalternativa.it ) o Apogeo, o esiste 
> anche la collana Stile Libero di Einaudi (ehm, ehm... della Mondadori, che 
> sappiamo di chi è...).
> Lo stesso vale per la musica, se si segue fedelmente la filosofia si ha 
> che un musicista produce il proprio album, e lo diffonde a macchia d'olio, 
> ovviamente in rapporto alla qualità. Bene, se è decente, sicuramente nella 
> zona in cui vive troverà qualche posto dove suonare, se è buono, anche 
> oltre la propria zona, se è ottimo, qualcuno sarà così furbo da 
> organizzare un tour italiano o più, in base alla fama raggiunta. Proprio 
> come chi rilascia software libero gratuitamente e poi viene chiamato a 
> fare assistenza e formazione in aziende in base alla qualità di questo 
> (ovvero si paga il servizio di cui si è garantita la qualità in 
> precedenza, finalmente).
> Nel campo dei film non saprei esattamente cosa aspettarmi, anche se 
> ovviamente chi produce un film sicuramente qualcosa guadagna nel 
> distribuirlo a pagamento ai cinema, visto che questi usano l'opera a fine 
> di lucro.
> Io credo in queste linee guida per l'arte libera, e se producessi qualcosa 
> sicuramente le seguirei e cercherei editori che non mi limitassero, a 
> costo di sbatterci il naso e pubblicare tutto per conto mio su un sito, 
> altrimenti mi sembrerebbe di essere solamente convogliato in un modello 
> semi-standard adatto a un sistema capitalistico, dietro una facciata di 
> novità ma senza nessuna vera rivoluzione.
> Spero in una maggiore coerenza da parte di chi vuole essere pioniere di 
> questa arte libera, autore o editore che sia, perchè sarà di modello per i 
> futuri artisti liberi e di importanza determinante per il successo di una 
> filosofia che ha le potenzialità per cambiare una gran quantità di cose.
 

Io (Nicola Alcide Grossi: piacere... ) non posso che dirti che quello che 
dici è più che ragionevole: non si può pensare di utilizzare licenze open 
content per trarne profitto col "sistema classico" (se lo vuoi, paga). 

Però, come vedi, essendo comunque questo *in linea teorica* possibile (e 
certamente lecito: non credo che Aliprandi sia stato costretto dall'editore 
a non immettere in rete copie dell'opera, né che Aliprandi non possa 
regalare una copia a un amico e questo amico non possa metterla in 
Internet... alla fine, chi decide è pur sempre Aliprandi ;)) anche con le 
licenze open content, non possiamo dire ad Aliprandi di comportarsi non 
correttamente. 

Io ho chiesto ad Aliprandi una copia dell'opera, ma lui non me la dà: 
potrebbe regalarmela e se lo facesse non violerebbe l'accordo che ha con 
l'editore, ma lui non me la dà lo stesso. Ma ha il diritto di non darmela e 
non mi interessa sapere se lo fa per questioni di profitto. 

Analogamente, se contatto Giuseppe Caravita e gli chiedo: "Mi dai una copia 
del libro di Aliprandi?". Lui potrebbe rispondermi: "Non ci penso nemmeno: 
se lo vuoi compralo o fattelo dare da altri disposti a dartelo".
Io non avrei nulla da dire a Caravita. 

Spesso (non credo però che sia il caso di Aliprandi) le Ccpl vengono usate a 
fine promozionale e abbinate alla logica commerciale classica:
"Hey, io rilascio le mia opera con Ccpl! Avete capito bene?? Ecco, guardate, 
leggete l'indice del libro: vi interesserebe sapere cosa c'è scritto??? 
Compratelo! Posso anche fare sconti comitiva! E' colpa dell'editore se non 
posso darvi una copia! Ma ve la darei tanto volentieri! Comunque avete 
capito bene che l'ho rilasciata con Ccpl??? Mi invitate alla conferenza? 
Partecipo alla condivisione del sapere! Sono con voi! Potete fare un 
bonifico oppure un assegno... uso le Ccpl! Guardate la recensione! Grazie... 
sì, si può pagare anche con carta di credito! Basta con questa mentalità da 
italiani accattoni! W la libera circolazione del sapere: c'è scritto qui, 
sul mio libro che rilascio con Ccpl! Grazie per l'attenzione, non mi 
aspettavo un'accoglienza così calorosa! Vi amo, pagate". 

Ma attenzione: TUTTO QUESTO E' LECITO.
Ciò non significa che chi non la pensa così, sia un accattone che vuole 
tutto, subito e gratis. E' semplicemente uno che la pensa diversamente:
e ha tutto il diritto di farlo. 

Abbiamo ancora tanto da imparare dal mondo che (forse) sarà. 

 


Saluti, Nicola.
________________________________________ 

In ogni uomo alberga un fanciullino: peccato che sia un bastardo. :/) 

 - Bastardopedia - 

http://www.costozero.org/freebooks/bastardopedia.html 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it