[Cc-it] RE: forma scritta

MARCO MARANDOLA marandol a hotmail.com
Lun 7 Mar 2005 06:51:50 EST


Non mi riferisco alla forma scritta, bensi al momento dell'accetazione.
Come si fa a dimostrare che se io copio una parte di un'opera regolata con 
licenza CC ne ho accettato tutte le clausole?

Grazie

Ciao

marco

>From: "J.C. De Martin" <demartin a polito.it>
>To: MARCO MARANDOLA <marandol a hotmail.com>
>CC: cc-it a lists.ibiblio.org
>Subject: forma scritta
>Date: Sat, 05 Mar 2005 13:10:36 +0100
>
>Una risposta (rapida) al Marco Marandola,
>che ringrazio per i suoi preziosi contributi.
>
>Se non capisco male, Marandola sta parlando
>della questione della "forma scritta".
>In merito, ricordo il documento delle AI
>http://creativecommons.ieiit.cnr.it/SubstantiveLegalChanges_italiano.pdf
>punto 13, pag. 7, che riporto qui sotto
>per comodita':
>
>L'art. 110 L. 633/41 dispone che il trasferimento dei diritti d'autore deve 
>essere provato per iscritto. Il requisito della forma scritta Ŕ pertanto 
>previsto non per la validitÓ, bensý per la prova dell'esistenza del 
>contratto. Peraltro, se chi contesta la validitÓ della licenza Ŕ il 
>licenziatario, non si pongono problemi (se non accetta la licenza non pu˛ 
>utilizzare l'opera). Nel caso in cui invece chi contesta la mancanza del 
>requisito di forma Ŕ il licenziante, anche non si darebbero problemi se si 
>ritiene la teoria di quelli che vedono nel file elettronico un documento 
>scritto (teoria peraltro maggioritaria). Si da atto che sono oggi 
>disponibili modalitÓ di firma digitale o firma elettronica di cui al D.p.r. 
>n. 445/2000 usando le quali si supera qualsiasi incertezza giuridica. Ma 
>non si pu˛ non rilevare come, ad oggi, nessun autore di opere rilasciate 
>sotto licenze libere ha mai ripudiato il rilascio libero della propria 
>opera (vedi il caso del software libero). Questo problema puo' quindi 
>essere meramente teorico.
>
>
>Juan Carlos De Martin
>
>
>
>MARCO MARANDOLA wrote:
>
>>
>>Ho una domanda specifica per il gentie e disponibie Juan De Martin:
>>
>>In base alla legislazione italiana siete sicuri che le licenze CC siano 
>>dei contratti?
>>
>>Mi spiego meglio, il contratto rappresenta l'incontro tra due volonta', e 
>>puo' anche essere predisposto unilateralmente. Deve pero' essere accettato 
>>dall'altra parte, tale accettazione puo' avvenire in vari modi, per 
>>iscritto, o per "fatto concludente".
>>Per "fatto concludente" si intende in genere il pagamento della somma, o 
>>l'esecuzione della prestazione da parte della parte che accetta, cosi', il 
>>contratto.
>>
>>La giurisprudenza americana ha messo in discussione la validita' dei 
>>cosidetti "click contract", cioe' quei casi in cui la parte che dovrebbe 
>>accettare, non legge neanche il contratto (o licenza).
>>Vi sono anche alcune interessanti sentenze in Italia.
>>
>>Siete sicuri che le licenze CC cotituiscano un contratto validamente 
>>accettato secondo la legislazione italiana? Nel caso positivo (sicuramente 
>>le ritenete valide) dove e quando si realizza l'accettazione?
>>
>>Grazie.
>>
>>Marco Marandola
>>
>>
>>
>
>
>--
>I migliori saluti,
>
>
>Juan Carlos De Martin
>______________________________________
>IEIIT
>Consiglio Nazionale delle Ricerche
>Politecnico di Torino
>Corso Duca degli Abruzzi, 24
>10129 Torino, Italy
>E-mail: demartin a polito.it
>Tel: +39-011-564-5421
>Fax: +39-011-564-5429
>http://media.polito.it
>
>





Maggiori informazioni sulla lista cc-it