[Cc-it] forma scritta

J.C. De Martin demartin a polito.it
Sab 5 Mar 2005 07:10:36 EST


Una risposta (rapida) al Marco Marandola,
che ringrazio per i suoi preziosi contributi.

Se non capisco male, Marandola sta parlando
della questione della "forma scritta".
In merito, ricordo il documento delle AI
http://creativecommons.ieiit.cnr.it/SubstantiveLegalChanges_italiano.pdf
punto 13, pag. 7, che riporto qui sotto
per comodita':

L'art. 110 L. 633/41 dispone che il trasferimento dei diritti d'autore 
deve essere provato per iscritto. Il requisito della forma scritta è 
pertanto previsto non per la validità, bensì per la prova dell'esistenza 
del contratto. Peraltro, se chi contesta la validità della licenza è il 
licenziatario, non si pongono problemi (se non accetta la licenza non 
può utilizzare l'opera). Nel caso in cui invece chi contesta la mancanza 
del requisito di forma è il licenziante, anche non si darebbero problemi 
se si ritiene la teoria di quelli che vedono nel file elettronico un 
documento scritto (teoria peraltro maggioritaria). Si da atto che sono 
oggi disponibili modalità di firma digitale o firma elettronica di cui 
al D.p.r. n. 445/2000 usando le quali si supera qualsiasi incertezza 
giuridica. Ma non si può non rilevare come, ad oggi, nessun autore di 
opere rilasciate sotto licenze libere ha mai ripudiato il rilascio 
libero della propria opera (vedi il caso del software libero). Questo 
problema puo' quindi essere meramente teorico.


Juan Carlos De Martin



MARCO MARANDOLA wrote:

>
> Ho una domanda specifica per il gentie e disponibie Juan De Martin:
>
> In base alla legislazione italiana siete sicuri che le licenze CC 
> siano dei contratti?
>
> Mi spiego meglio, il contratto rappresenta l'incontro tra due 
> volonta', e puo' anche essere predisposto unilateralmente. Deve pero' 
> essere accettato dall'altra parte, tale accettazione puo' avvenire in 
> vari modi, per iscritto, o per "fatto concludente".
> Per "fatto concludente" si intende in genere il pagamento della somma, 
> o l'esecuzione della prestazione da parte della parte che accetta, 
> cosi', il contratto.
>
> La giurisprudenza americana ha messo in discussione la validita' dei 
> cosidetti "click contract", cioe' quei casi in cui la parte che 
> dovrebbe accettare, non legge neanche il contratto (o licenza).
> Vi sono anche alcune interessanti sentenze in Italia.
>
> Siete sicuri che le licenze CC cotituiscano un contratto validamente 
> accettato secondo la legislazione italiana? Nel caso positivo 
> (sicuramente le ritenete valide) dove e quando si realizza 
> l'accettazione?
>
> Grazie.
>
> Marco Marandola
>
>
>


-- 
I migliori saluti, 


Juan Carlos De Martin
______________________________________
IEIIT
Consiglio Nazionale delle Ricerche
Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24
10129 Torino, Italy
E-mail: demartin a polito.it
Tel: +39-011-564-5421
Fax: +39-011-564-5429
http://media.polito.it





Maggiori informazioni sulla lista cc-it