[Cc-it] copyleft o imperialismo giuridico?

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Sab 5 Mar 2005 06:22:07 EST


Faccio riferimento a questo messaggio di De Martin:
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2005-March/003066.html 

De Martin scrive:
[..]
Tale scelta si è rivelata opportuna per evitare che un contratto redatto
sulla base dell’ordinamento italiano (quali sono le licenze Creative
Commons italiane) si trovi a dovere essere interpretato ed applicato da
giudici stranieri con riferimento a fattispecie disciplinate dalla
legislazione di un diverso Paese.
[..] 

Danilo Moi risponde:
Perchè quindi un giudice italiano dovrà fare riferimento alla legislazione 
statunitense?
La domanda era (più o meno)  questa.
Perchè quindi tutte le localizzazioni devono uniformarsi alla legislazione 
USA?
(sappiamo che Creative Commons chiede esplicitamente che le licenze vengano 
modificate dalle rispettive A.I. il meno possibile.)
[..] It is very important to us that the porting be very close to the 
original and go into the specifics of national law only
when absolutely necessary.[..]
Se per di più come evidenzia Grossi [...] nelle licenze ci sono interi pezzi 
di codice USA tradotti *letteralmente*, ma da utilizzarsi sulla base della 
legislazione italiana. Questo non è porting... è import.[...] il tutto si fa 
ancora più chiaro. 

Non solo: se la localizzazione italiana è appunto una semplice traduzione (o 
quasi) delle licenze statunitensi sostenere che le creative commons siano un 
"contratto redatto sulla base dell'ordinamento italiano" è decisamente 
"antinomico". 

De Martin scrive:
[...]
Possiamo, inoltre, dire che:
1) non avrebbe senso applicare una licenza pensata per armonizzarsi con
l’ordinamento di un Paese a rapporti che sono disciplinati dalle norme
di un Paese diverso
[..] 

Appunto!
:-) 


De Martin scrive:
[...]
L’uniformazione delle regole applicabili a fatti ed atti che vengono in
essere nel cyberspazio incentiverebbe lo sviluppo della rete ed
eliminerebbe nella fattispecie il problema di diversificare i testi
contrattuali; è ovvio però che l’uniformazione (se mai dovrà essercene
una) non debba seguire necessariamente il modello americano.
[...] 

Danilo Moi risponde:
Credo questa sia la soluzione più logica e auspicabile.
Mi auguro che Creative Commons (me lo auguro da tanto), assieme a tutte le 
altre realtà "affini" possa contribuire a questo auspicato progresso.
Il "Copyleft" è questo.
Un sistema giuridico internazionalmete determinato e riconosciuto che sia da 
**paradigma** comune ma che permetta, nelle sue determinazioni, le 
singolarità e le specificità.
Singolarità e specificità non sono sinonimo di "incompatibilità".
Il copyleft non può essere "omologazione", sia questa omologazione un 
adeguarsi ad un determinato sistema giuridico esistente sia essa un 
adeguarsi a un nuovo sistema giuridico.
Non è certo una "sfida" semplice e immediata, credo però occorra porsi 
seriamente il problema fin da ora. 

Concludo su questo punto: il mio impegno in Creative Commons è mosso proprio 
da questa "speranza". 


***Ottobre 2003*** (quasi due anni fa)
Copyleft as the grand unified theory:
http://www.attivista.com/2003/ottobre/copyleft.html
[...]
There are some interesting realities now.
Gnu licence, Creative Commons, and, recently, PLoS.
They express, with their philosophemes, the heart of something that could be 
revolutionary.
[..]
I believe Creative Common's licences could be seen as the "second step" in 
Copyleft growth, they are the "extension" of GNU's field : that's why I'm 
really interested on them, and that's why I hope for their adoption in 
Italy.(and not only )
PLoS move to the same goal, in the scientific field. 

Is this coordinated work impossible ?
Is it impossible to see it as the beginning of a new, human, socially 
fruitful way of putting into practice  “equal economy”?
[...] 

http://www.annozero.org/nuovo/stories.php?story=330
The Public Library of Science (***15 Ottobre 2003***)
[...]
Si può parlare di copyleft come "the grand unified theory"? Io penso sia 
possibile oltre che, mi ripeto, necessario. Un sistema legislativo 
internazionalmente riconosciuto e internazionalmente determinato che 
permetta finalmente all'umanità di scambiare i propri prodotti, siano essi 
materiali o immateriali, secondo modalità socialmente praticabili, 
socialmente produttive, socialmente convenienti. La prima via per la 
determinazione di tutto ciò è, sarò banale, l'unificare gli sforzi delle 
realtà che tentano oggi, purtroppo autonomamente, di muoversi in questa 
direzione.
[...] 

Credo quindi che la tua risposta a Grossi caro Juan (che infondo implica 
anche me, dato che sono io che ho parlato di "imperialismo") sia 
inopportuna.
[..]
> Se questo da' fastidio perche' percepito come "imperialismo",
> o per qualsiasi altro motivo, la soluzione e' semplice:
> basta non occuparsi delle licenze Creative Commons
> e farsi le proprie. :-)
[..]
Credo che tanto io quanto Grossi continueremo quindi ad occuparci di 
Creative Commons (e di altro)
Personalmente continuerò a farlo con lo stesso impegno che fino ad ora ho 
messo in questo progetto. 

Un saluto
Danilo Moi
danilomoi at creativecommons.it
 ------------------------------------------------------------------
Il mercante meditò sul potere ed escogitò la democrazia al fine di comprarsi 
i voti (D. Moi) 

"Variante Alcide"
Il mercante meditò sulla democrazia ed escogitò il voto al fine di comprarsi 
il potere. (N. Grossi)



Maggiori informazioni sulla lista cc-it