[Cc-it] Altre domande per le AI

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Ven 4 Mar 2005 05:39:11 EST


Spero di fare cosa gradita alle AI, ponendo loro qualche domanda (per altro 
nemmeno troppo impegnativa). 

 

>> RISPOSTA/COMMENTO:
>> In alcuni casi (quando ad esempio autore della musica, autore delle 
>> parole, interprete e produttore non sono la stessa persona) occorre che 
>> tutti gli aventi diritto adottino la licenza CC
 

1. Siccome quei casi sono i casi più frequenti, bisognerebbe approfondire il 
tema.
Come può un esecutore adottare una CCPL se essa è pensata per gli autori?
L'esecutore non può disporre di diritti di cui non è titolare (ad esempio, 
il diritto di modificare l'opera).
Come funziona esattamente il suddetto "menage a quatre"? 


2. In base alla licenza, il Licenziante è "l’individuo o l’ente che offre 
l’Opera".
Non è ben più chiara la soluzione che hanno adottato i francesi ("la ou les 
personnes physiques qui ont créé l'Oeuvre")?
Come voi dite, il diritto d'autore è personale; qualcuno potrebbe pensare 
che per "ente" non si intende una pluralità di persone fisiche, ma una 
persona giuridica.
Secondo me, la maggior parte delle persone cade in equivoco. 

 

3. Dato che, in base alla licenza, "tutti i diritti non espressamente 
concessi dal Licenziante rimangono riservati", dov'è espressamente concesso 
il diritto di utilizzare economicamente l'opera?
Non ditemi che è sottinteso o variamente deducibile dal contesto perché 
sarebbe il massimo della contraddizione.
A me sembra che tale diritto sia espressamente concesso soltanto nel Commons 
Deed: ma il Commons Deed non ha alcun valore legale.
Il fatto che esista una licenza "non commercial", chiaramente, non significa 
nulla: anzi, tecnicamente è inutile dire che il licenziatario non può 
esercitare il diritto di utilizzare economicamente l'opera se poco sopra si 
dice che "tutti i diritti non espressamente concessi dal Licenziante 
rimangono riservati". 

Resto in attesa di chiarimenti e vi ringrazio sin d'ora per le risposte. 


Saluti, Nicola.
________________________________________ 

La nostra coscienza
ci sembra inadeguata,
quest'assalto di tecnologia
ci ha sconvolto la vita.
Forse un uomo che allena la mente
sarebbe già pronto,
ma a guardarlo di dentro
è rimasto all'ottocento. 

 - Giorgio Gaber - 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it