[Cc-it] commenti relativi a vari interventi in lista sulle CCPL

J.C. De Martin demartin a polito.it
Gio 3 Mar 2005 14:57:51 EST


Buongiorno a tutti,

posto un tentativo informale di risposta/commento,
redatto da alcuni membri del gruppo di lavoro delle AI,
a interventi effettuati un lista in merito alle
CCPL (italiane e non).

L'obiettivo e', naturalmente, quello di
contribuire al dibattito e di chiarire,
se possibile, alcune perplessita'.

Buona lettura,

Juan Carlos De Martin

------------------------------------------------------

DANILO MOI #1:
Copyleft o "imperialismo" giuridico?
Allo stato attuale delle cose la localizzazione italiana delle licenze 
potrà avere validità soltanto in Italia. Un'opera tutelata da una 
licenza Creative Commons viene quindi automaticamente tutelata, fuori da 
confini nazionali, dalla versione americana. Questo comporta a mio 
avviso, e non solo mio, seri problemi. (il primo e più vistoso è il 
fatto che in Internet i confini nazionali praticamente non esistono)
Considerate poi le profonde differenze tra il nostro sistema giuridico e 
quello statunitense, differenze talora molto vistose, si potrebbe 
configurare facilmente la situazione che un opera tutelata da una 
creative commons non segua le modalità di diffusione e modifica previste 
dall'autore che la adotta. Come si prevede di risolvere questo problema? 
Come si intende scongiurare un non certo remoto "imperialismo" giuridico?

RISPOSTA/COMMENTO:
La clausola della legge applicabile adottata nella versione italiana 
della licenza si basa sul cosiddetto “principio di territorialità”: in 
base a tale principio la licenza è efficace tra le parti tutte le volte 
in cui l’esercizio dei diritti sull’opera (e dunque l’utilizzazione 
dell’opera) avviene in Italia. Si tratta del medesimo criterio stabilito 
dalla Convenzione di Berna (art. 5.2) per individuare la legge 
applicabile per la protezione delle opere dell'ingegno (cd. Schutzland). 
Tale scelta si è rivelata opportuna per evitare che un contratto redatto 
sulla base dell’ordinamento italiano (quali sono le licenze Creative 
Commons italiane) si trovi a dovere essere interpretato ed applicato da 
giudici stranieri con riferimento a fattispecie disciplinate dalla 
legislazione di un diverso Paese.

Tale scelta è in linea con quanto stabilito dalle altre licenze Creative 
Commons nazionali. Con riferimento alla diffusione delle opere a mezzo 
Internet, la legge applicabile alla singola fattispecie verrà 
individuata di volta in volta sulla base dei criteri già utilizzati per 
disciplinare le varie situazioni in cui atti e fatti produttivi di 
conseguenze giuridiche sono apparentemente de-localizzati in quanto 
avvengono nel cyberspazio, e dunque, ad esempio, tra terminali 
localizzati in diversi Paesi nel mondo.

Possiamo, inoltre, dire che:
1) non avrebbe senso applicare una licenza pensata per armonizzarsi con 
l’ordinamento di un Paese a rapporti che sono disciplinati dalle norme 
di un Paese diverso (dunque l’osservazione di Danilo Moi è, a nostro 
avviso, errata);
2) la licenza americana dovrebbe in linea di principio assicurare il 
conseguimento degli obiettivi perseguiti dall’autore; il lavoro dei 
gruppi nazionali (v. in particolare le explanatory notes alle 
ritraduzioni) permetterà di capire quali parti della licenza americana 
potrebbero essere inefficaci in uno specifico ordinamento;
3) il problema non è l’imperialismo giuridico ma la molteplicità degli 
ordinamenti che regolano le attività che si svolgono in rete. 
L’uniformazione delle regole applicabili a fatti ed atti che vengono in 
essere nel cyberspazio incentiverebbe lo sviluppo della rete ed 
eliminerebbe nella fattispecie il problema di diversificare i testi 
contrattuali; è ovvio però che l’uniformazione (se mai dovrà essercene 
una) non debba seguire necessariamente il modello americano.
Chiuderemmo facendo presente che un ulteriore e possibile sviluppo 
potrebbe essere il seguente: la clausola iCommons potrebbe in futuro 
rinviare alle altre licenze iCommons corrispondenti anziché a quella 
“internazionale”. Per questa via la licenza dispiegherebbe sempre il 
massimo dei propri effetti. Questa soluzione solleva tuttavia alcuni 
problemi giuridici e dunque è allo stato attuale oggetto di studio.

------------------------------------------------------

DANILO MOI #2:
Opera derivata o giustificazione del plagio e della cialtroneria?
Le licenze come la share alike possono facilmente indurre alla nascita 
di equivoci e talora comportamenti scorretti e decisamente illeciti. 
Sulla lista di discussione italiana è sorta recentemente una disputa su 
"cosa sia un'opera derivata". C'è chi ha sostenuto che è opera derivata 
il semplice alterare, ad esempio, la disposizione dei capitoli di un 
testo o la semplice "modifica di una virgola".(cosa che appunto non è 
possibile giustificare) . Cos'è quindi per Creative Commons un'opera 
derivata?

RISPOSTA/COMMENTO:
Il concetto di ”opera derivata” nelle licenze Creative Commons si 
riferisce allo stesso concetto che il diritto d’autore indica all’art. 4 
della legge n. 633/1941: l’elaborazione di carattere creativo dell’opera 
originaria. Dunque, perché vi sia “opera derivata” è necessario che 
l’opera presenti un carattere di creatività ed espressività 
riconoscibile ed ulteriore rispetto all’opera sulla quale si basa (e non 
certo dunque il semplice spostamento di una virgola o l’inversione dei 
capitoli in un testo). Se l’elaborazione non ha carattere creativo, si 
tratterà di una semplice contraffazione (magari dissimulata attraverso 
variazioni irrilevanti) dell’opera base. Se l’elaborazione presenta 
carattere creativo, l’opera derivata è tutelata dalla legge ma “senza 
pregiudizio dei diritti esistenti sull’opera originaria” (art. 4 legge 
n. 633/1941): dunque il suo sfruttamento potrà avvenire soltanto con il 
consenso e nel rispetto delle condizioni poste dell’autore dell’opera 
originaria (condizioni che nelle licenze CC si possono estrinsecare 
nella clausola share alike). Se l’elaborazione è di tale portata che 
l’opera originaria non è più distinguibile ma rimane come semplice 
ispirazione, allora l’opera creata successivamente concretizzerà a sua 
volta un’opera originale e non più un’opera derivata. Va da sé che in 
quest’ultimo caso l’autore dell’opera-figlia non è tenuto a rispettare 
il vincolo “share alike”.

------------------------------------------------------

DANILO MOI #3:
Tutelare e diffondere la cultura o distinguere tra produzione 
intellettuale d'elite e "turba promiscua"?
In che maniera Creative Commons intende relazionarsi con istituzioni 
come la SIAE?
Sappiamo ad esempio che un iscritto alla SIAE non può adottarle.
Come si intende risolvere questo vistoso problema?
Se non fosse risolto non si configurerebbe forse una "tutela" degli 
autori di serie A (la SIAE) e una "tutela" degli autori di serie B? 
(Creative Commons)
----Sempre sulla SIAE, v. anche messaggio di Nicola Alcide Grossi, 
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2005-February/003019.html

RISPOSTA/COMMENTO:
L’obiettivo dovrebbe essere quello di giungere ad un confronto con la 
SIAE sul punto, e cercare di garantire agli Autori iscritti uno spazio 
di libertà maggiore rispetto a quello oggi esistente (almeno per quanto 
riguarda la distribuzione a titolo gratuito delle opere).
La clausola della riserva di riscossione dei compensi “personalmente o 
per il tramite di un ente di gestione collettiva” è stata lasciata 
immutata rispetto alla versione della licenza americana. Nonostante 
l’esistenza dell’esclusiva SIAE in Italia, è stato deciso di mantenere 
l’impostazione originaria della clausola per vari motivi: 1) la clausola 
si limita a chiarire semplicemente una facoltà in capo all’autore e non 
impone nessuna modalità di sfruttamento illegittima; 2) l’autore 
potrebbe iscriversi in un secondo momento alla SIAE; 3) ci possono 
essere delle modalità di riscossione coattiva dei diritti SIAE (in 
particolare, quelle a forfait sulle raccolte di opere) che di fatto 
consentono alla SIAE di percepire compensi anche relativi ad opere di 
soggetti non iscritti; 4) la presenza di questa clausola può favorire 
comunque il dibattito sul problema dell’esclusiva, soprattutto 
considerando le non chiarissime statuizioni regolamentari e pattizie che 
la SIAE detta al riguardo.

------------------------------------------------------

LA QUESTIONE DEI DIRITTI CONNESSI
Messaggi di Nicola Alcide Grossi.

RISPOSTA/COMMENTO:
In alcuni casi (quando ad esempio autore della musica, autore delle 
parole, interprete e produttore non sono la stessa persona) occorre che 
tutti gli aventi diritto adottino la licenza CC (così certamente se 
autore della musica ed autore delle parole siano persone diverse) e che 
si rispettino gli eventuali diritti a compenso previsti dalla legge (in 
assenza di rinuncia espressa da parte degli interessati: abbiamo 
introdotto la clausola relativa ai diritti a compenso proprio per tener 
conto che questi soggetti possono adottare la licenza CC e che se lo 
fanno rinunciano non al potere di autorizzare determinate utilizzazioni 
ma al diritto di percepire una remunerazione). Cio' vale sia per le CCPL 
in inglese, sia per le CCPL italiane.
Per quanto riguarda l'Italia, si fa presente che, se è giusta la lettura 
proposta, per es., in Marco Ricolfi, “Il diritto d’autore nella società 
dell’informazione: comunicazione al pubblico e distribuzione” (specie § 
6), i titolari di diritti connessi non hanno diritti di autorizzare o 
vietare le comunicazione al pubblico; hanno, casomai, un diritto a compenso.

------------------------------------------------------

CLAUSOLA DI LIMITAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ
Messaggio di Nicola Alcide Grossi Grossi.

RISPOSTA/COMMENTO:
Il problema del 1469-bis c'è ed è stato a suo tempo segnalato. La firma 
digitale è l'unica soluzione sicura. La licenza, pero', non cambia: le 
regole dei contratti si applicano anche agli atti unilaterali (art. 1324 
c.c.).

------------------------------------------------------




Maggiori informazioni sulla lista cc-it