[Cc-it] collezione di opere

carolina botero carobotero a gmail.com
Mer 22 Giu 2005 03:18:02 EDT


Me disculpo por no escribir en italiano, llevo unos meses viviendo en
Italia, lo leo, lo hablo pero soy incapaz de escribir. Debido a este
inconveniente intente contenerme para escribir, pero se me ha ocurrido
otra aproximacion a este asunto y pense que no es tan dificil leer
espanhol desde el italiano, gracias al que haga el esfuerzo.
En principio tampoco veia claro como una recopilacion de obras podia
ser una obra derivada y mucho menos una obra nueva, sin embargo,
pensandolo un poco se me ocurre que desde hace ya algun tiempo se ha
permitido por el derecho de autor proteger las bases de datos y la
propia legislacion (desconozco la italiana, hablo desde la colombiana)
normalmente preve el alcance de ese reconocimiento. Hasta donde me
acuerdo se protege precisamente la FORMA que se ha dado a la
recopilacion de la informacion y no la informacion como tal. No se si
revisando esta aproximacion salga alguna observacion que pueda ser
interesante en este analisis

Carolina Botero

On 6/20/05, thomas.margoni a gmail.com <thomas.margoni a gmail.com> wrote:
> Allora secondo voi un collage è una collezione di opere?
> 
> Ho già detto quale è il discrimine: se si metteno assieme con l'unico
> scopo di presentarle in una data forma, con determinate
> caratterisctiche verso il pubblico (e la licenza fa esempi chiari:
> antologie, raccolte, etc etc) allora è collezione di opere, e la
> singola opera contenuta è riproducibile liberamente, sganciabile dalle
> altre, e tutto ciò non sarà considerato opera derivata. Vedi quanto
> detto da Danilo.
> 
> Ma, e ripeto sempre secondo me, se i vari corti sono tali da
> rappresentare una opera unica per la particolare impostazione
> artistica, o creativa o quel che l'è secondo me non c'è molto da
> discutere. Se i corti non hanno una loro autonomia rispetto all'opera
> complessiva, collettiva perchè fatta da più autori (opera collettiva,
> *non* collezione di opere), è una opera unica.
> 
> Comunque al di là del dato della licenza, bisognerebbe guardare a
> quanto dice la cassazione al riguardo....questo potrebbe essere un
> dato alquanto affidabile, che il presunto esperto legale che
> contatterai per la tua attività editoriale sicuramente analizzarà...
> 
> thomas
> 
> 
> On 6/20/05, hulot <redazione a hulot.it> wrote:
> > Beh, se le cose stanno così, questo segna una svolta.
> > Pensavo invece che una raccolta, legata da un tema, in questo caso il genere
> > horror, potesse essere presa come opera e quindi usufruire di una licenza
> > cc.
> > Vedrò un po' che fare, intanto continuo ad aggiornarmi, grazie.
> >
> > Serena
> >
> >
> > > Io credo che la raccolta dei video stessa dovrebbe essere considerata
> > opera,
> > > non collezione di opere. Voi che dite?
> > > [..]
> > >
> > > Danilo Moi risponde:
> > > Non credo proprio.
> > > Una raccolta di video *è* una collezione di opere e non può essere
> > > considerata "nuova opera" ne tantomeno "opera derivata".
> > >
> > > "**raccolta** di video"...appunto una collezione di opere autonome.
> > >
> > > Non solo: la "raccolta in se" non può essere licenziata (perchè appunto
> > non
> > > è un'opera), sono le singole opere che possono essere licenziate dai
> > > rispettivi autori. (e devono essere indicate le loro rispettive licenze,
> > se
> > > ci sono)
> >
> > _______________________________________________
> > Cc-it mailing list
> > Cc-it a lists.ibiblio.org
> > http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> >
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it