[Cc-it] opere derivate

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Lun 20 Giu 2005 10:35:22 EDT


>Ringrazio chi sta dicendo la sua, ubriaco o no: sono tutte considerazioni
>che mi aiutano a capire meglio il quadro. Non sono un'editrice, questo >campo
>mi è nuovo. Andando a ricercare negli archivi ho trovato qualcosa di
>interessante proprio sulla definizione di opere derivate:
>http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-November/001551.html
>Alla prossima, serena

Ciao Serena.
In vino veritas, ok.
Però non possiamo dire: historia, magistra vitae. 

Del significato di opera derivata, così come del "prevalentemente 
commerciale", ci eravamo già occupati in passato (basta guardare gli 
archivi) e avevamo dato risposte univoche e chiare (si tratta di un plurale 
in parte maiestatico in parte istituzionale). 

Ora buona parte della "vecchia guardia giuridica" non c'è più, le vecchie 
f.a.q., che trattavano di questi e di altri problemi non ci sono più: così 
ogni volta bisogna ricominciare da capo discussioni già ampiamente 
sviscerate dai listaroli, dalle AI e dai forestieri. 

Ma è anche questo il bello della vita: non si finisce mai di imparare. 

E poi, per restare nella latinità: repetita iuvant. ;) 

Per quanto riguarda il significato di "opera derivata" bisogna attenersi 
alla definizione in licenza: si tratta di *modifiche sostanziali*. 

Il messaggio che riporti è di De Tomasi, che, notoriamente, prese, in quella 
circostanza, un grosso abbaglio:
se tu cambi la punteggiatura di un testo, non crei un'opera derivata e non 
puoi aggiungere il tuo nome all'elenco degli autori dell'opera:
non per una questione di coscienza, ma perché la licenza non lo consente.
Il foro interno non c'entra assolutamente nulla. 


Tutto ciò è stato confermato su questa lista anche dalle AI (se può essere 
un dato più rassicurante). 


Saluti,
n.a.g. 

 

p.s.
Sto cercando di smettere di utilizzare faccine: conto di farcela per la fine 
dell'anno. Intanto beccatevi questa: :P :D 





Maggiori informazioni sulla lista cc-it