[Cc-it] clausola non commercial

Massimo Travostino massimo.travostino a pecoraro-travostino.it
Ven 17 Giu 2005 11:59:29 EDT


Buongiorno a tutti
 
Avendo partecipato al gruppo di lavoro per l’adattamento delle licenze
all’ordinamento italiano, intervengo a fornire il mio punto di vista
(ovviamente a titolo personale e al solo fine di discussione) su alcune
questioni che sono state sollevate in merito all’applicazione della
clausola “non commercial”.
 
A mio avviso, non dovrebbero esserci molti dubbi in un caso come quello
prospettato dal musicista di Taranto: l’esistenza di un prezzo fatto
pagare da un soggetto (peraltro avente natura di impresa) per la
distribuzione dell’opera implica di per sé tanto un vantaggio
commerciale quanto un compenso monatario privato, che non possono essere
compatibili con la clausola non commercial. E questo, a prescindere
dalla destinazione finale degli utili, la cui redistribuzione per il 51%
ad un ente benefico appare soltanto come il tentativo di mascherare il
fine lucrativo dell’attività svolta. Va infatti distinto il lucro
oggettivo (la realizzazione di un guadagno) dal lucro soggettivo (la
destinazione del guadagno all’effettiva suddivisione tra i soci). Per
intenderci, anche un ente non profit può svolgere un’attività economica
organizzata al fine della produzione e dello scambio di beni o servizi,
vale a dire un’attività commerciale, attraverso atti che perseguono un
lucro oggettivo: ad esempio la commercializzazione di una copia
dell’opera a fronte del pagamento di un prezzo. Tale atto è volto al
perseguimento un fine di lucro oggettivo, a prescindere dalla
destinazione totale o parziale dei proventi ed è, pertanto, da ritenersi
attività commerciale al 100%. La clausola “non commercial” è intesa
proprio ad impedire questo tipo di atti (e con ciò fornisco anche una
mia opinione al quesito posto dal Signor Deferrari).
 
Colgo l’occasione per formulare un altro paio di osservazioni.
 
Per quanto riguarda rapporti di carattere negoziale quali paiono essere
quelli posti in essere per mezzo delle licenze CC, l’interpretazione non
può mai essere fatta “in astratto”, prescindendo dal caso concreto.
Ciascuna situazione concreta presenta peculiarità che potranno
influenzare l’effettiva efficacia della licenza, così come
l’interpretazione di specifiche clausole come quella “non commercial”.
La formulazione della clausola “non commercial” contenuta nelle licenze
CC è stata lasciata ampia e quanto più possibile elastica, suscettibile
di un’interpretazione che si adatti alle peculiarità di ciascun caso;
l’intento è quello di lasciare spazio ad un’interpretazione di buona
fede, che sia rispettosa degli intenti dei contraenti e che possa essere
utilizzata per risolvere situazioni di incerta interpretazione. Si
pensi, ad esempio, alla distribuzione di esemplari dell’opera fatta a
titolo gratuito da un società commerciale che agisce come licenziatario
CC: la “prevalenza” del vantaggio commerciale potrebbe consentire ad un
ipotetico giudice di distinguere tra una distribuzione degli esemplari
fatta esclusivamente per fini di liberalità ed una distribuzione
effettuata a scopo smaccatamente e prevalentemente promozionale (ad
esempio valutando la presenza e l’invasività dei marchi e dei segni
distintivi dell’impresa abbinati alla distribuzione dell’opera
effettuata da questa a titolo gratuito, in qualità di licenziataria di
una licenza CC). 
 
In generale, le discussioni sull’ambito di applicabilità della clausola
“non commercial”, così come sulla distinzione tra lucro e profitto, sono
vive anche negli altri Paesi, non solo in Italia. Le licenze Creative
Commons non hanno certo la pretesa di risolvere la discussione e mettere
d’accordo dottrina e giurisprudenza sul punto. La soluzione adottata è
quella che è stata ritenuta più efficace, conciliando il testo
originario della licenza e le esigenze di uno strumento standard che
deve adeguarsi a molteplici e differenti situazioni. Approfondimenti e
discussioni saranno comunque sicuramente utili per il futuro. Ciò detto,
mi sembra che allo stato attuale la licenza “non commercial” possa
essere efficacemente utilizzata.
 
Un saluto cordiale a tutti
 
Massimo 
 
 
 
 
Avv. Massimo Travostino
Studio Legale Pecoraro-Travostino
Via Governolo 24
10128 Torino
Tel. int. +39.011.508.70.31
Fax +39.011.508.70.30
email: massimo.travostino a pecoraro-travostino.it
 
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20050617/f66b8007/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it